Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia si avvia alla normalità dopo COVID

I caffè, i ristoranti, i cinema e i teatri italiani hanno riaperto parzialmente nella maggior parte delle regioni lunedì come parte del graduale rilassamento nella primavera dei blocchi del COVID-19. “finalmente!” Lorenzo Campagna, un uomo anziano di un piccolo villaggio vicino Roma, ha detto mentre faceva colazione seduto a un tavolo all’aperto vicino alla centrale piazza Venezia della capitale.

14 delle 20 regioni del paese sono classificate come zone gialle, il che significa che c’è un rischio relativamente basso di COVID-19. Cinque sono arancioni e uno è sardo, rosso. Nelle aree gialle, bar e ristoranti possono ora servire i clienti all’aperto dopo una chiusura quasi totale per quasi sei settimane.

Tuttavia, avere una tazza di caffè espresso e cornetto, l’equivalente di un cornetto francese, in piedi al bar – un rito mattutino per milioni di persone – rimarrebbe vietato per altre sei settimane. “La gente vuole davvero venire a fare colazione al pub”, ha detto Loredana Pompey, proprietaria di un bar nel centro di Roma.

Gli sport all’aperto amatoriali sono nuovamente consentiti. Piscine e palestre riapriranno gradualmente nelle prossime settimane, con rigide regole di distanziamento sociale in vigore. Teatri, cinema, musei e siti del patrimonio culturale sono stati riaperti, anche se con una capienza limitata, non superiore al 50 per cento, per gli interni. Ha anche richiesto diverse prenotazioni online per controllare il flusso.

A Milano, circa 100 appassionati di cinema hanno festeggiato facendo la fila prima dell’alba fuori dal cinema Beltrade per assistere alla proiezione alle 6 del mattino del “Caro Diaro” di Nanni Moretti nel 1993. Il Colosseo ha riaperto ai singoli, non ai gruppi di turisti.

READ  Britney Spears non sa quando si esibirà di nuovo, Entertainment News & Top Stories

“Spero che questa sia una riapertura e non una sorta di singhiozzo come la scorsa estate”, ha detto Elisabetta Marchi da Firenze. L’Italia è stato il primo paese occidentale a essere stato duramente colpito dal COVID-19 all’inizio del 2020 e le autorità sanitarie hanno sottolineato che le persone dovrebbero fare attenzione, indossare maschere e mantenere le distanze sociali.

“È anche una nostra responsabilità”, ha detto Elisabetta Bronte, 57 anni, dipendente a Roma. “Spero che ora che i posti siano stati riaperti, ciò non significa che tutti siano liberi di fare quello che vogliono”. Alcuni ristoranti con spazi esterni hanno dichiarato che aspetteranno fino al 1 giugno, quando sarà consentito cenare al coperto.

“È pericoloso per noi acquistare prodotti, cucinare, chiamare il personale, preparare tutto per mangiare all’aperto e poi non saremo in grado di entrare se inizia a piovere”, ha detto Massimiliano Benedetti, 44 anni, la cui famiglia è proprietaria di El Ruscello ( The Creek). , Un ristorante nel villaggio umbro di Chiseley. Nella Zona Gialla, diverse scuole che operavano con un sistema in cui gli studenti ruotavano tra giornate di lezione e giornate di apprendimento a distanza al fine di ridurre il numero in loco, hanno permesso a più studenti di rientrare.

Come molti, Leandro Papparroso, che insegna alla Isaac Newton High School of Science di Roma, era felice di essere tornato dietro un ufficio e aveva un desiderio. “Spero che questo apprendimento virtuale non venga utilizzato dopo COVID. Spero che sia nato da COVID e poi muoia”, ha detto. (Cover di Antonio Dente, Emily Rowe ed Ellie Biles, scritto da Philip Pullella, a cura di Estelle Sherbon)

READ  Un tipico villaggio ha bisogno di essere salvato اج

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)