Luglio 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Europa provoca il mondo con il suo controverso piano per combattere il cambiamento climatico

Questo sistema commerciale sarà ridisegnato per includere una serie di importanti settori industriali – produttori di acciaio, generatori di energia, spedizioni, trasporti ed edifici – su cui il sistema non è stato precedentemente tassato.

Le case automobilistiche saranno incluse e innalzeranno i loro standard sulle emissioni per eliminare gradualmente i nuovi veicoli a benzina e diesel entro il 2035. L’agricoltura, che attualmente non è coperta dall’ETS, dovrà affrontare limiti alle emissioni.

Il piano dell’UE intensificherà il dibattito globale sulla riduzione delle emissioni globali di carbonio in misura maggiore e più rapida di quanto ora previsto e sui migliori meccanismi per raggiungere questi risultati.a lui attribuito:Jonathan Carroll

Lo schema commerciale della Cina inizierà con più di 2.000 aziende nel settore della produzione di energia – una delle principali fonti di emissioni globali – prima di espandersi alle industrie petrolchimiche, dei materiali da costruzione, dell’acciaio, dei metalli, della carta e dell’aviazione nei prossimi anni.

In segno della complessità delle politiche di carbon pricing, anche in Europa, la proposta dell’UE include un piano per utilizzare parte dei 9 miliardi di euro (14,25 miliardi di dollari) all’anno stimati delle entrate raccolte dalla tassa sui limiti del carbonio per finanziare euro. 72,2 miliardi di programmi per compensare l’impatto delle proposte su veicoli ed edifici per le famiglie che affrontano l’aumento dei costi di carburante e riscaldamento.

A sottolineare questa complessità, può esserci un diverso trattamento delle economie anche all’interno dell’Unione Europea, con concessioni alle economie più deboli del Sud Europa e ai paesi più poveri dell’Europa centrale e orientale. Il piano dell’UE potrebbe includere l’emissione di crediti gratuiti a tali economie (e quindi un sollevamento più pesante da parte delle economie più forti) per un decennio o più.

READ  Feste religiose, cremazioni ed epidemie

Naturalmente, qualsiasi concessione potrebbe rafforzare la tesi dell’OMC contro la tassa di confine, sebbene inizialmente avrebbe un’applicazione limitata: verrebbe imposta su prodotti come acciaio, cemento, alluminio e fertilizzanti. Russia, Turchia e alcune economie dell’Europa orientale saranno le più colpite.

Gli Stati Uniti, la Cina, la Russia e altri (inclusa l’Australia) si sono opposti al concetto di tassa di confine (sebbene gli Stati Uniti abbiano suggerito di introdurne una propria) e la sua imposizione potrebbe portare a tasse di ritorsione e scatenare una guerra commerciale con gli Stati Uniti, che solo di recente si sono ritirati.

Poiché viene applicato in modo più ampio, al fine di livellare il campo di gioco per le società europee e prevenire la “rilocalizzazione delle emissioni di carbonio”, o le società europee che si trasferiscono in giurisdizioni con standard di emissione meno punitivi, le aziende dovranno compensare la differenza – pagando una tassa – su qualsiasi divario di prezzo del carbonio, se del caso, pagano nel loro mercato locale e nel sistema UE.

Con l’introduzione graduale della tassa di confine, che inizierà nel 2026, l’UE vorrà probabilmente dare alle imprese, le sue e quelle di altri paesi, il tempo di capire e prepararsi per quello che sarà uno schema molto complesso, in quanto esportatori verso il L’UE dovrà probabilmente condurre audit sulle loro emissioni.

L’applicazione iniziale limitata può anche essere progettata per disinnescare il rinculo extra-UE.

Gli Stati Uniti, la Cina, la Russia e altri (inclusa l’Australia) si sono opposti al concetto di tassa di confine (sebbene gli Stati Uniti abbiano suggerito di introdurne una propria) e la sua imposizione potrebbe portare a tasse di ritorsione e scatenare una guerra commerciale con gli Stati Uniti, che solo di recente si sono ritirati.

READ  AirAsia si scusa dopo che i commenti del CEO thailandese si sono diffusi ai dipendenti
Si prevede che la Cina pubblicherà i dettagli del suo mercato interno di scambio di emissioni per aiutarla a raggiungere il suo obiettivo di raggiungere il picco di emissioni nel 2030 e le emissioni nette pari a zero entro il 2060 venerdì.

Si prevede che la Cina pubblicherà i dettagli del suo mercato interno di scambio di emissioni per aiutarla a raggiungere il suo obiettivo di raggiungere il picco di emissioni nel 2030 e le emissioni nette pari a zero entro il 2060 venerdì.a lui attribuito:AP

Tuttavia, pubblicizzandolo, l’UE potrebbe essere in grado di raggiungere il suo obiettivo e amplificare l’impatto della sua risposta ai cambiamenti climatici, intensificando le discussioni sulle alternative, in particolare il concetto di un prezzo minimo globale del carbonio promosso da alcuni paesi. Istituzioni multilaterali globali e organizzazioni internazionali che rappresentano i gestori di fondi che perseguono strategie di investimento sostenibili.

Il prezzo minimo globale, o il meccanismo che calcola il prezzo in base ai progressi dei paesi verso le emissioni nette zero, sarebbe un approccio meno oneroso e più equo senza il sapore protezionistico del regime fiscale dell’UE alle frontiere.

Quello che faranno le azioni dell’UE sarà intensificare il dibattito globale sulla riduzione delle emissioni globali di carbonio più e più velocemente di quanto ora previsto e sui migliori meccanismi per raggiungere questi risultati.

Ciò eserciterà maggiore pressione sulle economie, come l’Australia, che non hanno un sistema di scambio di quote di emissioni o di prezzi, indipendentemente dalle loro ambizioni dichiarate o dai progressi verso le emissioni nette zero.

Caricamento in corso

Molto può dipendere da ciò che fanno gli Stati Uniti. L’amministrazione Biden ha piani molto ambiziosi per ridurre le emissioni degli Stati Uniti – Biden si è impegnato a ridurle del 50% entro il 2030 e ha un sistema energetico neutro entro il 2035 – ma ha lottato per ottenere gli elementi infrastrutturali del suo programma attraverso il Congresso e cercare di congelare nuovi contratti di locazione di petrolio e gas su terreni federali attraverso i tribunali.

READ  Almeno tre morti in un attacco a un camion di carburante iraniano al largo delle coste della Siria | Siria

Se gli Stati Uniti dovessero invertire la tassa sui limiti di carbonio dell’UE e gli obiettivi sulle emissioni dell’UE, o adottare politiche che potrebbero produrre risultati simili (indipendentemente dal fatto che la Cina rispetti effettivamente i suoi impegni), creerebbe una pressione irresistibile sul resto del mondo affinché li segua. Per evitare di essere scontati o chiusi in almeno due dei tre mercati più grandi del mondo.