Gennaio 24, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Europa cerca un leader post-Merkel – EURACTIV.com

L’uscita di scena di Angela Merkel dalla scena politica dopo 16 anni da cancelliere non solo ha inaugurato una nuova era in Germania, ma ha anche sconvolto gli equilibri di potere nell’Unione europea.

I possibili candidati per il leader della Merkel come leader dell’Europa includono il suo successore alla guida della più grande economia europea, Olaf Schultz, così come il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro italiano Mario Draghi.

Ma gli analisti avvertono che nessuno di loro potrebbe essere in grado di assumersi il compito immediatamente, date le sfide irrisolte nell’UE: dal conflitto interno sullo stato di diritto, all’emarginazione nella geopolitica globale, alle ricadute della Brexit.

Lodata per il suo ruolo incrollabile nel guidare il blocco durante crisi dopo crisi, la Merkel ha lasciato il palco pur essendo estremamente popolare in patria e all’estero, nonostante avesse alcuni accesi oppositori tra i suoi colleghi europei.

Sebastian Reich della IESE Business School in Spagna scrive: “Angela Merkel è vista come uno dei politici più importanti di una generazione, come il leader de facto dell’Unione Europea e il ‘leader del mondo libero’.

In un recente sondaggio condotto dal Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR), il 41% dei cittadini dell’UE ha affermato che se potessero, voterebbero per la Merkel. In confronto, solo il 14% ha scelto Macron.

Europa sovrana

Tuttavia, i critici affermano che le tattiche della Merkel di chiudere un occhio sulle crisi e dare priorità agli interessi economici, anche nel trattare con la Russia o la Cina, hanno alimentato lo stallo e soffocato l’ulteriore integrazione europea.

La sua uscita potrebbe aprire la porta all’altra metà del motore europeo – Macron – per scivolare al posto di guida.

READ  Con le restrizioni allentate in Italia, gli agriturismi si aspettano un boom turistico

Le stelle sembrano alleate: la Francia detiene la presidenza dell’Ue da gennaio, e Macron ha detto di puntare a plasmare un’Europa “forte nel mondo, pienamente sovrana, libera nelle sue scelte e responsabile del proprio destino”.

E con la nuova coalizione guidata dai socialdemocratici tedeschi apparentemente intenta a uscire dalla pandemia, il rigore del vecchio bilancio tedesco sembra vacillare.

Allo stesso modo in difesa, la Germania, che giaceva comodamente sotto lo “scudo degli Stati Uniti”, non è più così sicura dopo che la presidenza di Donald Trump ha costretto le classi politiche a Berlino a seppellire le loro vecchie massime e iniziare un cambiamento mentale.

Per illustrare il cambiamento, il governo Schulze composto da socialdemocratici, ambientalisti, verdi e Partito Liberal Democratico ha dichiarato nel loro accordo di coalizione che “la loro missione come nazione economicamente forte e popolosa nel cuore dell’Europa è quella di potenziare, rafforzare e far avanzare questa Europa sovrana”.

Alexandre Robinet-Borgomanno dell’Institut Montaigne ha affermato che la partenza di Merkel “potrebbe consentire lo sviluppo della visione francese di un’Europa forte, un’ambizione che Macron ha sostenuto da quando è salito al potere”.

Il Merkle è uscito.

Con il cambio della guardia a Berlino, Macron ha recentemente firmato un nuovo trattato di cooperazione bilaterale con Draghi e questo mese ha lanciato un appello congiunto per rivedere le regole fiscali dell’UE per consentire un aumento della spesa per investimenti.

L’ambizioso 43enne ha detto che non sta cercando di sostituire i titoli franco-tedeschi, ma la mossa arriva quando l’Unione europea si riorganizza dopo la Brexit.

Tuttavia, Macron affronta le elezioni del 2022, dove l’estrema destra rappresenta una sfida.

READ  Gli incendi boschivi dietro più della metà degli incendi in Italia, secondo i funzionari | La voce dell'America

Indipendentemente dall’esito, la Francia potrebbe essere vincolata dalla politica interna per un periodo di tempo, limitando la sua capacità di sviluppare una visione paneuropea.

Schulz, 63 anni, ex ministro delle finanze che ha prestato servizio in due dei ministeri della Merkel, potrebbe cogliere l’opportunità come successore della Merkel, soprattutto quando assumerà la presidenza del G7 per il 2022.

Ma gli analisti avvertono che i tempi sono cambiati e più “Merkelly” potrebbe non essere appropriato per la nuova era.

“Una politica di rimanere neutrali ed evitare soluzioni difficili alle difficoltà dell’Europa non sembra essere un approccio praticabile alle sfide future”, scrivono Piotr Buras e Jana Puglierin dell’ECFR.

“È improbabile che la Merkel sopravviva alla Merkel… perché l’UE avrà bisogno di una Germania più visionaria e coraggiosa per rafforzare le sue basi e difendere il suo posto nel mondo”.

La giuria sta discutendo se Schulze, un’autoproclamata imitatrice della Merkel – fino al suo particolare gesto della mano – uscirà dalla sua ombra e intraprenderà un percorso più audace.

Con entrambi i principali attori europei potenzialmente bisognosi di tempo per spostare i fatti, è emerso un nuovo polo di stabilità nel sud, un tempo indebitato.

“recessione”?

Soprannominato “Super Mario” durante il suo mandato alla Banca centrale europea, Draghi ha portato stabilità in un paese che un tempo era un modello di disordini politici e scandali.

Nicoletta Pirosi del think tank dell’Istituto Affari Internazionali di Roma ha detto all’Afp che Draghi “potrebbe colmare il vuoto lasciato da Angela Merkel come creatrice di consenso al Consiglio europeo”.

“Inoltre, rispetto all’approccio cauto della Merkel, può iniettare nuovo dinamismo in settori chiave dell’integrazione europea, dalla riforma della governance economica alla politica estera e di difesa, in collaborazione con la Francia e il nuovo governo tedesco”.

READ  Questi bellissimi borghi in Italia ti pagheranno $ 33.000 per trasferirti lì

Ma Pirosi ha indicato che molto dipenderà dal fatto che il leader italiano, 74 anni, riuscirà ad attuare il piano di ripresa economica dell’Unione Europea.

Le elezioni presidenziali italiane di gennaio “potrebbero cambiare radicalmente il quadro” con Draghi anche descritto come “uno dei potenziali candidati più credibili” in quella corsa.

L’italiano Draghi si dice pronto a diventare presidente

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha indicato mercoledì (22 dicembre) che sarebbe pronto a ricoprire la carica di capo di stato quando la posizione sarà libera all’inizio del prossimo anno, affermando che il suo governo di unità nazionale ha già completato gran parte della sua agenda.

Fino a quando non emergerà un nuovo leader, alcuni analisti vedono un futuro cupo per il blocco.

“L’Europa potrebbe avviarsi verso un periodo di incertezza e potenziale debolezza”, ha avvertito Reich.

Allo stesso modo, Thompson era pessimista.

“A causa della rivalità tra America e Cina, profondamente divisa al suo interno, l’UE vive in un mondo diverso dagli anni dell’ascesa della Merkel”, ha scritto.

“La verità, chiaramente, è che né il (nuovo) cancelliere tedesco né il governo francese possono guidare l’Europa.

“E in assenza di leadership, l’Europa si dirige verso una cosa: la stagnazione”.