Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’evacuazione della ragazza afgana Sharbat Gula dalla famosa foto in Italia dopo il controllo dei talebani

Roma: National Geographic Il governo italiano ha affermato che la famosa “ragazza afgana” dagli occhi verdi della rivista era arrivata in Italia nell’ambito dell’evacuazione occidentale degli afgani dopo che i talebani avevano preso il controllo del paese.

L’ufficio del primo ministro Mario Draghi ha detto che l’Italia ha organizzato l’evacuazione di Sharbat Gula dopo aver chiesto il suo aiuto per lasciare il paese. La dichiarazione afferma che il governo italiano ora la aiuterà a integrarla nella vita in Italia.

Sharbat Gula è apparsa sulla copertina del National Geographic nel 1984.a lui attribuito:AP

Jola ha guadagnato fama internazionale nel 1984 quando era una rifugiata afghana, dopo che la foto di lei, con penetranti occhi verdi, del fotografo di guerra Steve McCurry, è stata pubblicata sulla copertina di National Geographic. McCurry l’ha ritrovata nel 2002.

Nel 2014 è apparsa in Pakistan ma si è nascosta quando le autorità l’hanno accusata di aver acquistato una carta d’identità pakistana falsa e ne hanno ordinato l’espulsione. È stata trasportata in aereo a Kabul dove il presidente le ha dato un ricevimento al palazzo presidenziale e le ha consegnato le chiavi di un nuovo appartamento.

Sharbat Gula, nella foto nel 2016.

Sharbat Gula, nella foto nel 2016. a lui attribuito:AP

L’Italia è stato uno dei tanti paesi occidentali che hanno fatto volare centinaia di afgani fuori dal paese dopo la partenza delle forze statunitensi e la presa del potere da parte dei talebani ad agosto.

Scarica

In una dichiarazione che annunciava l’arrivo di Gula a Roma, l’ufficio di Draghi ha affermato che il suo ritratto è venuto “a simboleggiare le vicissitudini e il conflitto del capitolo della storia che l’Afghanistan e il suo popolo stavano attraversando in quel momento”.

READ  Cosa potrebbe accadere al KRI Nanggala nei suoi ultimi momenti?

Ha detto di aver ricevuto richieste “da quelli della società civile, in particolare da organizzazioni senza scopo di lucro che lavorano in Afghanistan” per sostenere la richiesta di aiuto di Gula per lasciare il paese.