Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia aumenta le critiche su Nutri-Score mentre si avvicina la scadenza per il sistema di etichettatura alimentare dell’UE

Le catene di produzione alimentare italiane, così come il governo italiano, tutti i partiti nei due rami del Parlamento e tutte le aziende partecipanti in Italia si oppongono a Nutri-Score, ha affermato il ministro italiano delle politiche agricole, alimentari e forestali Stefano Patuanelli. Parlamento.

Ha aggiunto che l’intero paese sta combattendo contro di lui Un sistema che mira ad adattare il consumatore piuttosto che informare il pubblico”.

Patuanelli ha detto ai legislatori che il governo italiano sta lavorando attivamente con altri membri dell’UE per unire i paesi che si oppongono all’attuazione del sistema di etichettatura degli alimenti di origine francese e del sistema di etichettatura delle confezioni (FOPL).

Guarda anche: Copertura del punteggio nutrizionale

È ancora un processo in corso, ha affermato, dato che la Commissione europea prevede di selezionare la FOPL paneuropea entro la fine del 2022.

Una delle lamentele del ministro italiano a Nutri-Score è che etichetta anche il cibo buono o cattivo”, che ha insistito Sono categorie che non possono essere applicate al cibo”.

Tuttavia, sostituire il Nutri-Score con un sistema alternativo rimane una battaglia in salita per gli italiani poiché Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Svizzera e Spagna hanno adottato la FOPL.

Il sistema di etichettatura classifica il cibo su una scala di colori di cinque caratteri, dal più sano Verde A fino a rosso E.”

Nutri-Score valuta i nutrienti per la presenza di grassi, sale, zucchero e calorie in campioni di 100 grammi o 100 millilitri di prodotti alimentari. Tutti i membri del settore dell’olio d’oliva in tutta Europa si oppongono La “C gialla” è data a tutti i tipi di olio d’oliva ea molti altri oli vegetali.

Tuttavia, i sostenitori di Nutri-Score sostengono che il sistema è pensato per essere utilizzato per confrontare prodotti nella stessa categoria e sottolineano che Yellow C” è il miglior risultato di grasso commestibile.

Guarda anche: I ricercatori offrono un approccio diverso alla classificazione degli alimenti

Nonostante il disclaimer, Patuanelli e molti suoi alleati in Italia e all’estero sostengono che Nutri-Score sia un sistema che promuove Gli alimenti trasformati e ultralavorati, spesso commercializzati con imballaggi ostili, possono nuocere gravemente [foods cer­ti­fied with a] Denominazioni di Origine Protette e Indicazioni Geografiche Protette”.

I certificati di denominazione di origine protetta e le indicazioni geografiche protette sono controllati dall’Unione Europea e consentono agli Stati membri di proteggere le specialità alimentari locali, come carne, formaggio, vino e olio d’oliva, da imitazioni e contraffazioni. Per coincidenza, molte di queste major hanno bassi punteggi Nutri-Score.

Inoltre, molti produttori sostengono che la valutazione dell’olio extra vergine di oliva con a La C gialla” ignora le eccezionali qualità nutrizionali del prodotto.

A seguito di un’intensa pressione da tutto il settore, il governo spagnolo ha già esentato l’olio extra vergine di oliva dalla sua certificazione Nutri-Score.

Il Consiglio oleicolo internazionale sta anche facendo pressioni affinché Nutri-Score modifichi i suoi criteri di valutazione per accogliere i benefici per la salute inerenti al consumo di olio extra vergine di oliva.

Tuttavia, Nutri-Score continua a diffondersi nell’industria alimentare in alcune delle maggiori economie europee. Nelle ultime settimane, molti fast food francesi hanno iniziato a utilizzare Nutri-Score per denominare i loro prodotti.

Secondo l’Associazione Italiana Produttori Olio di Oliva Unaprol, questo è La più recente “mania” per il sistema Nutri-Score da quando le patatine fritte sono state classificate come a Verde B”, un grado in più rispetto all’olio extra vergine di oliva.

Secondo Unaprol, i panini per hamburger elaborati sono valutati con a Yellow C” anche se non fornisce nessuno dei micronutrienti presenti nell’olio extra vergine di oliva.

«È una situazione inaccettabile, un attacco organizzato ai codici dei prodotti alimentari italiani di qualità, che sta dietro a qualsiasi evidenza scientifica e va contro il buon senso», ha affermato David Granieri, presidente di Unaprol.

Non possiamo accettare la svalutazione di uno dei simboli della dieta mediterranea, unanimemente nota per le sue proprietà nutrizionali antinfiammatorie e antiossidanti».

Patuanelli ha inoltre ricordato ai legislatori che il governo italiano continua a promuovere la Nutrinform Battery, controverso competitor proposto dalla FOPL per dimostrare il valore nutrizionale di un singolo ingrediente alimentare nell’ambito di una dieta equilibrata.



READ  Il Fondo Monetario Internazionale afferma di aver tagliato le sue previsioni di crescita globale a causa dell'aumento dei rischi