Dicembre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’impatto economico del COVID-19 sui sistemi sanitari, le comunità e le popolazioni

In una rassegna di un recente studio pubblicato in medRxiv* Server di prestampa, i ricercatori valutano i costi economici e medici sostenuti a causa della pandemia di coronavirus 2019 (COVID-19). Hanno anche valutato l’efficacia in termini di costi della sorveglianza e delle misure di risposta e preparazione per COVID-19.

L’infezione da coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave ha causato interruzioni economiche, perdita di vite umane e interruzioni sociali con un profondo impatto sui sistemi sanitari, sulle comunità e sulla popolazione generale. I dati sull’impatto economico del COVID-19 sono indispensabili per migliorare il processo decisionale e allocare le risorse per migliorare la preparazione al COVID-19 e alle future pandemie.

​​​​​​Stallo: Costo della pandemia di COVID-19 rispetto al rapporto costo-efficacia delle strategie di mitigazione nei paesi UE/Regno Unito/SEE e OCSE: una revisione sistematica. Credito di immagine: Studio/Shutterstock di Corona Borealis

sullo studio

Nell’attuale revisione sistematica, i ricercatori hanno valutato l’onere economico del COVID-19 sui sistemi sanitari, le comunità, la popolazione generale e i sottogruppi all’interno delle popolazioni in Europa, nel Regno Unito e negli Stati membri dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA) e il Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Gli studi pubblicati nei database EMBASE e Ovid Medline tra il 1 gennaio 2020 e il 22 aprile 2021 sono stati selezionati per determinare i costi sostenuti a causa del COVID-19 e i vantaggi in termini di costi degli interventi farmaceutici e non farmaceutici (NPI). Le misure o gli interventi di preparazione alla salute pubblica sono stati confrontati con il costo dell’inazione/nessun intervento e il costo della preparazione rispetto al costo della risposta. Le misure dei risultati per le valutazioni economiche includevano il costo per anno di vita guadagnato, il costo per anno di vita aggiustato per la qualità (QALY) raggiunto e il costo dei casi evitati con gli interventi. Inoltre, è stato valutato l’Incresing Cost Effectiveness Ratio (ICER).

Per l’analisi, in primo luogo, i costi sono stati gonfiati dall’anno originale fino al 2021, utilizzando l’indice di deflazione del PIL del database World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale. Quindi, la valuta originale è stata convertita in 2021 euro, utilizzando i valori della parità del potere d’acquisto (PPA) del PIL. La matrice di classificazione della dominanza (DRM) è stata utilizzata per valutare il rapporto costo-efficacia degli interventi degli studi selezionati.

READ  Un nuovo toolkit agricolo sotto i riflettori all'Eima 2022 in Italia

conseguenze

Dei 10.314 studi identificati, è stato esaminato il testo completo di 403 studi full-text, di cui sono stati esclusi 362 studi con criteri di inclusione non soddisfacenti. Di conseguenza, per la revisione finale sono stati selezionati 41 studi, di cui 20 studi, 10 studi e 11 studi rispettivamente di qualità elevata, buona e media. Dieci studi hanno valutato i costi della pandemia SARS-CoV-2 e 31 studi hanno valutato i vantaggi in termini di costi del monitoraggio, della preparazione e delle misure adottate in risposta a COVID-19.

In Italia, le perdite di produttività temporanee e permanenti dovute al COVID-19 sono state stimate rispettivamente in 1.029 euro per caso e 84.836 euro per decesso. Durante la fase iniziale di COVID-19 sono stati sostenuti costi maggiori a causa dell’indisponibilità di un vaccino. In Ohio, il costo delle vite perse è stato di circa 7,8 miliardi di euro. Per i bambini ricoverati in ospedale con COVID-19 in Corea, il costo totale è stato di 252.389 euro e per i pazienti ricoverati il ​​costo è stato stimato in 19.513 euro durante gli otto mesi di ricovero.

I costi erano maggiori (€ 21.850) se la terapia intensiva veniva ammessa senza IMV e ancora più elevati (€ 62.139) se si utilizzava la terapia intensiva e l’IMV. Allo stesso modo, in Turchia, il costo per paziente in terapia intensiva era significativamente superiore a quello dei pazienti di reparto ed era stimato in 2.322 euro e 700 euro rispettivamente per 15 e 9 giorni di ricovero.

