Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia ringrazia l’India per aver sostenuto la presidenza italiana del G20 per concentrarsi sulla ripresa economica globale: Ambasciatore

La diversità è la chiave per affrontare le sfide globali con un approccio olistico. In quest’ottica, l’Italia e l’India stanno lavorando a stretto contatto e l’Italia è grata all’India per il suo sostegno alla Presidenza italiana del G-20. Questa cooperazione continuerà nei prossimi anni e sarà ulteriormente rafforzata quando l’India entrerà nella Troika il prossimo 1° dicembre.
L’ambasciatore italiano in India Vincenzo de Luca ha detto a Dibanjan Roy Chaudhry . di ET In vista della visita del presidente del Consiglio Narendra Modi a Roma per il vertice del G20.

Quali sono le priorità dell’Italia per il G20 sotto la sua guida e come si integra con l’India?

Negli ultimi mesi, la Presidenza italiana del G20 ha lavorato per affrontare, identificare e attuare risposte condivise alle sfide globali. In particolare, la Presidenza italiana si è concentrata sull’individuazione di strumenti per un recupero equivalente dopo il Covid 19, sfruttando l’opportunità di “ricreare meglio” e imparando dalle esperienze condivise utilizzando strumenti innovativi.

All’interno dei tre pilastri di “Persone, Pianeta e Prosperità” siamo in prima linea nel garantire una risposta comune all’infezione e favorire la regressione a futuri traumi legati alla salute. Guardiamo oltre la crisi per garantire una rapida ripresa che risponda ai bisogni delle persone concentrandosi sulla protezione delle disuguaglianze, sull’emancipazione delle donne, sulle generazioni più giovani e sui più vulnerabili. In questo contesto, il multilateralismo è importante per affrontare le sfide globali con un approccio olistico.

Con questo in mente, l’Italia e l’India hanno lavorato a stretto contatto e ringraziamo davvero l’India per il suo sostegno alla nostra presidenza. Ci auguriamo che questa cooperazione continui negli anni a venire e venga ulteriormente rafforzata quando l’India entrerà nella Troika il prossimo 1° dicembre. Continueremo a costruire insieme il lavoro fatto finora.

READ  Un nativo di Strutsburg che rappresenta la squadra nazionale equestre americana in Italia

Questa Dichiarazione del G20 suggerirà misure per una ripresa economica globale?

La ripresa economica G20 è al centro della presidenza italiana, quindi sarà uno dei temi chiave del bando finale. Sapete, la nostra Presidenza ha individuato tre pilastri d’azione interconnessi: “Persone, Pianeta, Prosperità”.

Al giorno d’oggi, il primo prerequisito per la prosperità è l’abolizione del governo in tutto il mondo. Alla luce di ciò, il Vertice e la Dichiarazione riaffermano il ruolo dei vaccini e riaffermano il rinnovato impegno dei membri del G20 negli sforzi per aumentare la produttività e condividere dosaggi e trattamenti. Dopo questi bisogni immediati, il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di creare “una natura migliore”.

Promuove lo sviluppo di un nuovo modello, più equo e inclusivo per le persone di tutto il mondo e più rispettoso dell’ambiente. La presidenza italiana punta a fare lo stesso con il suo “popolo” e il suo “pianeta” al centro. In tale quadro, la lotta al cambiamento climatico, il cambiamento energetico e la tutela degli ecosistemi giocano un ruolo importante perché non sono solo un presupposto (e stimolo per ulteriore prosperità) al nuovo modello di sviluppo che abbiamo in mente, ma anche un urgente bisogno per il futuro dell’umanità. In questo contesto, come riconosciuto all’ultima riunione ministeriale del commercio del G20 a Toronto, stiamo lavorando per facilitare l’accesso delle MPMI al commercio globale e l’inclusione nei mercati globali. Riteniamo che i mercati globali siano la risorsa chiave per la crescita delle MPMI e, tra l’altro, svolgano un ruolo chiave nel raggiungimento degli obiettivi di crescita sostenibile.

Quali sono le idee dell’Italia per la COP-26, che co-sponsorizza il Regno Unito?

L’Italia giocherà un ruolo chiave nella fase multilaterale nel 2021, non deteniamo la presidenza del G20, ma coopereremo con il Regno Unito, Pre-Cop26 all’inizio di ottobre in vista della prossima COP 26 di Glasgow. L’Italia, a nostro avviso, è particolarmente impegnata a riaffermare e rafforzare il proprio ruolo di nazione virtuosa, ambiziosa e solidale nell’affrontare sfide urgenti come il cambiamento climatico.

READ  I ministri dell'Istruzione di Francia, Italia, Cipro e Grecia lavorano insieme per promuovere il latino e l'antica Grecia

In questo senso, l’Italia, in qualità di partner della COP26, ha svolto alcune settimane fa importanti preparativi per la conferenza di Milano, con l’obiettivo di fornire un’opportunità ai ministri che rappresentano le principali parti negoziali di discutere in modo informale i principali aspetti politici. Milano ha visto anche il lancio di “Youth4Climate: Driving Ambition”, il primo evento interamente dedicato ai giovani sul cambiamento climatico, convocato dal Ministero per i Cambiamenti Ambientali in collaborazione con il Regno Unito.

Riteniamo importante incoraggiare il coinvolgimento delle giovani generazioni nei processi decisionali, responsabilizzare i giovani e riconoscerli come partner chiave nell’azione per il clima. L’evento ha offerto a 400 giovani partecipanti da tutto il mondo l’opportunità di essere uno degli attori principali nell’azione globale per il clima (insieme alla società civile, al mondo degli affari, all’accademia, alle autorità locali e alle organizzazioni regionali).

Con il clima e la natura al centro della nostra agenda multilaterale nel 2021, l’Italia, insieme al Regno Unito, ha dato priorità alle agende finanziarie e tecnologiche attraverso il ruolo di co-presidente della COP26 e presidente del G20. A tal proposito, il G20 Energia-Clima di Napoli “ha segnato un passo significativo verso l’obiettivo di mobilitare congiuntamente 100 miliardi di dollari all’anno per soddisfare le esigenze di crescita nel 2020 e nel 2025 annualmente, al fine di riaffermare la resilienza dei paesi sviluppati”. il contesto della trasparenza nell’attuazione, e tali fondi possono provenire da una varietà di fonti, sia pubbliche che private, bilaterali e multilaterali, comprese fonti alternative.

Quale ruolo si aspetta che l’Italia e l’India svolgano nella regione indo-pacifica?

L’Italia, insieme alle aziende dell’UE e agli Stati membri, vede l’Indo-Pacifico come una parte sempre più importante della geografia mondiale. Condividiamo la stessa visione dell’India per un Indo-Pacifico aperto e indipendente e siamo pronti ad aumentare il suo coinvolgimento nella promozione della democrazia, dello stato di diritto, dei diritti umani, dei mercati aperti, di un ambiente commerciale sostenibile e di obiettivi comuni. La lotta ai cambiamenti climatici e la conservazione della biodiversità.

READ  Le squadre della SA sono state costrette a giocare le partite casalinghe in Italia

L’India gioca un ruolo chiave nella regione perché ne è il fulcro e uno dei suoi principali attori, e l’Italia sta lavorando per rafforzare ed espandere la cooperazione bilaterale in aree che sono in linea con la suddetta visione. Cambio di energia.