Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’India dice che guarderà con attenzione al tetto del prezzo del petrolio della Russia

Le gru per il pompaggio di petrolio lavorano in un giacimento petrolifero vicino ad Almetyevsk, Tatarstan, Russia, mercoledì 11 marzo 2020.

Andrei Rudakov | Bloomberg | Getty Images

Il ministro del petrolio indiano Shri Hardeep Singh Puri ha dichiarato lunedì che il paese valuterà attentamente se sostenere la proposta del G7 di imporre un tetto ai prezzi del petrolio russo.

“Ci sono molte conversazioni in corso a causa di una pletora di fattori”, ha detto Hadley Gamble della CNBC al JASTIC 2022 a Milano, in Italia.

Alla domanda se l’India accetterebbe la proposta del G7 di limitare il prezzo del petrolio russo, Puri ha affermato che l’economia globale si sta ancora adeguando all’impatto della pandemia di coronavirus e dell’invasione russa dell’Ucraina.

“Ora, cosa significa la proposta? La valuteremo con molta attenzione”, ha detto.

Puri ha aggiunto che non è ancora chiaro quali paesi parteciperanno al tetto proposto sui prezzi del petrolio russo e quali potenziali effetti potrebbe avere sui mercati energetici.

I ministri delle finanze che rappresentano i paesi del Gruppo dei Sette hanno concordato venerdì un piano per attuare il meccanismo per fissare il tetto dei prezzi per le esportazioni di petrolio russe.

L’iniziativa è progettata per limitare la capacità del Cremlino di finanziare la sua offensiva in Ucraina e proteggere meglio i consumatori in mezzo all’aumento dei prezzi dell’energia.

Gli analisti dell’energia erano molto scettici sull’imparzialità della proposta, tuttavia, avvertendo che la politica potrebbe ritorcersi contro se i principali consumatori come Cina e India non partecipassero.

“Ho un dovere morale verso il mio consumatore”

Cina e India hanno aumentato gli acquisti di petrolio russo sulla scia dell’invasione dell’Ucraina da parte del Cremlino, approfittando di prezzi scontati.

READ  Il Parlamento europeo elegge la prima presidente donna in vent'anni - EURACTIV.com

Puri ha detto che l’India consuma circa cinque milioni di barili di petrolio al giorno e la maggior parte proviene da Iraq, Arabia Saudita, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti.

Puri ha affermato che la Russia rappresentava solo lo 0,2% delle importazioni di petrolio dell’India alla fine di marzo, osservando che alcuni hanno criticato l’India per aver aumentato la sua fornitura di petrolio russo sulla scia dell’invasione del Cremlino.

“Ho detto che gli europei acquistano di più in un pomeriggio rispetto a me in un trimestre. Sarei sorpreso se questa non fosse ancora la condizione. Ma sì, compreremo dalla Russia e compreremo da qualsiasi luogo”, ha detto Puri.

Alla domanda se ha un conflitto morale con l’acquisto di petrolio russo durante l’offensiva del Cremlino in Ucraina, Bouri ha risposto: “No, non c’è conflitto. Ho un dovere morale nei confronti del consumatore. Come governo democraticamente eletto voglio un situazione in cui c’è olio? La pompa funziona a secco? Guarda cosa succede nei paesi intorno all’India.

Il ministro delle finanze francese ha affermato che il limite proposto per il petrolio russo dovrebbe essere un'iniziativa globale

L’Unione Europea ha invitato Cina e India a partecipare all’iniziativa del G7 per ridurre i profitti della Russia dalla vendita di petrolio.

Il commissario europeo per l’Energia Kadri Simpson ha dichiarato sabato a Silvia Amaro della CNBC che Cina e India “sono disposte ad acquistare prodotti petroliferi russi mentre si scusano che questo è importante per la sicurezza delle loro forniture. Ma non è giusto pagare entrate in eccesso alla Russia”.

Non è ancora chiaro come il G7 attuerà il suo piano di determinazione dei prezzi. I dettagli dovrebbero essere definiti prima dell’inizio di dicembre, quando l’Unione Europea inizierà le sanzioni sulle importazioni marittime di greggio russo.

READ  Il braccio Piaggio apre il primo stabilimento per veicoli elettrici a Chennai

Il G7 è composto da Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Giappone.

La Russia lunedì ha promesso di adottare misure di ritorsione sulla proposta e ha affermato che smetterà di vendere petrolio ai paesi che impongono limiti di prezzo alle esportazioni di energia russe.

Sabato il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha dichiarato alla CNBC che gli sforzi per limitare il prezzo del petrolio russo richiedono un impegno internazionale diffuso per avere successo.

Piuttosto che solo l’azione occidentale, Le Maire ha affermato che l’iniziativa dovrebbe essere attuata “come misura globale contro la guerra”.

Silvia Amaro della CNBC ha contribuito a questo rapporto.