Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Italia aiuta la squadra di nuoto sincronizzato femminile ucraina a raggiungere la Roma

ROMA – La maggior parte delle componenti della squadra di nuoto sincronizzato femminile ucraino è fuggita dalla guerra in patria con l’aiuto italiano ed è arrivata martedì a Roma.

Dieci atleti e due allenatori hanno viaggiato su un autobus fornito dalla Federazione Italiana Nuoto dal confine ucraino-ungherese fino a Roma.

Mentre si preparano per i Campionati Europei di Acquatica a Roma in agosto, i nuotatori italiani salutano gli atleti che continuano ad allenarsi presso l’impianto olimpico italiano nella periferia costiera di Ostia, la capitale d’Italia.

L’ONU afferma che il numero di persone in fuga dall’Ucraina dall’inizio dell’invasione russa ha raggiunto i 2 milioni e molte altre stanno cercando di andarsene.

Pur essendo grati, gli atleti si preoccupano per i propri cari rimasti in Ucraina.

Marina Alexeva, venuta con la sorella gemella Vladislava, che ha vinto una medaglia di bronzo olimpica, ha detto che gli atleti “ogni giorno (bambini e altri civili) muoiono perché i nostri parenti hanno paura dei nostri amici che sono ancora in Ucraina”.

Ha aggiunto: “Sappiamo che le nostre guardie del corpo stanno morendo in Ucraina, ma abbiamo dovuto lasciare la nostra città. È stato molto difficile”.

I membri del gruppo, di età compresa tra i 14 ei 20 anni, hanno lasciato la loro base nella seconda città più grande dell’Ucraina, Kharkiv, lo scorso fine settimana, che è stata duramente colpita. Si sono recati nella città ucraina di Leopoli, vicino al confine con la Polonia, e poi in Ungheria, dove sono stati accolti da funzionari atletici italiani e portati a Roma.

Quattro compagni di squadra e tre allenatori sono ancora in Ucraina, inclusa la medaglia di bronzo olimpica Marta Fedina. La Federazione Italiana Nuoto ha intenzione di portarli in Italia nei prossimi giorni.

READ  Il premier polacco ringrazia i fratelli nazionalisti italiani per la posizione anti-Putin - EURACTIV.com