Gennaio 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Inter si aspetta che la Juventus affronti la Supercoppa Italiana

L’allenatore dell’Inter Simone Inzaghi ha un record impressionante contro la Juventus nella Supercoppa Italiana.

Entrambe le sue partite nella competizione sono state contro la Juventus ed entrambe hanno terminato con successo la squadra – quando era allenatore della Lazio nel 2017 e nel 2019.

Mercoledì Inzaghi sembra destinato a continuare quella serie di vittorie consecutive con l’Inter, che ha subito trovato i piedi sotto il nuovo allenatore e ha perso solo una delle ultime 16 partite in tutte le competizioni.

“Abbiamo giocato magnificamente nelle due vittorie in Supercoppa con la Lazio contro la Juventus, anche se abbiamo giocato quelle partite da sfavoriti”, ha detto Inzaghi.

Però ho perso anche la finale di Coppa Italia contro i bianconeri.

“È definitivo, non ci sono favoriti”, ha aggiunto.

“Ho partecipato a questa partita da giocatore e da allenatore. Siamo di fronte a una squadra che sta bene… La Juventus sa tutto di giocare in finale. Anche noi siamo in buona forma”. La partita di mercoledì a San Siro tra i campioni di Serie A e il vincitore della Coppa Italia avrà un elemento in più perché Inter e Juventus sono rivali.

“Le partite tra Inter e Juventus sono importanti per entrambe le squadre, questo derby d’Italia con una coppa in palio e noi vogliamo vincere, come fanno anche loro”, ha detto il portiere e capitano dell’Inter Samir Handanovic.
“Ci sono molte emozioni coinvolte e lo sappiamo.

“Mi aspetto che sarà difficile battere la Juventus”, ha aggiunto.

“È diverso dagli altri giochi, sono sempre stati duri quando vengono qui. La forma attuale non ha importanza, ci aspettiamo una partita difficile; che siamo favoriti o meno, non fa differenza. ”

READ  Sports Digest: Madison Keys si prepara per gli Australian Open con il titolo ad Adelaide

La Juventus ha ottenuto il record di nove vittorie in Supercoppa Italiana. Ma questa è la prima volta dal 2012 che entra nella competizione come vincitrice di una coppa invece che come campionessa di campionato, dopo aver assistito alla sua serie di nove scudetti consecutivi che l’Inter e l’ex allenatore Antonio Conte hanno concluso la scorsa stagione.

I bianconeri hanno faticato ad inizio stagione sotto il ritorno del tecnico Massimiliano Allegri, ma stanno iniziando a fare passi da gigante. Sono però 11 punti dietro l’Inter in Serie A, avendo giocato una partita in più dei nerazzurri.

Ma la Juventus è piena di fiducia dopo l’impressionante vittoria per 4-3 sulla Roma di domenica.

“Sappiamo per esperienza personale che i favoriti non necessariamente vincono”, ha detto il capitano della Juventus Giorgio Chiellini.

“In un incontro occasionale, tutto può succedere.

“Dobbiamo essere equilibrati sul lungo periodo senza essere eccessivamente condizionati dagli alti o bassi di una particolare prestazione. La partita contro la Roma è stata però una potente botta al braccio e ci ha dato una spinta di entusiasmo ma sappiamo dobbiamo essere coerenti”. Il portiere Wojciech Szczesny ha parato un rigore in quella partita ma sarà in panchina contro l’Inter perché solo di recente ha avuto la seconda dose di vaccino contro il Corona virus e quindi non potrà contattare i compagni poco prima del calcio d’inizio perché il nuovo regole entrate in vigore lunedì in Italia. Mattia Perin lo sostituirà.

Alla Juventus mancherà anche Federico Chiesa perché l’esterno avrà bisogno di un intervento chirurgico dopo la lesione al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Il centrocampista Aaron Ramsey è risultato positivo al Coronavirus.
Il difensore Matisse de Ligt e il centrocampista Juan Cuadrado squalificati.

READ  Osimene mi ricorda Edison Cavani - regista italiano Gianluca Atzuri

“La Juventus ha una grande squadra. Max Allegri saprà come affrontare gli assenti”, ha detto Inzaghi.

Torneranno Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini, saranno rivali”. Anche Inzaghi ha augurato successo a Keisha: “Ho giocato con suo padre e Federico gran parte del tessuto del calcio italiano”.