In Australia, le stime dei costi per ritardare l’inizio del trattamento per il cancro correlato al COVID-19 per tre e sei mesi erano rispettivamente >6 milioni di euro e >25 milioni di euro. In Europa, i costi di trattamento del COVID-19 erano più alti per le persone con obesità e diabete. L’inizio della terapia con un numero di replicazione efficace (Re) 3,5 è stato conveniente dal punto di vista della comunità quando è stato trattato il 75% dei casi sintomatici (ICER 2.690 €/QALY risparmiato) e dal punto di vista del terzo pagatore quando più del 50% di tutti i pazienti sono stati trattati ( ICER ≤6.267€/QALY risparmiato).

READ  The Shop at 19th & Chestnut porta affari a Erie's Little Italy

La quarantena degli asintomatici ha ridotto i costi. Con l’isolamento domiciliare, i costi sono stati stimati al 5% del PIL degli Stati Uniti, con il massimo risparmio sui costi nel caso di un periodo di isolamento di 45 giorni e il 90% di conformità. Il costo per anno di vita salvata per le politiche di restrizione fisica non rigorose e rigorose di 26 settimane è stato rispettivamente di € 206.888 e € 1.553.988. Per ottenere un numero di riproduzione di base (R .).) di 2, la strategia ottimale era il test giornaliero e l’isolamento di 14 giorni. Al contrario, per R basso (da 1,5 a 1,8), i test settimanali e l’isolamento di una settimana erano ottimali.

Inoltre, i test di comunità, il campionamento della saliva e i test su tutti gli individui sintomatici hanno migliorato la riduzione dei costi rispetto ai test ospedalieri standard, al campionamento del tampone nasofaringeo e al test solo dei pazienti COVID-19 che richiedono il ricovero in ospedale. Il costo delle infezioni evitate dai test antigenici domiciliari è stato di 6.266 euro e lo screening giornaliero con test di reazione a catena della polimerasi (PCR) ha ridotto i costi. Investimenti in dispositivi di protezione individuale (DPI) per 7,6 miliardi di euro, trattamento con desametasone e fornitura di letti di terapia intensiva hanno ridotto l’impatto economico del COVID-19.

In Israele, i blocchi nazionali hanno migliorato i risultati sanitari riducendo i decessi; Tuttavia, l’onere economico è aumentato con costi stimati in € 36.568.451 per morte evitata e € 3,6 milioni di costi per QALY guadagnato. Una chiusura completa per quattro mesi (prorogata per tre mesi) ha comportato costi per 116 miliardi di euro e la graduale revoca delle restrizioni ridurrebbe il PIL di 697.121 euro/anno di risparmio.

READ  I marchi globali si assumono la responsabilità dei lavoratori dell'abbigliamento che vivono al di sotto della soglia di povertà

Le perdite stimate per lo scenario di mitigazione a tre mesi e lo scenario di soppressione sono state rispettivamente del 13,5% e del 22% del PIL. Le politiche di soppressione sono state associate a un ICER < € 56.972. Negli Stati Uniti (USA), l'approccio della vaccinazione universale ha comportato un risparmio sui costi maggiore rispetto all'approccio della stratificazione del rischio dal punto di vista della società (risparmio sui costi stimato di 395 milioni di euro); Tuttavia, quest'ultimo era più conveniente dal punto di vista sanitario.

Nel complesso, i risultati dello studio hanno evidenziato l’onere economico della SARS-CoV-2 sui sistemi sanitari, le comunità, la popolazione generale e specifici sottogruppi della popolazione e hanno dimostrato che le politiche per la fornitura di letti di terapia intensiva, screening della comunità, immunizzazione, e investimento in DPI È stato conveniente. Nella maggior parte dei casi.

*Nota importante

medRxiv Pubblica rapporti scientifici preliminari che non sono stati sottoposti a revisione paritaria e pertanto non dovrebbero essere considerati conclusivi, guidare la pratica clinica/comportamento relativo alla salute o essere trattati come informazioni consolidate.

Riferimento del giornale:

  • Costo della pandemia di COVID-19 rispetto al rapporto costo-efficacia delle strategie di mitigazione nell’UE/Regno Unito/SEE e nell’OCSE: una revisione sistematica. Konstantin Vardavas, Konstantinos Zisis, Katrina Nikitara, Ioana Lago, Katerina Aslanoglu, Costas Athanasakis, Revati Valcke, Joe Leonardi B, Steve Fernandez, Orla Condel, Favel Lamb, Frank Sandman, Anastasia Varese, Charlotte Diogan, Jonathan. medRxiv Prep 2022, DOI: https://doi.org/10.1101/2022.05.31.222275813E il https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2022.05.31.22275813v1