Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Europa è nei guai con l’oscurità dell’atmosfera economica

Gli aumenti drammatici dei costi energetici hanno implicazioni economiche.

Nel Regno Unito, Citigroup ha avvertito che il tasso di inflazione della Gran Bretagna potrebbe raggiungere il 18% all’inizio del prossimo anno a causa dell’aumento dei prezzi del gas all’ingrosso.

Gli europei stanno cercando di aumentare le loro riserve di gas con l’avvicinarsi dell’inverno e hanno quasi raggiunto i livelli target di circa l’80% della loro capacità di stoccaggio.a lui attribuito:AP

L’inflazione nell’Eurozona è salita all’8,9% e il recente aumento dei prezzi dell’energia assicurerà che il tasso continui a salire, aumentando la pressione sulla Banca Centrale Europea per aumentare i tassi di interesse europei anche se le economie dell’Eurozona entrano in recessione.

La bilancia commerciale della regione è passata da forti eccedenze a disavanzi poiché l’alto conto per le importazioni di gas ha oscurato la forte performance delle esportazioni.

Nella forte economia della regione, la Germania, Bloomberg ha stimato che i prezzi dell’energia hanno superato l’equivalente di $ 1.000 ($ 1.448) al barile di petrolio.

Caricamento in corso

L’indice “flash” dei settori industriale e dei servizi in Germania ha registrato per il secondo mese consecutivo una contrazione di entrambi. La recessione incombe per la principale economia dell’eurozona.

Le economie dell’Eurozona risentono anche della divergenza nelle politiche monetarie con gli Stati Uniti, dove la Federal Reserve è sulla via della stretta monetaria più della Banca Centrale Europea e più aggressiva riguardo alle prospettive di politica monetaria a breve termine.

Ciò si riflette sui tassi di cambio, e quindi l’euro è sceso al di sotto della parità, cosa che non si vedeva dai primi giorni della creazione della moneta unica.

READ  Nuova sottovariante Omicron: le autorità si affrettano a capire "il più contagioso" come variante BA.2 COVID-19

Il deprezzamento del tasso di cambio, se continua, significa che l’eurozona importerà effettivamente l’inflazione poiché i costi delle importazioni – e in particolare le importazioni di energia che hanno un prezzo in dollari USA – vengono gonfiate.

Le pressioni affrontate dalla Germania, il paese europeo più dipendente dal gas russo, rappresentano una dura sfida per la moneta unica che è alla base dell’eurozona.

Poiché gli europei continuano a prendere le distanze dal petrolio e dal gas russo, entrambi subiranno notevoli danni economici e gli effetti di ricaduta del conflitto in Ucraina continueranno a offuscare e rappresenteranno un freno per un’economia globale già sotto pressione a causa del calo della crescita in Cina.

C’era una relazione favorevole tra l’economia tedesca e le economie più deboli dell’Europa meridionale.

L’economia tedesca orientata all’esportazione (sostenuta dalla sua dipendenza dal gas russo relativamente a buon mercato) ha beneficiato di una valuta più debole grazie all’inclusione di quegli stati meridionali pur essendo in grado di raggiungere bassi tassi di interesse grazie alla performance economica della Germania e alla sua politica fiscale e monetaria conservatorismo. Rating di credito originale.

I tassi di interesse dell’Eurozona sono aumentati, ma cosa ancora più preoccupante, gli spread tra le obbligazioni tedesche e le obbligazioni sovrane delle economie meridionali come l’Italia e la Grecia sono scesi a 200 punti base o più.

L’aumento dei tassi sulla scia del rapido rallentamento delle economie e degli alti tassi di inflazione è una ricetta, specialmente nelle economie del sud gravate dal debito, per lo stress economico, i disordini sociali e il tipo di tensioni politiche che hanno quasi distrutto l’eurozona dopo il 2008 crisi finanziaria e recentemente riemersa in Italia.

READ  La Cina critica il "capro espiatorio" degli Stati Uniti prima del rilascio del rapporto sull'origine del COVID | Notizie sulla pandemia del virus corona

Caricamento in corso

Mentre la Germania mantiene le operazioni di reattori nucleari che avrebbero dovuto chiudere quest’anno, noleggia impianti di GNL e costruisce i propri terminali di importazione, altri paesi europei stanno facendo cose simili: riaprendo miniere di carbone, gareggiando per le spedizioni di GNL, riavviando giacimenti di gas che sono chiusi – per diversificare le fonti di energia lontano dalla Russia, non ci sono soluzioni rapide o complete a breve termine. Non solo questo inverno non ne risentirà.

Anche la Russia potrebbe soffrire – la sua economia si è ridotta del 4% nel trimestre di giugno ed è probabile che continui a ridursi man mano che l’impatto delle sanzioni occidentali continua – ma poiché gli europei continuano a prendere le distanze dal petrolio e dal gas russi, entrambi sperimenteranno importanti esperimenti economici. I danni e gli effetti di ricaduta del conflitto in Ucraina continueranno a offuscare e costituiranno un freno per un’economia globale che è già sotto pressione a causa del calo della crescita in Cina.