Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’inflazione dell’Eurozona raggiunge l’8,9% di rialzo mentre i prezzi dell’energia salgono | zona euro

L’inflazione dell’Eurozona ha raggiunto il massimo storico dell’8,9% questo mese, colmando il divario con il tasso del Regno Unito del 9,4%.

L’energia amata è stata accusata della parte del leone dell’aumento dall’8,6% di giugno, poiché le ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina hanno continuato a colpire le economie europee.

La crescente crisi del costo della vita in tutto il continente, come indicato in una rapida stima, è arrivata quando l’economia della zona euro è cresciuta molto più velocemente del previsto negli ultimi tre mesi.

Battendo le aspettative di un aumento dello 0,2% nel secondo trimestre, il blocco di 19 nazioni ha raggiunto una crescita del PIL dello 0,7% guidato da Francia, Italia e Spagna.

Tuttavia, gli analisti hanno affermato che è probabile che la recente ripresa evapori poiché i prezzi più alti, i minori flussi di gas russi e i problemi della catena di approvvigionamento hanno causato una lieve recessione nella seconda metà dell’anno, a seguito della recessione che ha già colpito gli Stati Uniti.

Crescita delle economie dell’Eurozona nel secondo trimestre del 2022

Francia, Italia e Spagna, cui è attribuita il controllo parziale dei costi energetici interni per ridurre l’impatto delle pressioni sul costo della vita, hanno registrato il tasso di crescita più elevato. Hanno anche beneficiato del ritorno del turismo e della riapertura delle attività commerciali dopo il lockdown dovuto alla pandemia.

La Francia è rimbalzata dalla contrazione dello 0,2% nel primo trimestre alla crescita dello 0,5% nell’ultimo periodo, mentre l’Italia è cresciuta dell’1% e la Spagna dell’1,1%. In Germania, dove il settore manifatturiero è stato colpito dall’aumento dei prezzi dell’energia e dal vacillante domanda cinese, la crescita è rimasta stagnante.

Azad Zangana, capo economista europeo di Schroders, ha affermato che la delusione in Germania è comprensibile, anche se “vale la pena notare che la crescita del PIL tedesco nel primo trimestre è stata rivista dallo 0,2% allo 0,8%, con una sottoperformance rispetto ai dati”. Quindi non è così male come sembra”.

Bert Colin, capo economista della zona euro presso ING, ha affermato che l’inflazione record potrebbe spingere la Banca centrale europea ad aumentare nuovamente i tassi di interesse a settembre.

L’inflazione alimentare e l’inflazione core continuano a essere rialziste, mentre la crisi del gas mantiene elevata l’inflazione energetica. L’offerta, non la domanda, rimane la principale forza trainante dell’aumento dell’inflazione”.

Ha detto che la banca centrale con sede a Francoforte potrebbe aggiungere 0,5 punti percentuali all’aumento all’inizio di questo mese con un aumento simile quando si riunirà di nuovo a settembre.

Iscriviti alla posta quotidiana di Business Today o segui Guardian Business su Twitter su BusinessDesk

Hussain Mahdi, analista macroeconomico e degli investimenti di HSBC Asset Management, ha dichiarato: Un’altra sorpresa rialzista dell’inflazione renderà la lettura scomoda a Francoforte e aggraverà la pressione sul reddito delle famiglie.

“Le pressioni sui prezzi sottostanti derivano dal forte mercato del lavoro, mentre ulteriori interruzioni nelle forniture di gas comportano significativi rischi al rialzo in futuro”, ha affermato.

“Ciò manterrà la Banca centrale europea su un percorso da falco quest’anno anche di fronte a una possibile recessione”.

READ  I doppiatori di LOTR supportano lo hobbit italiano nella vita reale