Dicembre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’inflazione nell’area dell’euro ha raggiunto il livello più alto dalla creazione dell’euro

L’inflazione dell’Eurozona a maggio ha raggiunto il suo livello annuale più alto dalla creazione della valuta euro nel 1999, ha riferito martedì l’Agenzia europea di statistica, poiché gli aumenti record dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari alimentati dalla guerra russa in Ucraina hanno continuato a crescere. L’economia del continente, aumentando lo spettro di una caduta in recessione.

L’inflazione annua nei 19 paesi che utilizzano l’euro è balzata a un record dell’8,1% a maggio dal 7,4% di aprile. I prezzi sono aumentati per 10 mesi consecutivi e hanno mostrato pochi segni di cedimento, esacerbando la crisi del costo della vita per i consumatori e costringendo i responsabili politici europei a impegnarsi in una serie di misure per alleviare il dolore. I dati di aprile hanno mostrato che l’inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti ha raggiunto l’8,3%, una leggera moderazione rispetto ai mesi precedenti.

La Commissione europea ha recentemente abbassato le sue previsioni di crescita economica al 2,7% quest’anno, dal 4% stimato in inverno. Allo stesso tempo, l’inflazione ha raggiunto livelli record e dovrebbe raggiungere una media del 6,8% per quest’anno, prevede il comitato, spingendo un numero crescente di economisti ad avvertire che l’Europa potrebbe entrare in un forte rallentamento o in una vera e propria recessione prima della fine dell’anno . .

Con l’inflazione in aumento, la Banca centrale europea ha accelerato la sua risposta politica e ha affermato che l’era dei tassi di interesse negativi potrebbe finire a settembre.

I costi energetici rimangono il principale fattore che determina i prezzi per consumatori e imprese, con un aumento a maggio del 39,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, mentre alimenti trasformati, alcol e tabacco sono aumentati del 7%.

READ  L'intero modello economico britannico deve essere ridisegnato prima che sia troppo tardi

I leader europei hanno raggiunto un accordo politico martedì mattina presto sul divieto della maggior parte delle importazioni di petrolio russe, una misura precedentemente inimmaginabile volta a punire la Russia ma che secondo gli economisti danneggerebbe anche le famiglie e l’industria europee facendo aumentare i prezzi.

La Germania, la più grande economia europea, è stata tra le più colpite, con l’inflazione in aumento dell’8,7%. Francia (5,8%), Spagna (8,5%) e Italia (7,3%) hanno visto i prezzi al consumo continuare a salire nel corso dei mesi, spingendo i legislatori di quei paesi a introdurre limiti di prezzo dell’energia o sconti per le famiglie a basso reddito per compensare il costo del gas. e diesel.

In Germania, ad esempio, a partire da giugno, il governo offrirà sconti sul gas alla pompa e un biglietto mensile di 10 dollari per i trasporti pubblici in tutto il paese.

L’aumento dei costi energetici ha avuto il maggiore impatto sui paesi più vicini ai confini della Russia. L’inflazione in Estonia, ad esempio, che in precedenza si era allontanata dal gas russo ma ora è soggetta alla volatilità del mercato volatile dei prezzi dell’energia, è balzata a un tasso sbalorditivo del 20,1% annuo, quasi il doppio del tasso dell’11% registrato a gennaio. In Lituania, il tasso di inflazione annuo è salito al 18,5% e in Lettonia ha raggiunto il 16,4%.

L’anno scorso, quando l’inflazione ha iniziato a salire, alcuni politici della BCE erano riluttanti ad agire mentre la crescita salariale in tutta la regione era contenuta. Ma poiché i prezzi al consumo continuano a salire ea diffondersi a più beni e servizi, la banca sta accelerando il processo di cosiddetta normalizzazione delle politiche.

READ  Tendenze imminenti del mercato Generatore idroelettrico, crescita del business, concorrenti, analisi della quota di mercato dell'azienda

Entro l’inizio di luglio, la banca dovrebbe porre fine al suo massiccio programma di acquisto di obbligazioni e quindi iniziare ad aumentare i tassi di interesse per la prima volta in più di un decennio. La scorsa settimana, Christine Lagarde, presidente della banca, ha offerto condizioni insolitamente chiare Il percorso previsto per aumentare i tassi di interesse Segnali alzati a luglio e settembre.

Il capo economista della banca, Philip Lane, ha recentemente affermato che è probabile che gli aumenti siano di un quarto di punto percentuale alla volta, ma alcuni responsabili politici hanno suggerito che potrebbe essere giustificato un aumento più ampio del normale di mezzo punto percentuale.

Cos’è Nelson? E il Melissa Eddy Contribuire alla redazione dei rapporti.