Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Europa è sul punto di vietare il petrolio russo: cosa accadrà dopo?

Il predominio decennale della Russia sul mercato energetico europeo si sta sgretolando e il colpo più grande è previsto questa settimana quando l’Unione Europea si muove verso il divieto del petrolio russo.

Gli analisti affermano che sarebbe possibile recidere i legami petroliferi tra Europa e Russia, ma che lo sforzo richiederebbe tempo e potrebbe portare a carenze e aumenti di benzina, diesel, carburante per aerei e altri prodotti, una situazione che potrebbe penalizzare i consumatori già alle prese con l’inflazione e, in definitiva, ostacolare la ripresa economica dell’epidemia.

Sarà complicato, ha affermato Richard Bruns, capo della geopolitica presso la società di ricerca Energy Aspects. “Hai una disconnessione tra due parti molto intrecciate del sistema energetico globale”, ha detto, aggiungendo: “Ci saranno interruzioni e costi associati a questo”.

“Ma i responsabili politici sono sempre più convinti che sia necessario e meglio farlo in tempi relativamente brevi, per cercare di ridurre le entrate per finanziare la Russia e ridurre l’esposizione dell’Europa all’influenza russa”, ha affermato Bruns.

Gli obiettivi dell’Unione Europea sono chiari. Mentre la Russia continua a fare la guerra in Ucraina, l’Europa vuole privare il presidente Vladimir Putin dei fondi dalle vendite di petrolio, solitamente la sua principale fonte di esportazione e una pietra angolare dell’economia russa. Le vendite di petrolio russo in Europa sono stimate in 310 milioni di dollari al giorno, stima Florian Thaler, CEO di OilX, una società di ricerca energetica.

La mossa contro il petrolio sarebbe parte di uno sforzo per porre fine alla capacità di Mosca di distorcere le braccia dell’energia europea. Nel suo ultimo tentativo in tal senso la scorsa settimana, la Russia ha interrotto le forniture di gas naturale a Polonia e Bulgaria. Gli analisti affermano che il petrolio russo potrebbe essere un obiettivo più facile del gas. “Il sistema petrolifero può ricostruirsi da solo”, ha affermato Oswald Clint, analista della Bernstein Research, aggiungendo che il petrolio era un “mercato molto profondo, liquido e sostituibile” servito da migliaia di petroliere.

Tuttavia, per l’Unione Europea, isolarsi dal petrolio russo sarebbe un compito arduo che potrebbe rischiare di gettare i semi della divisione. Circa il 25 per cento del petrolio greggio europeo proviene dalla Russia, ma ci sono differenze significative nel livello di dipendenza tra i paesi, con la regola generale che i paesi geograficamente più vicini alla Russia sono più intrecciati nella loro rete energetica.

READ  LML Electric investirà Rs 350 crore nell'espansione del prodotto, nuovo stabilimento

La Gran Bretagna, che non è un membro dell’Unione Europea e ha una produzione di petrolio dal Mare del Nord, ha detto che eliminerà gradualmente l’energia russa. Spagna, Portogallo e Francia importano quantità relativamente basse di petrolio dalla Russia.

D’altra parte, molti paesi, tra cui Ungheria, Slovacchia, Finlandia e Bulgaria, importano oltre il 75% del loro petrolio dalla Russia e potrebbero avere difficoltà a sostituirlo presto con fonti alternative.

“È praticamente impossibile gestire l’Ungheria e l’economia ungherese senza il petrolio greggio dalla Russia”, ha affermato martedì il ministro degli Esteri ungherese Petr Szyjjarto.

Mentre le preoccupazioni sono incentrate sui gasdotti, enormi quantità di petrolio fluiscono anche dai giacimenti petroliferi russi attraverso l’oleodotto Druzhba (dal nome della parola per l’amicizia russa), il cui ramo settentrionale alimenta la Germania e la Polonia e la linea meridionale va in Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria. .

Thaler di OilX ha affermato che le raffinerie lungo questa rotta, incluso l’impianto PCK di Schwedt, vicino a Berlino, “lavorano con il greggio russo negli ultimi 50 anni”. “Devi trovare un agente per questo nel mercato internazionale.”

Thaler ha affermato che l’Ungheria e la Slovacchia potrebbero ricevere più petrolio dalle petroliere nell’Adriatico, tramite un gasdotto che attraversa la Croazia, mentre la Repubblica Ceca potrebbe essere alimentata da un terminal a Trieste, in Italia. I responsabili politici a Bruxelles potrebbero concedere all’Ungheria e forse ad altri paesi un ampio margine di manovra per ottenere il loro sostegno.

