Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’intelligenza artificiale è fantastica, ma può progettare un abito da $ 50.000?

Sospensione

Nelle strade tortuose del Golfo di Napoli viveva e lavorava Cesare Atolini, il grande maestro sarto dell’abito con le spalle lisce. Il maestro, scomparso a novembre all’età di 91 anni, includeva clienti di prim’ordine del passato e del presente: Clark Gable, Al Pacino, Marcello Mastroianni e Denzel Washington. Al suo funerale un mese fa, l’attore Tony Servillo indossava la giacca giallo canarino che lo adornava nel film premio Oscar “La grande bellezza”.

Con la sua morte, Atolini entra a far parte di un gruppo italiano che comprende artisti del calibro di Michele Ferrero, creatore della Nutella, e Leonardo Del Vecchio, icona dell’occhialeria moderna. Ciò significava che divenne l’ultimo di una lunga serie di esecutori italiani del dopoguerra a lasciare il palco. Ma la vita e la morte di Atolini hanno qualcosa da dire sul futuro, in particolare una lezione sui piaceri dell’artigianato e del lavoro nella nostra era di intelligenza artificiale. Man mano che la tecnologia digitale diventa più diffusa, il senso del tatto e l’umanità saranno ricercati di più. Per questo la morte di Ottolini può essere un buon segno, non la fine, ma l’inizio di una nuova era dell’artigianato.

Atolini ha vissuto nell’industria degli abiti dalla culla alla tomba. Fu suo padre, Vincenzo, che per primo ebbe il coraggio di mettere in discussione i limiti del tradizionale abito inglese. Così facendo ha creato una rivoluzione, riuscendo a rendere la giacca più morbida e leggera come una camicia o una giacca. Dei sei figli di Vincenzo, Cesare era quello che ne condivideva l’occhio, il tatto e la passione. Ben presto è entrato a far parte dell’azienda e, tipico della seconda generazione, si è espanso a clienti più internazionali con un’offerta di prodotti più ampia.

READ  3 delle isole italiane perfette sono ora prive di COVID

Gli abiti fatti a mano, ognuno dei quali richiedeva dalle 25 alle 30 ore di manodopera, venivano realizzati a Napoli, e c’erano negozi a Milano, New York, Miami e Mosca per accessori e selezione pronti all’uso. In estate, gli Atollini scendevano anche sugli yacht ormeggiati al largo della Costiera Amalfitana, ristorando milionari e miliardari in vacanza.

Quando ho visitato la loro storica fabbrica alcuni anni fa, prima di espandersi in locali più grandi dove i fratelli tecnologici della Silicon Valley e i nuovi miliardari cinesi erano disposti a spendere 50.000 euro ($ 53.000) per un abito in fibra di vigogna cucito a mano, Cesar era lì, che correva le sue dita su minuscole linee incrociate come se suonassi il piano. Nell’armadio finito dell’abito nel seminterrato, i vestiti erano appesi con un pezzo di carta bianca appuntato sul bavero con i nomi scritti a mano dei suoi acquirenti, tra cui l’ex presidente russo Dmitry Medvedev.

I suoi figli Giuseppe e Massimiliano, che guidano la terza generazione della famiglia, insistono affinché l’azienda non venga venduta. Ciò non significa che nessuno si sia avvicinato a loro. Renato Massone, presidente del Salotto degli artigiani del Veneto, mi ha detto che le acquisizioni di produttori specializzati di alta gamma in Italia sono ai massimi storici. L’acquisto di tali specialisti è una nuova mania di contrattazione in Italia.

Parte di questo entusiasmo è dovuto alla continua domanda di beni di lusso. Ma c’è anche una storia più sottile all’opera. Uno studio del 2013 della Paris School of Economics, spesso citato tra gli amministratori delegati onorari, sostiene che con la disuguaglianza deriva un maggiore consumo di beni di lusso, ma anche una richiesta di maggiore stravaganza ed esclusività poiché ai ricchi piace mettersi in mostra in modi più elaborati.

READ  Il ministro degli Esteri italiano incontra funzionari egiziani su immigrazione, Libia

Questo sta guidando una rinnovata attenzione agli antichi mestieri: la lavorazione del merletto, la lavorazione della pelle, la tessitura e, sì, la confezione di abiti cuciti a mano. Andrea Morante, l’ex CEO di Gucci diventato banchiere e ora presidente di QuattroR, un gruppo di private equity con sede a Milano, mi ha detto di recente che stiamo assistendo a un ritorno al lusso fin dalla tenera età.

“Tutto dovrebbe essere lussuoso, fino alla catena della borsetta”, dice. Grandi case come LVMH, il gruppo che ha reso il suo proprietario Bernard Arnault l’uomo più ricco del mondo, stanno divorando i produttori italiani. Ha annunciato l’acquisizione di Ally Ventures, una conceria fiorentina e un produttore di abbigliamento di alta gamma chiamato Robans, a settembre, raggruppandoli in una filiale chiamata LVMH Metiers d’Art. Acquistare il controllo della tua risorsa significa che il tuo concorrente non può usarla.

Questo sta portando anche alla ricerca di artigiani più abili, come hanno scritto di recente le mie colleghe di Bloomberg News Alessandra Miliccio e Flavia Rotondi. Due decenni di produzione di beni di lusso hanno lasciato il posto a una rinascita del desiderio di stravaganza del consumatore. Di conseguenza, le case signorili si affrettano a trovare lavoratori qualificati. Ottolini da decenni forma nuovi sarti. Nei suoi locali ampliati lavorano circa 140 artigiani. Il figlio di Cesare, Massimiliano, mi racconta che da tempo cercavano apprendisti nelle famiglie degli odierni tessitori che credono, come i proprietari nei secoli passati, che le competenze siano di famiglia.

Ma c’è un messaggio più semplice dalla vita di Atolini. Nel libro del 2008 The Craftsman di Richard Sennett, fondatore del New York Institute for the Humanities, sostiene che l’artigianato incarna la spinta umana fondamentale e duratura, il desiderio di fare bene fine a se stesso. Contrasta con le carriere “che misurano la capacità di una persona di gestire molti problemi a scapito della profondità e si addice a un sistema economico che valorizza lo studio rapido e la conoscenza superficiale, spesso incarnata da consulenti che entrano ed escono dalle organizzazioni”.

READ  Dimensioni e previsioni del mercato delle assicurazioni per viaggi d'affari fino al 2027 | Principali attori - Assicurazioni Genarali (Italia), Allianz (Germania), Seven Corners (USA), Safe Travel Insurance (USA), USI Insurance Services (USA), MH Ross Travel (USA), American International Group (USA) United), Gruppo AXA (Francia) - Università King Saud

La vita e la morte di Atolini definiscono questa dicotomia. Suo figlio, Giuseppe, racconta che il lavoro, che Attolini amava, lo ha commosso fino alle sue ultime ore a tavola in famiglia. Poi è andato a letto e non si è più alzato. «Fino a quella sera si parlava di lavoro», racconta Giuseppe. Atolini aveva 91 anni ed era sposato con la moglie Anna da 65 anni. Per i colletti bianchi che competono con i robot per la supremazia, la semplice dignità umana di una vita artigianale può diventare un vero lusso.

Altro dall’opinione di Bloomberg:

• Le persone più ricche della Cina detengono la chiave del futuro del lusso: Andrea Felstead

• Per Shy Billionaires, Possedere un aereo è il 2021: Chris Bryant

• Il mondo attraverso i Ray-Ban Del Vecchio: Rachel Sanderson

Questa colonna non riflette necessariamente l’opinione del comitato editoriale o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com/opinion