Giugno 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’influenza suina rimuove la carne dall’Italia, dalla Germania dal menu in Giappone

La paura dell’influenza suina africana (PSA) è fuori dalle tavole giapponesi, insieme al prosciutto crudo italiano, alle salsicce prodotte in Germania e ad altri prodotti a base di carne popolari dall’Europa.

Gli sforzi per controllare il virus infettivo hanno avuto un impatto sul menu di una catena di ristoranti per famiglie leader in Giappone e ristoranti e rivenditori in tutto il paese stanno intensificando gli sforzi per trovare alternative ai gustosi cibi dei paesi europei.

A gennaio il ministero dell’Agricoltura ha vietato l’importazione di carne suina e di prodotti trasformati dall’Italia.

Quella decisione ha influito sulle offerte di chef di ristoranti italiani come Kasunori Akita. Lavora presso Yamagata San-Dan-Delo nel lussuoso quartiere Ginza di Tokyo.

Dopo il divieto del Ministero, Akita, 50 anni, ha ricevuto una serie di e-mail da altri chef che chiedevano se potevano continuare a utilizzare prosciutto crudo e maiale salato ponzetta.

A San-Dan-Delo, le verdure arrostite arrotolate nel prosciutto crudo servono come alimento base del suo menu. Il piatto pajji è stato creato da Masayuki Okuda, 52 anni, proprietario e chef del ristorante.

Poiché ogni mese si consumano 40 kg di prosciutto crudo come ingrediente principale, una grande quantità di prosciutti tagliati viene prodotta principalmente dall’Italia, che sono stati a lungo utilizzati nello stabilimento a prezzi più convenienti rispetto alle controparti giapponesi.

La decisione del ministero ha reso difficile per il ristoratore acquistare il prosciutto crudo italiano. I prodotti ancora disponibili in Giappone sono stati lavorati e immagazzinati prima del regolamento sull’importazione, quindi potrebbero scomparire dal mercato in futuro.

Prosciutto crudo italiano fuori dal menu

Saizeriya Co., un operatore di ristoranti a conduzione familiare, è famoso per la sua cucina italiana a buon mercato

READ  Acquisiti due nel blocco marittimo nigeriano

Altri alimenti a base di prosciutto crudo e ponzetta dovrebbero essere rimossi dal menu una volta esaurite le scorte.

“Con la possibilità di rivedere il nostro menu in mente, stiamo valutando come assicurarci delle alternative”, ha affermato l’addetto alle pubbliche relazioni di Caesarea.

Seduto al secondo piano di un negozio di souvenir che tratta articoli della Prefettura di Yamagata, San-Dan-Delo offre anche prosciutto crudo prodotto nella provincia e selezionato da Okuda. Ma rappresenta solo una frazione del suo consumo totale di prosciutto crudo.

Secondo i resoconti di Okuda, la quantità di sale e sapore varia tra i prodotti a base di prosciutto crudo provenienti dal Giappone e dall’Italia a causa del loro clima diverso.

Cercando di far fronte all’ultima sfida, Okuda ha deciso di “approfittare di questa opportunità per fare affidamento esclusivamente sul prosciutto crudo prodotto in Giappone”. Il prosciutto ha introdotto la nuova affettatrice per renderlo più sottile.

Secondo il piano di Okuda, San-Dan-Delo utilizzerà la ponzetta fatta in casa per i primi piatti.

Alcuni prodotti in Giappone sono realizzati vicino ai prodotti in Italia in termini di temperatura e livelli di umidità e Okuda si è assicurato che la loro qualità fosse superiore a quella offerta nel suo ristorante.

Dopo aver sentito della decisione di Okuda, gli chef a lui familiari hanno continuato a contattarlo per un consiglio.

“I cibi cucinati con ingredienti made in Italy saranno, ovviamente, deliziosi secondo le ricette”, ha detto Okuda. “Ma è anche importante tenere conto delle caratteristiche climatiche del Giappone e creare una cucina italiana che soddisfi i gusti dei giapponesi”.

