Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ex agente di polizia Derek Chauvin viene dichiarato colpevole di omicidio

“Questo caso è un punto di svolta nella storia americana per quanto riguarda la responsabilità delle forze dell’ordine e invia un messaggio chiaro che speriamo possa essere ascoltato chiaramente in ogni città e in ogni stato”.

“Sento lacrime di gioia e passione”, ha detto a MSNBC Rodney, il fratello di Floyd.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiamato la famiglia di George Floyd dopo che il verdetto ha detto di se stesso e del vicepresidente Kamala Harris: “Siamo tutti molto a nostro agio”.

Alla domanda di una persona cara sulle sue condizioni, Biden ha detto: “Ora mi sento meglio. Niente migliorerà tutto, ma almeno ora c’è un po ‘di giustizia”.

“Questo è il giorno della giustizia”, ​​ha detto Harris alla famiglia dopo essersi unito a Biden per assistere al verdetto nella sala da pranzo privata fuori dallo Studio Ovale.

All’inizio della giornata, il presidente Joe Biden ha detto di aver parlato con la famiglia Floyd e che stava “sostenendo che il verdetto fosse il giudizio giusto”.

“Penso che la questione sia schiacciante dal mio punto di vista”, ha detto, sottolineando che non ha commentato il processo fino a quando la giuria non è stata rimossa.

Fuori dall’aula, la ragazza di Floyd, Courtney Ross, ha detto: “Era divertente, sciocco, devoto e uomo-dio.

“Era fuori dal mondo.”

Caricamento in corso

Chauvin è il secondo ufficiale di polizia conosciuto nella storia del Minnesota ad essere stato condannato per aver commesso un omicidio in servizio. Il primo è stato Mohamed Nour nel 2019, L’ufficiale di polizia che due anni fa ha ucciso l’australiano Justin Damond fuori dalla sua casa a Minneapolis.

READ  Il governo provinciale ha affermato che il bilancio delle vittime delle inondazioni a Zhengzhou, in Cina, è più che triplicato

L’omicidio di secondo grado, il più grave dei tre conteggi di Chauvin, richiede ai pubblici ministeri di dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che Chauvin ha causato la morte di Floyd mentre commetteva o tentava di commettere un altro crimine – in questo caso, aggressione fisica.

“Non è necessario che lo Stato dimostri che l’accusato intendeva uccidere George Floyd”, ha detto alla giuria il giudice del processo Peter Cahill. “Ma deve essere dimostrato che l’imputato ha commesso o tentato di commettere il reato principale.”

L’accusa di omicidio di terzo grado richiedeva all’accusa di dimostrare che Chauvin aveva inavvertitamente causato la morte di Floyd mentre agiva con “sconsiderato disprezzo per la vita umana”.

L’accusa di omicidio colposo di secondo grado richiedeva la prova che Chauvin aveva creato un pericolo irragionevole agendo consapevolmente in un modo che poteva causare la morte o danni fisici significativi a un’altra persona.

Chauvin non ha testimoniato durante il processo, e invece ha scelto di invocare il suo diritto di non incriminarsi, invocando il Quinto emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti.

Altro sta arrivando

I più visti al mondo

Caricamento in corso