Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ex All-Black Kieran Crowley è pronto per la sfida italiana di rugby

Kieran Crowley torna in Italia per allenare la nazionale di rugby.

Simon O’Connor / Soggetto

Kieran Crowley torna in Italia per allenare la nazionale di rugby.

L’ex attaccante All Black Kieran Crowley era pronto per tornare in Nuova Zelanda, dove ha avuto l’opportunità di rimanere in Italia e allenare la nazionale.

Il 19-Test terzino è stato consegnato come una sfida per portare gli assiri a un livello più alto di competizione per il prossimo torneo a sei nazioni dopo sei campionati imbattuti.

Crowley inizia la sua carriera di tre anni con la prima partita contro gli All-Blacks, seguita da Argentina e Uruguay prima di affrontare sei nazioni.

“Non vedo l’ora, ma sarà una grande sfida nelle nostre prime nove partite contro sette delle prime 10 squadre al mondo”, ha detto Crawley durante una pausa programmata per incontrare amici e familiari a Taranaki.

Per saperne di più:
* L’ex All Black Kieran Crowley Benaton vince il titolo della Rainbow Cup nell’ultima partita come allenatore
* Kieran Crowley è stato nominato allenatore di rugby dell’Italia
* Corona virus: un drastico cambiamento nel ruolo dell’ex Black Kieran Crowley durante la serrata italiana
* Sei Nazioni: la Francia batte la sfortunata Italia
* L’ex terzino di All Blocks Kieran Crowley fornisce informazioni sulla vita in Italia e su ciò che l’Abyss può aspettarsi a Dublino
* Allenatori Taranaki nel divertimento del rugby

“Ogni partita ha pochissimo tempo per prepararsi, quindi una cosa è che tutti arrivino alla stessa pagina.

“Vogliamo fare dei buoni spettacoli equilibrati di cui possiamo sentirci orgogliosi.

Ho detto all’Unione che il quadro di valutazione del primo anno non avrebbe riguardato i risultati. Non ci saranno grandi cambiamenti, dobbiamo fare le piccole cose prima che i successi inizino ad arrivare.

READ  Polycap India ha annunciato lo scioglimento della sua filiale italiana

Crowley è arrivato in Nuova Zelanda alla fine di luglio dalla base di Treviso in Italia e ha fatto il percorso isolato che ha gestito per due settimane: “una passeggiata di 30 minuti al giorno è un po’ diversa”.

La vita in Italia è tornata alla normalità dopo il Covid, che ha dovuto indossare mascherine nei bar, nei negozi e sui mezzi pubblici, ha affermato.

“Tutti coloro che sono vaccinati dovrebbero portare una carta ‘verde’ da mostrare alle autorità”.

Kieran Crowley nei suoi giorni di gioco, alla destra dell'ex capitano All-Black Graham Marie.

Argomento

Kieran Crowley nei suoi giorni di gioco, alla destra dell’ex capitano All-Black Graham Marie.

Crawley è tornato in Nuova Zelanda con sua moglie Sue a marzo, un anno prima del previsto, dopo aver terminato l’allenamento per la Benetton Treviso in due partite della stagione precedente.

Treviso ha vinto il Trofeo Arcobaleno PRO14 in finale contro i Bulls del Sud Africa.

Il titolo una volta ha portato “eccitazione” al club nord italiano e sarebbe stato un buon passaggio per l’allenatore neozelandese.

Sarebbe a casa per la prima volta in tre anni, ha detto.

Questi piani sono stati buttati fuori dalla finestra quando Crowley, che ha allenato il Canada dal 2008 al 2016, ha selezionato l’Italia come guida per la Coppa del mondo di rugby 2023 in Francia.

“Ci sono alcune grandi sfide, ma va bene se fai qualche lavoro”, ha detto Crowley.

L’Italia ha avuto qualche successo in sei paesi sotto i 20 anni, quindi ci sono dei talenti tra i giovani, ma non tanto a livello senior.

L'allenatore Italia ha avuto sfide come qualsiasi altro lavoro, ha detto il nuovo allenatore Kieran Crowley.

Simon O’Connor / Soggetto

L’allenatore Italia ha avuto sfide come qualsiasi altro lavoro, ha detto il nuovo allenatore Kieran Crowley.

“Non abbiamo le dimensioni di un quinto stretto e la mischia, che era tradizionalmente forte, ha perso un po’ di potenza”.

La maggior parte dei giocatori sarà selezionata dalle squadre Pro 14, Treviso e Zebra.

Crowley e sua moglie torneranno a Treviso per il sesto anno ai primi di settembre.

“È un ottimo modo di vivere. Ci piace il clima e le persone sono molto generose e di supporto.

“Faccio l’allenatore da quasi 30 anni. A volte vorrei tornare in fattoria, ma devi allontanarti e credere in quello che stai facendo e portarti attorno brave persone.

“Come ogni lavoro hai bisogno di una pelle dura.”