Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’IA può davvero aiutarci ad affrontare le sfide di oggi e di domani?

Tra meno di un mese si terrà la prestigiosa conferenza internazionale presso il MIL Campus dell’Università di Montreal TempoMondo Sull’Intelligenza Artificiale (AI). Riflettendo la loro leadership in questo campo scintillante, Montreal e UdeM saranno ben rappresentate.

Oltre a due famosi ex studenti – l’astrofisico Hubert Reeves e l’astronauta David Saint-Jacques – parteciperanno una ventina di membri della comunità universitaria. Tra questi ci sono il professor Joshua Bengio del Dipartimento di informatica e ricerca operativa e il professor Pascal Lehawkes della UdeM School of Public Health (ESPUM).

Le loro conferenze saranno l’occasione per presentarsi in un futuro alimentato dall’intelligenza artificiale, tra speranze e paure.

Un catalizzatore per il progresso scientifico

Yoshua Bingyu

Credito: Amelie Philibert

Yoshua Bengyu, riconosciuto come uno dei massimi esperti mondiali nel campo dell’intelligenza artificiale, non ha bisogno di presentazioni. In qualità di pioniere del deep learning, il professore e direttore scientifico del Mila, Quebec Institute of Artificial Intelligence, analizzerà il contributo dell’intelligenza artificiale alla ricerca scientifica.

Agli occhi del ricercatore, l’IA può accelerare il processo di scoperta scientifica su due fronti. In primo luogo, i metodi di apprendimento automatico che incorporano concetti di causalità aiutano notevolmente a costruire modelli migliori per i dati sperimentali. Quindi, questi modelli più accurati consentono di guidare la selezione del prossimo esperimento da eseguire.

“Parliamo quindi di metodi di apprendimento per rinforzo – perché questo viene fatto in molte iterazioni sperimentali – e di apprendimento attivo, in cui l’agente di apprendimento sceglie l’esperimento che farà per migliorare il più possibile il suo modello”, afferma Yoshua Bengio.

In questo capitolo, intende affrontare nella sua lezione un nuovo approccio chiamato “reti di flusso generativo” o “GFlowNets” (per reti di flusso generativo). Con il suo team, ha utilizzato tali modelli generativi per lavorare su molecole che potrebbero aiutare a curare il cancro, combattere la resistenza agli antibiotici o migliorare la cattura del carbonio.

READ  Doctolib rende il sistema sanitario avvincente

Usare con cautela

Pascal Leehawks

Pascal Leehawks

Credito: Amelie Philibert

Professore presso il Dipartimento di gestione, valutazione e politica della salute presso ESPUM, Pascal Lehaux è interessato alla progettazione, al finanziamento e alla commercializzazione dell’innovazione responsabile nella salute. La sua conferenza darà uno sguardo pratico e sensibile alle questioni sociali, etiche ed economiche che circondano l’IA.

In primo luogo, il ricercatore esaminerà la qualifica Responsabile Nel contesto dell’intelligenza artificiale. Secondo lei, il termine è spesso abusato senza essere necessariamente associato a caratteristiche concrete. Inviterà inoltre il pubblico a riflettere sul ruolo dell’attività imprenditoriale e dei profitti nelle innovazioni tecnologiche.

“Penso che i giocatori nelle discipline che producono l’IA – matematica, ingegneria, informatica, ricerca operativa, ecc. – dovrebbero riprendersi il futuro della loro scienza, dice. In questo momento, il futuro dell’IA è principalmente nelle mani di il settore privato, che ha così tanto da fare per essere veramente responsabile”.

Nella sua conferenza, chiederà anche modi di pensare alle innovazioni del 21E I bisogni del secolo nel contesto della crisi climatica, dell’invecchiamento della popolazione, dell’emergenza e della recrudescenza delle malattie infettive e, in particolare, della riduzione della biodiversità.