Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia allenta le regole sul coronavirus dal 26 aprile

Il premier italiano Mario Draghi ha annunciato venerdì che l’Italia allenterà le restrizioni sul Coronavirus su scuole e ristoranti dal 26 aprile, in risposta alla crescente stanchezza del Paese.

Esprimendo “cauto ottimismo”, Draghi ha detto che il suo governo si sta assumendo un “rischio calcolato” dopo il miglioramento del numero di infezioni e i progressi nelle vaccinazioni.

Le regole più flessibili della “zona gialla”, sospese nelle scorse settimane per contenere un aumento dei casi alimentati da nuove varianti virali, saranno reintrodotte nelle regioni con un numero di infezioni relativamente basso.

“Daremo la priorità alle attività all’aperto”, ha detto Draghi, accennando al ritorno alla ristorazione all’aperto nei bar e nei ristoranti.

Ha detto che tutti gli studenti torneranno a scuola nelle aree “gialla” e “arancione”, mentre nelle aree “rosse” ad alto rischio alcune lezioni saranno ancora online.

Anche il ministro della Salute Roberto Speranza, parlando a fianco del presidente del Consiglio, ha annunciato la riapertura delle piscine il 15 maggio e delle palestre il 1 giugno.

Tuttavia, ha detto che il governo non può promettere una data in cui l’economia si riaprirà completamente.

“Non sarà franco”, ha detto Speranza.

Il governo è sotto pressione per allentare le restrizioni dopo una serie di proteste, alcune delle quali si sono trasformate in violenza, da una vasta gamma di gruppi, dagli operatori dello spettacolo ai proprietari di ristoranti.

Draghi ha detto: “Queste misure sono una risposta alle sofferenze di molti”, aggiungendo che “portano più calma nel Paese e aprono la strada al rilancio dell’economia”.

Il primo ministro, un ex presidente della Banca centrale europea che si è insediato a febbraio per guidare un governo di unità nazionale, ha detto di aspettarsi “una ripresa (economica) molto forte nei prossimi mesi”.

READ  Gucci celebra i 100 anni con il gruppo Michel "Aria" | divertimento

Giovedì, il governo ha adottato una nuova previsione economica che prevede una crescita del PIL del 4,5% nel 2021 e del 4,8% nel 2022, dopo un minimo record dell’8,9% nel 2020.

La ripresa non può arrivare presto, perché l’Italia ha pagato a caro prezzo la pandemia.

La recessione è costata quasi un milione di posti di lavoro e il Paese ha riportato quasi 116.000 morti per Covid-19, il sesto numero di pedaggi ufficiali più alti al mondo e il più alto nell’Unione Europea.

ljm-aa / en / ach