Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia cerca l’oligarca russo dopo aver perso le barche sequestrate dalla Sardegna | Italia

Le autorità italiane sono alla ricerca di un oligarca russo dopo che due dei suoi lussuosi yacht sequestrati in base alle sanzioni dell’UE sono misteriosamente scomparsi da un porto della Sardegna.

Un avviso pubblico è stato emesso dal municipio di Forte dei Marmi, una località balneare toscana di proprietà dell’oligarca, informando Dmitry Mazepin, il miliardario proprietario di un’azienda di fertilizzanti minerali, delle sue condanne per presunta rimozione illegale delle navi. Casa.

Barche con bandiere marittime di due diversi paesi, conosciute come Aldabra, sono scomparse dal porto sardo di Olbia a poche settimane l’una dall’altra la scorsa estate.

Sono stati sequestrati lo scorso marzo dopo che Mazepin, il padre dell’ex pilota di Formula 1 Nikita Mazepin, è stato inserito nell’elenco delle sanzioni, settimane dopo l’inizio dell’invasione russa. Ucraina.

Questo è il primo caso in Italia Russo con beni congelati nel Paese Le sanzioni dell’Unione Europea sono state evitate.

Un’indagine condotta dalla Guardia di finanza di Olbia ha affermato che la prima nave, del valore compreso tra 700.000 e 1 milione di euro (£ 613.000 e £ 876.000), ha lasciato Olbia a giugno e ha attraccato nel piccolo porto di Biserta in Tunisia.

Si sa che la seconda barca ha lasciato Olbia per il porto di Savona, nella regione settentrionale italiana della Liguria, prima di dirigersi verso la Turchia. L’attuale ubicazione delle barche e del loro proprietario è sconosciuta.

La polizia ha detto che Mazepin ha assunto una compagnia straniera, che ha assunto un capitano sardo per spostare le barche. Italia.

Sia la società intermediaria che il capitano sono stati multati fino a 500.000 euro. Mazepin affronta la stessa frase.

Una fonte della polizia ha detto che viveva economicamente a Forte dei Marmi, una destinazione popolare per gli oligarchi russi prima della guerra in Ucraina, in quanto possiede una villa in città, motivo per cui l’avviso è stato emesso lì.

I beni russi congelati in tutta l’isola includono una villa in Sardegna di proprietà di Mazepin. Mazepin ha acquistato la villa, conosciuta come Rocky Ram, da Carlo De Benedetti, un uomo d’affari italiano ed ex proprietario del quotidiano La Repubblica.

READ  Euronext rompe l'accordo LSE per spostare le operazioni di regolamento in Italia