Miglioramento delle restrizioni all’importazione

Secondo il ministero dell’Agricoltura, la PSA è endemica dell’Africa ed è trasmessa da un virus diverso dall’influenza suina tradizionale (PSC) già confermata in Giappone. Non ci sono vaccini o trattamenti efficaci.

READ  'sei bello!' - Locatelli è un eroe adatto all'Italia, che ha unito una nazione

Le infezioni di PSA si sono diffuse in Asia ed Eurasia, con casi di PSA segnalati in Italia, Polonia, Germania e altrove in Europa.

Finora il Giappone è stato esentato dall’ASF. La presenza della PSA influirà gravemente sul bestiame del paese, quindi il governo ha migliorato le contromisure da quando è stata rilevata la PSA in Cina nel 2018.

Tali misure includono agenti di isolamento degli animali che sono autorizzati a rifiutare i prodotti a base di carne trasformata portati dai turisti negli aeroporti. Gli individui che tentano di aggirare i controlli all’importazione dovranno affrontare sanzioni severe.

Il ministero, che all’inizio di quest’anno ha scoperto il gene del virus PSA da una salsiccia sequestrata a un passeggero, non ha voluto ridurre la sua sicurezza.

In base alla legge sul controllo delle malattie degli animali domestici, in linea di principio, la carne di maiale non può essere importata da paesi in cui si è verificata la PSA.

Le esportazioni possono riprendere solo dopo che gli stati colpiti dalla PSA avranno ufficialmente dichiarato l’eradicazione della malattia e raggiunto accordi con la parte giapponese attraverso negoziati su condizioni globali di importazione.

Le aree non PSA in alcuni paesi colpiti possono spedire prodotti a base di carne in Giappone. L’Ungheria ha discusso l’argomento con Tokyo per due anni per riprendere le importazioni di alcune merci nel gennaio dello scorso anno.

Tuttavia, questo tipo di accordo non è stato ancora firmato con l’Italia e la Germania.

Le salsicce tedesche sono ancora “verboten”

Le importazioni di salsicce dalla Germania sono sospese da settembre 2020.

Yoshiko Nishimura, presidente di Hareiko Japan, che ha collaborato con l’azienda alimentare tedesca Tolinghareiko, ha affermato che sarebbe difficile trovare un’alternativa.

READ  Una città del sud Italia che vende pezzi di La Los Vita a case fatiscenti per la prima corsa

“Trattiamo salsicce dalla Germania da 35 anni, ma per di più (restrizioni all’importazione) la situazione è molto difficile a causa della nuova crisi del virus Corona”, ha affermato Nishimura.

Il regista di Hareico Japan, Koichi Isono, mostra salsicce in stile tedesco e birra tedesca prodotta in Austria il 27 aprile nel quartiere Iidabashi del quartiere Chioda di Tokyo. (Hiroyuki Maegawa)

Nishimura ha affermato che le importazioni sono attualmente limitate ai prodotti in scatola che vengono riscaldati dopo il confezionamento per soddisfare i requisiti commerciali del Giappone. Le famose salsicce calde e confezionate non possono essere spedite in Giappone.

Per questo motivo, Nishimura ha iniziato ad acquistare salsicce austriache perché nessun caso di PSA era stato confermato nel paese vicino. Tuttavia, le importazioni si sono dimezzate da quando Hariko Japan ha raggiunto il picco di 100 tonnellate di salsiccia all’anno.

Hareiko Japan cerca di sviluppare una comprensione tra i ristoranti culinari tedeschi utilizzando le sue salsicce importate, prodotte in modo simile nel paese di lingua tedesca di Monaco o altrove in Germania.

Salsicce austriache e birra tedesca vengono servite direttamente nel negozio nel quartiere Itabashi di Tokyo.

“Continuiamo a servire la cucina tedesca come parte della cultura tedesca in Giappone”, ha affermato Koichi Isono, 45 anni, direttore di Hareico Japan.