Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’inflazione, la bassa produttività hanno spinto il consumo di frutta e verdura in Italia ai minimi da 20 anni

Roma, settembre 20 (Xinhua) – La quantità di frutta e verdura acquistata dagli italiani nella prima metà del 2022 ha toccato il livello più basso dall’inizio del secolo, ha detto martedì la principale associazione agricola del Paese.

Ciò mette a rischio circa 300.000 piccoli agricoltori, con conseguenze a lungo termine per la salute dei consumatori.

Le vendite di 2,6 miliardi di kg di frutta e verdura nella prima metà dell’anno sono diminuite dell’11% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo un sondaggio condotto dall’associazione agricola Coldretty insieme ad altre due associazioni di categoria.

Secondo lo studio, gli acquisti totali sono diminuiti poiché le vendite di zucchine sono diminuite del 16%, i pomodori del 12%, le patate del 9%, le arance dell’8% e le carote del 7%.

Le vendite sono state penalizzate non solo dall’aumento dei prezzi alimentato dall’aumento dei costi del carburante, ma anche dal calo della produzione causato da un’estate insolitamente calda e secca e da fattori economici che hanno ridotto i redditi delle famiglie.

Lo studio afferma che i mezzi di sussistenza di oltre 300.000 piccole aziende agricole sono ora a rischio a causa dell’impatto di costi energetici più elevati e minori vendite. Il settore ortofrutticolo crea in Italia circa 440.000 posti di lavoro, che rappresentano il 40 per cento dell’occupazione agricola del Paese.

Anche prima del recente calo delle vendite di frutta e verdura, gli italiani mangiavano già meno della quantità giornaliera raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il rapporto affermava: l’italiano medio consuma 273 grammi al giorno, mentre l’OMS consiglia 400 grammi. Quotidiano.

I risultati sono stati annunciati in un convegno ospitato dall’Unione nazionale dei produttori di frutta, verdura e agrumi.

READ  Il ministro della Salute italiano afferma che la distribuzione del vaccino deve essere corretta