Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’inflazione è l’unica indicazione che si terrà conto del boom post Covid

Nel frattempo, come parte di un profondo cambiamento nel pensiero economico che ha accelerato lo scorso anno, tutta una serie di altri indicatori precedentemente utilizzati per segnalare problemi imminenti stanno diventando impopolari.

Si pensava che i deficit di bilancio e il debito pubblico avessero lanciato un segnale di avvertimento a determinati livelli, fino a quando molti paesi non hanno superato questi limiti, soprattutto lo scorso anno, senza un crollo. Le stime della piena occupazione, o la maggior parte dei posti di lavoro che un’economia può creare senza surriscaldarsi, si sono rivelate stime sbagliate.

Le misure del cosiddetto “output gap” dovrebbero mostrare quanto l’economia sia vicina alla sua capacità massima, ma molti analisti hanno concluso che si affidano troppo al recente passato come guida utile.

L’asse dell’umiltà

Abbandonare o minimizzare tutte queste misure significa che è improbabile che i funzionari prendano il tipo di misure precauzionali che hanno fermato le espansioni in passato. Il passaggio è anche un perno verso l’umiltà, in una professione per la quale non è famosa. Gli economisti si sentivano a proprio agio nel fornire le loro previsioni come base per la politica. Devono ammettere che il futuro è pieno di cose che semplicemente non sanno. “L’impatto delle previsioni a lungo termine è svanito, e questa è un’ottima cosa”, afferma James Galbraith, professore di economia presso l’Università del Texas.

Questa filosofia è alla base del nuovo quadro dei tassi di interesse della Fed. Nell’ultimo decennio, la banca centrale ha iniziato ad aumentare gli oneri finanziari nonostante il calo dell’inflazione e il persistere della disoccupazione intorno al 5% dopo la crisi finanziaria.

Ora, i funzionari della Fed ammettono attivamente che è stato un errore, perché il calo della disoccupazione non ha fatto aumentare i prezzi. Ora dicono che baseranno la politica su ciò che è realmente accaduto nell’economia, piuttosto che su ciò che dovrebbe accadere dopo.

READ  Crisi dell'Eurozona: controversia sui finanziamenti Covid per istigare Italia e Grecia contro l'Unione Europea | Il mondo | notizia

Tre volte in un discorso il mese scorso, il governatore della Fed Lyle Brainard ha confrontato “i risultati” con le “aspettative” – ​​e ha affermato che la politica della Fed si sarebbe basata sul primo, non sull’ultimo.

Anche nella politica fiscale c’è stato un ripensamento dei limiti di velocità: il deficit di bilancio e il debito pubblico come quota dell’economia erano le metriche di trasmissione. L’Unione Europea ha imposto massimali di deficit del 3%. Gli economisti Carmen Reinhart e Ken Rogoff, in uno studio commovente di dieci anni fa, sostenevano che il debito al 90% del PIL rappresentasse un pericoloso punto di svolta.

Questo tipo di pensiero ha portato a politiche di austerità dopo lo shock iniziale della crisi finanziaria del 2008: il risultato è stato una ripresa moderata. Ma le previsioni di bilancio tendevano ad essere molto pessimistiche perché non si aspettavano che i tassi di interesse restassero bassi.

In mezzo alla pandemia, i governi sono stati più disposti a spendere, specialmente quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha spinto misure per un valore di oltre 5 trilioni di dollari durante il suo primo anno – carburante per quella che sembra davvero una ripresa più rapida dell’economia.

Quanto fa caldo?

In un certo senso, il nuovo approccio corrisponde alla scuola di pensiero chiamata teoria critica moderna. MMT afferma che i governi hanno spazio per rivitalizzare le loro economie attraverso la spesa fiscale, e sostiene che l’inflazione – non i deficit oi livelli di debito – è un parametro che le autorità di bilancio devono monitorare. “Questo è qualcosa a cui siamo arrivati ​​da decenni”, afferma Scott Vollweiler, economista della MMT e professore associato presso l’Università del Missouri – Kansas City. Sfortunatamente, dice Volweiler, gli economisti non hanno dedicato abbastanza attenzione alla questione di cosa sia una velocità massima sicura e si sono concentrati troppo sulle banche centrali, anche se la politica fiscale sta ora guidando la ripresa. In generale, ha abbastanza capacità per vedere quanto è calda l’economia “, dice. Per ora avrebbe ottenuto risposte migliori” se gli economisti lavorassero su quadri di politica fiscale per stabilizzare l’economia e mantenere l’inflazione bassa, piuttosto che una politica monetaria ottimale , che essenzialmente non è. Correlato “.

READ  Ferrari (RACE: USA) nomina Benedetto Vigna Executive di STMicro come nuovo CEO

Lacune risultanti che non sono logiche

Negli Stati Uniti, gli oppositori della spesa di Biden hanno invocato il “gap di produzione” – la differenza tra beni e servizi che l’economia produce effettivamente e il massimo che può gestire in modo sostenibile.

Ad esempio, l’ex Segretario al Tesoro Larry Summers e il responsabile Federal Budget Committee hanno entrambi sostenuto che la legge sullo stimolo del mese scorso era di gran lunga superiore a quella necessaria per colmare il deficit – e di conseguenza rischiano di gonfiarsi. Circa la scala. Robin Brooks, capo economista presso l’Institute of International Finance, ha condotto una campagna contro i “divari di produzione irrazionali” per anni, e afferma che il divario di produzione è un “concetto molto importante” che sta alla base di tutte le grandi chiamate politiche. “Nessuno ha la più pallida idea di come misurarlo.”

I divari di produzione si basano su stime del potenziale dell’economia. Semplici carenze significano che la produzione si sta avvicinando al limite di velocità e cercare di renderla più veloce può portare all’inflazione.

Ma Brooks afferma che il potenziale viene spesso calcolato semplicemente guardando a ciò che è accaduto nel recente passato. Dice che quando un paese si è comportato male per molto tempo, come l’Italia negli ultimi decenni, il risultato è che anche il suo potenziale si sta riducendo, ponendo un limite virtuale al modo in cui le cose buone possono accadere.

In un rapporto di febbraio, gli economisti di Goldman Sachs hanno provato un metodo di misurazione alternativo, concludendo che i divari di produzione nelle principali economie dall’Italia agli Stati Uniti erano probabilmente maggiori alla fine dello scorso anno rispetto alle stime ufficiali suggerite, il che significa che c’era “più recessione”. “” Meno rischi di inflazione e un argomento più forte per una politica espansiva.

READ  Rivoluzione verde in Europa? I piani di spesa in Italia sollevano dubbi

Da allora, il ritmo della ripresa è accelerato negli Stati Uniti, con sorpresa di molti analisti.

Galbraith, che era direttore del Congressional Joint Economic Committee durante la recessione economica nei primi anni ’80, ha detto che le emergenze non sono il momento per i politici di tentare alcun tipo di previsione accurata. “Non cercare di contare queste cose”, dice. “Lo stai lanciando quanto ne hai bisogno, e anche di più. Poi, se si scopre che stai facendo troppo – il che è improbabile – taglialo indietro. “

partecipazione a Newsletter di menta piperita

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla newsletter.