Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia ha riportato mercoledì 149 morti per coronavirus e 5.506 nuovi casi

Bloomberg

Entesa, responsabile conto UniCredit allo scadere della liquidazione del prestito

(Bloomberg) – Le banche a rischio dell’Europa meridionale stanno per scoprire la reale portata dei danni ai loro portafogli di prestiti a causa delle turbolenze economiche della pandemia, e centinaia di migliaia di aziende e famiglie in paesi come Italia e Portogallo stanno riprendendo interesse pagamenti su prestiti che sono stati congelati quando i blocchi hanno minacciato i loro mezzi di sussistenza. Secondo Fitch Ratings Inc, molti mutuatari di settori duramente colpiti come il turismo sono maggiormente a rischio di insolvenza e gli istituti di credito italiani Intesa Sanpaolo SpA e UniCredit SpA hanno alcuni dei più grandi cumuli di prestiti con pagamenti in sospeso. Le autorità di regolamentazione hanno ripetutamente avvertito che le banche non stanno prendendo abbastanza sul serio il potenziale aumento dei fallimenti tra l’ottimismo diffuso su una ripresa guidata dai vaccini, la qualità del credito è particolarmente incerta in paesi come Cipro, Italia e Portogallo, e Bernard Held, il principale credito di Moody’s Investors ufficiale, il servizio ha detto al rapporto dell’11 maggio. “I restanti prestiti che beneficeranno della moratoria saranno le principali sacche di potenziale deterioramento del credito”. I prestatori di tutto il continente hanno registrato quasi una sweep dell’utile netto al di sopra delle aspettative nel quarto trimestre, poiché i dirigenti hanno mostrato un tono più ottimista rispetto alle autorità di regolamentazione sulla necessità di mettere da parte i contanti per il cattivo credito in futuro. Gli accantonamenti più bassi hanno rafforzato i dati sugli utili e le aspettative di pagamenti di dividendi agli investitori. Per saperne di più: le banche europee non hanno più paura di un crollo economico: i mutuatari dalla Germania e dai paesi nordici hanno fatto ricorso meno alla sospensione dei prestiti e la maggior parte di loro è già scaduta. Ciò significa che mentre i paesi dell’Europa settentrionale hanno affrontato per lo più il rischio nascosto di dilazioni di prestito, il conto si sta ancora dirigendo verso sud. “Mi aspetto un deterioramento dell’intero portafoglio crediti, anche se i prestiti non vanno necessariamente a male”, ha detto in un’intervista Marco Giorgino, docente di finanza e gestione dei rischi al MIP Politecnico di Milano che i risultati del secondo trimestre porteranno prova di quanto bene le banche dell’Europa meridionale stiano fornendo, con le date di scadenza. Gran parte della moratoria rimanente. UniCredit ha dichiarato che guadagnerà 16,2 miliardi di euro (19,8 miliardi di dollari) su un totale di 18,9 miliardi di euro di pagamenti congelati in quel periodo. Per Santander , restano circa 7 miliardi di euro di 16 miliardi di euro di prestiti differiti. Secondo l’Autorità bancaria europea, i mutuatari dei settori più colpiti dalla pandemia, come l’ospitalità, l’istruzione e l’intrattenimento, hanno usufruito del pagamento delle ferie. eccessivamente su indicatori inefficaci, rating obsoleti e informazioni in ritardo nel valutare la probabilità che i mutuatari nei settori alimentare e ricettivo effettuino pagamenti sui prestiti, secondo la Banca centrale europea. In alcuni casi, le banche hanno adeguato i prestiti che non soddisfano gli standard di moratoria senza contrassegnarli come proibiti. La Banca centrale europea mercoledì “rischia di nascondere i rischi reali nei libri delle banche”. Un rinnovato aumento delle sofferenze potrebbe annullare anni di risanamento post-finanziario, quando le autorità di regolamentazione hanno spinto i prestatori a ristrutturare ed eliminare i crediti inesigibili. Tuttavia, la maggior parte delle banche indica di sentirsi a proprio agio riguardo al potenziale impatto sulla qualità degli attivi della graduale rimozione della protezione del credito. Molti dicono che i mutuatari che sono usciti dal blocco hanno generalmente continuato a tenere il passo con i pagamenti. La situazione è “completamente sotto controllo” sia per Intesa che per le altre banche italiane, l’amministratore delegato di Intesa Carlo Messina, che ha una banca da 30 miliardi di euro di prestiti ancora in sospeso, ha dichiarato in un’intervista a Bloomberg TV l’11 maggio: “Noi ‘ Ho già fatto un’analisi di un cliente. Un cliente viene dato a tutti i clienti soggetti alla moratoria “, e hanno molta liquidità nei loro conti, ha detto. L’istituto di credito italiano ha registrato un tasso medio di insolvenza dell’1,5% in scadenza, sulla base dei risultati del primo trimestre. I governi europei hanno fornito alle banche un’ulteriore esenzione sotto forma di garanzie. Secondo un sondaggio condotto da EBA Bank, gli stati alla fine dello scorso anno si trovavano dietro quasi 350 miliardi di euro di prestiti, trasferendo parte o tutto il rischio di insolvenza dalle banche ai contribuenti. I benefici di queste garanzie dureranno anche più a lungo della moratoria. I dati EBA mostrano che circa un quarto delle garanzie italiane scade tra due e cinque anni. Per la Spagna, il rapporto è del 90%. “I paesi con elevati prestiti in sofferenza, come Grecia, Irlanda, Italia e Portogallo, che hanno fatto il massimo uso dei regimi di moratoria dovranno affrontare un maggiore afflusso di nuove sofferenze”, secondo gli analisti di Fitch, tra cui Francois-Xavier Deucher in un report (aggiornamenti con i commenti della Banca centrale europea sulle banche che sottostimano il rischio nel 10 ° paragrafo) Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com Iscriviti ora per rimanere aggiornato con la fonte di notizie economiche più affidabile © 2021 Bloomberg LP

READ  L'Italia accetta un pacchetto di stimoli a sostegno dell'economia