Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump fa causa alla commissione del 6 gennaio per bloccare la citazione per testimonianze e documenti

Donald Trump ha citato in giudizio la commissione che indaga sul violento attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti per aver evitato di collaborare con una citazione che gli chiedeva di testimoniare.

Gli avvocati nella causa sostengono che Trump mantenga l’immunità come ex presidente e che mentre i presidenti hanno accettato volontariamente di testimoniare davanti al Congresso in passato, nessuno è stato costretto a farlo.

“Una pratica precedente e di lunga data secondo cui la separazione dei poteri impedisce al Congresso di costringere il presidente a testimoniare davanti a lui”, ha affermato l’avvocato di Trump David A. Warrington in una nota.

La causa di 41 pagine ha affermato che la citazione è una violazione costituzionale del diritto alla libertà di parola di Trump e ha definito l’indagine una “indagine quasi criminale”.

Trasmetti in streaming più notizie dal mondo dal vivo e on demand con Flash. Più di 25 canali di notizie in un unico luogo. Nuovo su Flash? Prova 1 mese gratis. L’offerta scade il 31 ottobre 2022

L’ex presidente doveva apparire per testimoniare il 14 novembre.

Venerdì scorso, il comitato ha anche prorogato la scadenza del 4 novembre per la consegna di tutti i documenti rilevanti da parte di Trump.

In una lettera alla commissione allegata alla causa, Trump ha affermato di aver “diretto volontariamente una ragionevole ricerca dei documenti in suo possesso” ma “non ha trovato documenti che rispondessero a questa richiesta”.

Il mese scorso, il comitato ristretto della Camera ha votato all’unanimità per emettere un mandato di comparizione a Trump per presentare documenti e testimoniare sotto giuramento in relazione alle rivolte del Campidoglio.

READ  Boris Johnson conclude il suo discorso d'addio con una citazione di Arnold Schwarzenegger

La commissione affermava che l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti era un tentativo di colpo di stato e che Trump giocava un ruolo centrale nel complotto.

La commissione ha intervistato più di 1.000 testimoni in un’indagine durata più di un anno.

L’attacco del 6 gennaio ha ferito più di 140 agenti di polizia e ne ha uccisi almeno sette.