Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’FBI restituisce in Italia l’antico mosaico romano di Medusa

1/3

Gli agenti speciali Elizabeth Rivas e Alan Crowe si recano in Italia per riportare il mosaico nella sua casa di Roma. Foto per gentile concessione dell’FBI

3 settembre (UPI) — Un mosaico di Medusa che si ritiene sia stato realizzato nei primi giorni dell’Impero Romano è stato restituito all’Italia dall’FBI.

Il mosaico è stato esportato ed è arrivato in Italia ad aprile, e gli esperti stanno ora lavorando per pulirlo e restaurarlo, secondo l’FBI. In un comunicato stampa Di venerdì.

L’FBI ha affermato di aver appreso del mosaico per la prima volta alla fine del 2020, quando si è rivolto a un avvocato d’arte per conto di un cliente anonimo che possedeva l’arte storica.

Il cliente non disponeva di documentazione sulla provenienza dell’opera con i dettagli da dove provenisse il mosaico, quindi non poteva essere venduto.

Il mosaico è stato tagliato in 16 pezzi e immagazzinato in un magazzino di Los Angeles dagli anni ’80 in pallet infestati da termiti del peso compreso tra 75 e 200 libbre ciascuno.

“I pezzi del mosaico sono intatti grazie alla struttura climatizzata in cui sono stati tenuti”, hanno detto i funzionari dell’FBI in un comunicato stampa.

Gli agenti speciali Allan Grove ed Elizabeth Rivas della Art Crime Squad dell’FBI cercano di trovare il luogo in cui si trova il mosaico.

Gli agenti hanno prima contattato un esperto d’arte locale, che ha detto che il mosaico potrebbe provenire dall’Italia o dal Nord Africa, quindi hanno contattato i Carabinieri, la controparte italiana dell’FBI.

Mesi dopo, i funzionari dei Carabinieri dissero all’FBI che il mosaico era stato iscritto nei registri dei beni culturali nel 1909.

READ  L'Italia cerca gol nelle ultime partite della Nations League

“L’unica testimonianza moderna dell’esistenza del mosaico è un annuncio su un giornale del 1959 che lo mostrava in vendita nell’area di Los Angeles”, ha detto l’FBI.

La persona che possedeva il mosaico accettò di pagarne la spedizione in Italia in appositi contenitori di spedizione in modo che i pezzi arrivassero integri.

“Abbiamo lavorato con il proprietario per assicurarci di documentare la situazione e ottenere tutto ciò di cui avevamo bisogno per spedirlo in Italia”, ha detto Crowe.

“Abbiamo lavorato con l’ambasciata italiana qui a Los Angeles. È di grande interesse per l’Italia; sono venuti a ispezionare il mosaico e hanno contribuito a facilitare la logistica per riportarlo effettivamente in Italia”.

Rivas ha aggiunto che l’FBI è “molto felice” che l’avvocato e il loro cliente li abbiano contattati.

“Se non fosse stato per loro, sarebbe rimasto in deposito per altri cento anni”, ha detto Rivas. “Questo è un esempio di successo di come possiamo lavorare insieme per riportare i pezzi al loro posto”.