Maggio 22, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia punta a raggiungere l’obiettivo di spesa per la difesa della NATO entro il 2028, con quattro anni di ritardo

ROMA – L’Italia rinnova il suo impegno a raggiungere l’obiettivo di spesa Nato del due per cento del PIL con l’intensificarsi della guerra in Ucraina, ma ha promesso di ritardarlo di quattro anni in mezzo a controversie politiche interne sui budget.

Il primo ministro italiano Mario Tragi ha dichiarato giovedì che la spesa aumenterà dell’1,4% del PIL attuale per raggiungere l’obiettivo entro il 2028, piuttosto che la scadenza del 2024 che i membri della NATO hanno concordato di rispettare nel 2014.

Confermando che la data era stata posticipata, Drake sembrava aver risolto una controversia con il suo membro della coalizione al governo, il Five Star Party, che minacciava di opporsi al voto parlamentare in sospeso sulla preoccupazione che il denaro sarebbe stato utilizzato meglio nei progetti sociali. .

Lo sputo ha spinto i commentatori a prevedere un possibile crollo del governo, affermando che fino al 2028 Draghi non annuncerà una data confermata, il 2024 sarà un “specifico, non un obiettivo”.

Ha detto che l’Italia spende “molto meno” per la difesa di Francia e Regno Unito, ma molti governi della NATO non hanno ancora raggiunto l’obiettivo del due per cento, con la Germania che spende l’1,6 per cento del PIL.

Five Star, nel frattempo, ha dichiarato che avrebbe accettato il 2028 come data obiettivo.

La spesa per la difesa dell’Italia, che l’anno scorso rappresentava l’1,4 per cento del PIL, è stata di 28,3 miliardi di euro (31,3 miliardi di dollari), il che significa che il Paese deve raggiungere altri 12 miliardi di euro (13,3 miliardi di dollari) entro sei anni dal suo budget.

READ  'Zero' Netflix Milestone Italy Original su Antonio Dickel Distepano

Cioè, l’Italia si unisce alla corsa alla difesa ad alto costo in Europa da parte di paesi che temono l’occupazione russa.

Il governo italiano ha già deciso di inviare armi al governo ucraino, che è stato sostenuto da una votazione parlamentare giovedì.

L’opposizione di Five Star alla spesa per carne bovina riflette un sentimento diffuso tra gli elettori italiani contro un aumento della spesa del 61% in un sondaggio di questa settimana.

Tuttavia, nonostante una regola a cinque stelle in una coalizione con i Democratici di centrosinistra entro il 2020, l’Italia ha già iniziato a spendere di più in armi.

Durante il suo incarico di Presidente del Consiglio ad interim, l’attuale Segretario alla Difesa, Lorenzo Curini, ha supervisionato il crescente budget che ha consentito l’acquisto di nuove navi, sottomarini, aerei e veicoli militari.

La spesa complessiva è passata da 26 miliardi di euro (28,8 miliardi di dollari) nel 2020 a 28,3 miliardi (31,3 miliardi di dollari) nel 2021, mentre gli acquisti negli stessi anni sono passati da 6,45 miliardi (6 miliardi di dollari) a 6,8 miliardi (7,5 miliardi di dollari).

Parlando giovedì, Draghi ha affermato che la spesa per la difesa dovrebbe essere aumentata in linea con i punti in comune tra gli eserciti europei per costruire capacità di “difesa europea”.

Lo ha trasformato in un “obiettivo esistenziale” per l’UE.

Tom Kington è il corrispondente per l’Italia di Defense News.