Marzo 29, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’India si astiene dal voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla risoluzione dell’Ucraina: The Tribune India

Servizio di notizie del tribuno

Sandeep Dikshit

Nuova Delhi, 24 febbraio

India, Cina e Pakistan hanno bloccato una risoluzione non vincolante dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che chiedeva alla Russia di porre fine alle ostilità e ritirare le sue forze dall’Ucraina.

Durante la votazione, 141 paesi hanno votato a favore della risoluzione, che è stata approvata dopo due giorni di discussioni.

Sette paesi si sono opposti alla risoluzione e 32 paesi si sono astenuti, tra cui India, Sri Lanka e Bangladesh. Tuttavia, le nazioni più piccole del subcontinente indiano come Bhutan, Nepal, Maldive e Afghanistan hanno votato a favore della risoluzione del leader occidentale.

Spiegando il voto, l’India ha voluto sapere come risolvere la disputa senza coinvolgere le parti. “Un processo che non coinvolge nessuna delle due parti può portare a una soluzione credibile e significativa?” Ho chiesto al rappresentante permanente dell’India presso le Nazioni Unite, Ruchika Kamboj.

Prima del voto, l’India ha resistito alle massicce pressioni dell’Occidente che includevano una telefonata all’NSA Ajit Doval del suo omologo ucraino Andriy Yermak e l’ammissione di Francia e Germania di aver invitato New Delhi a rivedere la sua posizione.

Dopo il voto, l’India ha affermato che la risoluzione che cerca una pace globale, giusta e duratura in linea con la Carta delle Nazioni Unite è comprensibile; Tuttavia, i rapporti dalla Terra descrivono uno scenario complesso, con conflitti che infuriano su più fronti. “Pur prendendo atto dell’obiettivo dichiarato della risoluzione odierna, dati i suoi limiti intrinseci nel raggiungere il nostro obiettivo desiderato di garantire una pace duratura, siamo costretti ad astenerci”, ha affermato Kamboj.

Il South Bloc ha anche toccato molti altri aspetti, incluso il ripetuto rifiuto di prendere di mira le infrastrutture civili e uccidere i non combattenti. Ha inoltre convenuto sulla necessità di sostenere la Carta delle Nazioni Unite e il principio del rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità di tutti gli Stati “senza alcuna eccezione”.

READ  Il Global Times cinese afferma che l'Australia potrebbe diventare la "carne da cannone" degli Stati Uniti

Tutte le parti hanno anche voluto porsi alcune domande. Siamo vicini a una potenziale soluzione accettabile per entrambe le parti? Un processo che non coinvolge nessuna delle parti può portare a una soluzione credibile e significativa? Il sistema delle Nazioni Unite, e in particolare il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, basato sulla struttura del 1945, non è diventato inefficace? chiese Camboge.

L’India ha anche affermato di rimanere preoccupata per la situazione in Ucraina e ha descritto gli attacchi ai civili come “estremamente preoccupanti”. Voleva anche affrontare le preoccupazioni del Sud del mondo, che aveva sofferto delle conseguenze indesiderate del conflitto. Da parte sua, l’India ha chiesto dialogo e diplomazia, adottando un approccio al conflitto incentrato sulle persone attraverso aiuti economici e umanitari all’Ucraina.