Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Europa trattiene il fiato mentre l’Italia si prepara a votare per il leader di estrema destra | Georgia Meloney

Gli italiani stanno votando in un’elezione che dovrebbe fornire il governo più di estrema destra del paese dalla seconda guerra mondiale e un primo ministro pronto a diventare un modello per i partiti nazionalisti in tutta Europa.

Secondo i sondaggi prima del voto, una coalizione guidata dai Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, un partito neofascista, si assicurerà una comoda vittoria in entrambe le camere del parlamento, con il 44-47% dei voti.

Il partito di Meloni è destinato a conquistare la maggioranza dei voti all’interno di una coalizione che include la Lega di estrema destra di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi, il che significa che potrebbe diventare la prima donna presidente del Consiglio d’Italia.

Tuttavia, la vittoria della coalizione solleva interrogativi sulle alleanze del Paese in Europa e, sebbene Meloni possa provare a inviare messaggi rassicuranti, è improbabile che la sua presa di potere sia accolta con favore a Parigi o Berlino.

Il Partito socialdemocratico tedesco al governo ha avvertito la scorsa settimana che la sua vittoria sarebbe stata negativa per la cooperazione europea. Lars Klingbeil, capo dell’SPD del presidente Olaf Schaals, ha affermato che Meloni si è schierato con figure “antidemocratiche” come il primo ministro ungherese Viktor Orbán.

All’inizio di questo mese, gli eurodeputati di Meloni hanno votato contro una risoluzione che condanna l’Ungheria come un “regime ibrido di autocrazia elettorale”. Meloni è alleato del partito nazionalista al potere in Polonia Law and Justice, dei Democratici svedesi anti-immigrazione e del partito di estrema destra Vox in Spagna.

Il 45enne politico romano tizzone di fuoco ha ricevuto un’approvazione da Vox al termine della sua campagna, affermando che le due parti erano legate da “rispetto reciproco, amicizia e lealtà”, mentre sperava che una vittoria per i Fratelli d’Italia avrebbe dato Vox una spinta. Qualche motivazione in Spagna.

READ  L'Italia ha un compito difficile sul cambiamento climatico

“Meloni ha l’ambizione di rappresentare un modello non solo per l’Italia ma anche per l’Europa: questa è una novità [for the right in Italy] rispetto al passato”, ha affermato Nadia Urbinati, teorica politica alla Columbia University di New York e all’Università di Bologna. “Ha legami con altri partiti conservatori che vogliono un’Europa con meno libertà civili… il modello c’è e il piano c’è”.

Mattia Diletti, professore di politica all’Università La Sapienza di Roma, ha detto che Meloni avrebbe vinto grazie alla sua performance ideologica ma anche pratica, che gli ha permesso di elevare il leader dell’estrema destra francese Marine Le Pen al posto dell’Europa occidentale. Un modello per il nazionalismo.

Tuttavia, è improbabile che rompa la barca, almeno inizialmente, poiché cerca di garantire flussi di cassa continui nell’ambito del piano di salvataggio dell’UE Covid dell’Italia da 191,5 miliardi di euro (166 miliardi di sterline), il più grande dell’UE. La coalizione ha detto che non vuole rinegoziare il piano, ma vuole apportare modifiche.

Matteo Salvini, Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Maurizio Lupi partecipano giovedì a un incontro politico organizzato dall’alleanza politica di destra a Roma. Foto: Riccardo Fabi/NurPhoto/REX/Shutterstock

“L’ambiguità è la chiave per capire Meloney”, ha detto Dilette. “È molto desiderosa di scendere a compromessi con l’UE sulla politica economica. Ma se l’UE la spinge troppo sul governo italiano, può sempre tornare nella sua zona sicura come leader populista di destra. Farà tutto il necessario per rimanere al potere.

Il possibile ritorno di Salvini al ministero dell’Interno smorzerebbe anche le speranze di progressi nel lungo sforzo dell’UE di riformare il suo sistema migratorio condividendo i richiedenti asilo tra gli Stati membri. Salvini, che ha stretti legami con Le Pen, ha detto che “non vede l’ora” di riprendere la sua politica di impedire alle navi di soccorso dei migranti di entrare nei porti italiani.

In Ucraina, Meloni ha condannato l’invasione russa e ha sostenuto l’invio di armi nel Paese dilaniato dalla guerra, ma non è chiaro se il suo governo sosterrà l’ottavo round di sanzioni dell’UE in discussione a Bruxelles. Salvini ha affermato che le sanzioni metterebbero in ginocchio l’Italia, anche se non ha mai bloccato l’azione dell’UE contro la Russia quando l’ampia coalizione di governo di Mario Draghi è crollata a luglio.

Le votazioni sono iniziate domenica alle 7 del mattino, con un’affluenza alle urne di circa il 19% fino a mezzogiorno. La quota di elettori indecisi prima dell’apertura delle urne era del 25%, il che significa che la coalizione di destra potrebbe ottenere una maggioranza più sottile di quanto inizialmente suggerito dai sondaggisti. Si prevede che una coalizione di sinistra guidata dal Partito Democratico otterrà il 22-27% dei voti.

È probabile che anche diversi seggi nelle regioni meridionali dell’Italia come Puglia e Calabria entrino in gioco dopo una piccola rinascita del movimento populista Cinque Stelle, che ha riacquistato il sostegno dopo essersi impegnato a mantenere il reddito di base, la sua politica di punta, in caso di ripresa del partito. entra nel governo.

Domenica mattina c’è stato un flusso costante di elettori a uno stand nel multiculturale quartiere Eskilino di Roma, ma l’atmosfera era di disperazione.

“Ci sentiamo come se fossimo su una barca senza timone”, ha detto Carlo Russo. “Durante la campagna elettorale, abbiamo sentito solo scambi di insulti tra i vari partiti piuttosto che uno scambio di idee. In questi momenti caotici, le persone tendono a votare per la persona che sembra essere più forte.

Fausto Macari, che gestisce un’edicola, ha detto che non avrebbe votato per la destra, ma non era sicuro di chi avrebbe sostenuto. “Le scelte sono pessime”, ha aggiunto Makari, che ha 60 anni. Per esempio guardo Berlusconi e mi ricorda un personaggio comico. Non dovrebbe fare politica alla sua età. Alla mia età, provare a fare il calciatore come Maradona sarebbe come me.

Molti italiani che sostengono Meloni lo fanno perché deve ancora essere provato e messo alla prova al governo e sono colpiti dalla sua determinazione e lealtà ai suoi principi.

“Si presenta come una donna capace, ma non arrogante”, ha detto Urbinati. “Lei fa tutto ed è devota, ma senza questa adrenalina maschile, vuole il potere a tutti i costi”.