Dicembre 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ex presidente brasiliano Lula ha ricevuto il maggior numero di voti, ma non è riuscito a ottenere una maggioranza netta contro Jair Bolsonaro in carica

Gli elettori brasiliani si stanno dirigendo alle urne per la seconda volta dopo che nessuno dei candidati alla presidenza ha ottenuto la maggioranza alle elezioni di domenica.

L’ex presidente Luis Inacio Lula da Silva ha ricevuto il maggior numero di voti, ma non abbastanza per evitare il ballottaggio contro il suo rivale di estrema destra, Jair Bolsonaro.

Da Silva ha avuto il 47,9% di sostegno, davanti a Bolsonaro con il 43,6%, con il 97% dei voti registrati.

Poiché nessuno dei candidati ha ricevuto più del 50 percento, il secondo turno era previsto per il 30 ottobre.

Le elezioni altamente polarizzate determineranno se il paese riporterà la sinistra al timone della quarta democrazia più grande del mondo o manterrà in carica il leader di estrema destra per altri quattro anni.

Donna gialla e verde che alza le braccia in festa, in piedi in strada di notte
I sostenitori del presidente brasiliano Jair Bolsonaro celebrano i risultati parziali dopo la chiusura delle urne.(AFP: Bruna Prado)

L’amministrazione di Bolsonaro è stata caratterizzata da una retorica incendiaria, dalla sua prova delle istituzioni democratiche e dalla sua diffusa critica alla gestione della pandemia di COVID-19 e alla peggiore deforestazione nella foresta amazzonica degli ultimi 15 anni.

Ma ha costruito una base devota difendendo i valori conservatori e presentandosi come protezione della nazione dalle politiche di sinistra che secondo lui violano le libertà personali e portano a disordini economici.

da Silva è accreditato di aver costruito un programma di assistenza sociale completo durante i suoi sette anni di mandato dal 2003 al 2010, aiutando a portare decine di milioni di persone nella classe media.

È anche ricordato per il coinvolgimento della sua amministrazione in diffusi scandali di corruzione e per la sua condanna, successivamente ribaltata dalla Corte Suprema.

AP

READ  Il governo di Singapore non paga più il conto per i pazienti COVID-19 non vaccinati