Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia paga 1,1 milioni di dollari per l’uccisione di pescatori indiani: pubblici ministeri

Nuova Delhi: l’India ha accettato di pagare 1,1 milioni di dollari di risarcimento all’Italia per le famiglie di due pescatori uccisi dalla marina italiana nel 2012, ponendo fine a una lunga causa legale tra i due paesi.

Suhail Dutt, un avvocato che rappresenta l’Italia, venerdì 9 aprile ha dichiarato alla Corte Suprema indiana che dopo lunghe trattative con il governo indiano, era disposto a pagare 100 milioni di rupie alle famiglie dei pescatori romani e al proprietario della barca danneggiata. Tiro.

Il procuratore generale indiano Tushar Mehta ha detto che le famiglie delle vittime hanno accettato di ricevere “un importo fisso di risarcimento”.

Il banco ha chiesto al governo indiano di depositare il denaro in tribunale entro una settimana dal ricevimento del denaro dal suo rappresentante italiano, secondo un ordine visto dall’Afp. Il caso dovrebbe essere processato il 19 aprile.

L’ultima ordinanza arriva dopo che la Corte permanente di arbitrato (PCA) dell’Aia lo scorso luglio ha dichiarato che entrambi i marinai avevano il diritto di rinunciare all’azione penale.

Salvador Giron e Massimiliano LaDor sono stati quelli che hanno costruito la petroliera italiana MV sulla costa del Kerala. Enrique è stato accusato per anni in India di aver sparato ai pescatori mentre si avvicinava a Lexi.

Poiché l’incidente è avvenuto in acque internazionali al largo della costa meridionale dell’India, l’Italia ha portato la questione all’APC nel 2015, sostenendo che il caso dovrebbe essere ascoltato da un tribunale di diritto marittimo.

L’Italia ha sostenuto che la marina era di stanza in una nave cisterna perché la zona era soggetta alla pirateria, e che avevano sparato sul peschereccio perché non aveva tenuto conto dell’avvertimento di stare alla larga.

READ  La velista di Hoth Eve McMahon ha vinto il Campionato del Mondo Giovanile in Italia

Ma i due marinai di Nuova Delhi – uno dei quali è stato ricoverato a casa nel 2014 e l’altro a casa nel 2016 per motivi medici – devono entrambi tornare in India per il verdetto finale del tribunale locale.

Il pannello ha stabilito che l’India aveva un risarcimento per “perdita di vite umane, danni fisici, danni alla proprietà e danni morali subiti dal capitano e da altri membri dell’equipaggio” della barca, nota come St. Anthony.

Roma e Nuova Delhi sono state invitate a discutere l’importo da pagare all’India.

La detenzione di marinai, le accuse di omicidio e la lunga attesa per la risoluzione del caso rimangono questioni dolenti in Italia.

Nel dicembre 2014, Roma ha minacciato di ritirare il suo ambasciatore dall’India dopo che il tribunale aveva respinto la richiesta originale di Latour di congedo medico.