D’altra parte, Germania e Polonia sembrano determinate a porre fine alla loro dipendenza dall’energia russa, e questo cambiamento di atteggiamento in Germania sembra essere la chiave della politica europea. La Germania prevede di trasportare petrolio attraverso il porto orientale di Rostock e attraverso il confine con la Polonia, dal porto di Danzica.

Il governo tedesco afferma di essere stato in grado di rescindere i contratti per il greggio russo, ad eccezione della raffineria Schweidt e di un’altra raffineria nella Germania orientale chiamata Leona, che insieme rappresentano quasi il 12% delle importazioni del paese dalla Russia.

“Ciò significa che il divieto è già stato attuato passo dopo passo”, ha affermato lunedì il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck.

Sebbene si parli di petrolio come un’unica merce, ne esistono molti tipi con proprietà diverse e le raffinerie sono spesso configurate per eseguire determinati gradi di greggio. Gli analisti affermano che l’abbandono del petrolio russo potrebbe comportare dei costi se si potesse trovare il carburante.

Zsolt Hernadi, presidente della MOL, una grande compagnia petrolifera ungherese, ha recentemente affermato che potrebbero volerci fino a quattro anni e 700 milioni di dollari per ricalibrare le raffinerie della sua compagnia in caso di embargo petrolifero russo.

Gli analisti affermano che il divieto potrebbe portare a una costosa concorrenza per le fonti petrolifere alternative.

Tra le alternative potenzialmente disponibili al petrolio russo, solo la produzione saudita era adatta, ha affermato Victor Katona, esperto di petrolio di Kpler, che tiene traccia dei flussi di energia. Finora, i sauditi, che presiederanno la riunione dell’OPEC+ giovedì, hanno mostrato poca propensione ad aumentare la loro produzione più di quanto non facciano. Katuna ha affermato che anche il petrolio iraniano potrebbe funzionare, ma le sanzioni statunitensi continuano a ostacolare le vendite di carburante iraniano. Il petrolio venezuelano, anch’esso ostacolato dalle sanzioni, è spesso citato come un potenziale scambio con il greggio russo.

Le razze stanno già comparendo sul mercato del diesel, utilizzato sia dai conducenti ordinari che dai conducenti di camion. Il diesel scarseggia perché i distributori europei sono diffidenti nell’acquistare prodotti raffinati dalla Russia, che un tempo forniva all’Europa grandi quantità di carburante. Il diesel viene venduto per l’equivalente di circa 170 dollari al barile, ben al di sopra dei 107 dollari al barile dei future sul Brent, lo standard internazionale, e Katona si aspetta che il prezzo continui a salire. alla pompaI prezzi del diesel in Gran Bretagna sono aumentati di oltre il 35% negli ultimi 12 mesi, secondo RAC, un club di automobilisti.

READ  I vigili del fuoco combattono gli incendi violenti nel sud-ovest della Sardegna | Italia

Katona ha affermato che il divieto “farebbe un danno tangibile alla raffineria europea, e quindi al cliente europeo”.

Gli analisti affermano che il rilascio di petrolio dalle riserve annunciato da Washington e dall’Agenzia internazionale per l’energia con sede a Parigi, che dovrebbe fornire oltre 1 milione di barili di petrolio in più al giorno per sei mesi, ha finora avuto un impatto maggiore sugli Stati Uniti Stati rispetto agli Stati Uniti. mercato europeo.

Per la Germania, la più grande economia europea, la decisione più difficile sarà cosa fare per la raffineria di Schwedt, che è di proprietà di maggioranza di Rosneft, la compagnia petrolifera nazionale russa, che ha partecipazioni minori in altre due raffinerie in Germania. Un’altra società russa, Lukoil, ha partecipazioni in raffinerie in Europa, inclusa una delle maggiori raffinerie italiane, ISAB, in Sicilia.

“Quelle società non avranno molti incentivi per gestire petrolio greggio non russo”, ha detto Bruns.

Il ministero dell’Economia tedesco ha affermato che non si aspettava una “interruzione volontaria delle relazioni di fornitura con la Russia” a Schwedt e stava esplorando opzioni legali, inclusa la giustificazione di un’acquisizione statale.

Poi c’è la questione se l’imposizione di un embargo petrolifero russo all’Europa raggiungerà l’obiettivo di tagliare le entrate del Cremlino. Finora, la pressione sulla Russia sembra far aumentare i prezzi e quindi maggiori entrate. Rystad Energy, una società di consulenza, prevede che mentre è probabile che la produzione di petrolio russa diminuisca nel 2022, è probabile che il reddito totale di carburante del governo russo aumenterà di circa il 45%, a 180 miliardi di dollari.

La Russia sta cercando una casa per il suo petrolio anche in India e, in misura minore, in Turchia, dove gli acquirenti beneficiano di forti sconti. “Potrebbe essere solo un gioco di sedie musicali”, ha detto Katona.