Maggio 20, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia leggendaria chiude la porta quando torna il numero otto

Sergio Paris, il giocatore italiano più iconico dell’era professionistica, ha rifiutato la possibilità di tornare in nazionale per la finale a sei nazioni.

Il Paris ha annunciato la decisione in una conferenza stampa giovedì, spiegando la necessità di Duluth, che sta affrontando una lotta per essere estromesso dai primi 14.

Gli è stato negato l’addio dai colori assiri da un uragano ai Mondiali 2019, poi da un’infezione e poi da un infortunio nel 2020, ma non è stato nominato nella rosa di partenza per queste sei nazioni. Ma ha rivelato un’opportunità per tornare e giocare ad addio, dopo di che ha deciso di concentrarsi sul rugby di club.

Il club viene prima

“Durante questo torneo a sei nazioni ho programmato di giocare una partita con la squadra”, ha detto.

“Ma due o tre mesi fa, non tenevo conto del fatto che avrei giocato nel torneo di Doolon durante il Sei Nazioni.

“Non mi aspettavo che il club fosse in questa posizione. Da quando sono arrivato ho sempre detto che la mia priorità è l’RCT. L’Italia è un vantaggio. Voglio aiutare il club a uscire da questo momento pericoloso.

Tutto è stato fatto d’accordo con il tecnico e la federazione italiana. Sono rimasti un po’ delusi. Anch’io sono rimasto deluso. Nella vita devi fare delle scelte, che è la scelta più coerente.

Per saperne di più: L’esponente irlandese Andrew Porter si è ritirato dal torneo a causa di un infortunio alla caviglia