Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’epidemia offre agli italiani meridionali la possibilità di tornare a casa

Bere una birra kraft in una calda serata primaverile a Catania, in Sicilia, lascia un pensiero ad amici e colleghi che hanno lasciato 1.000 chilometri (600 miglia) a nord di Milano, Corrado Patterno Costello.

“Oggi, tra un incontro e l’altro, ho nuotato sulla spiaggia”, ha detto con un sorriso ad AFP l’imprenditore 29enne.

“La qualità della vita che hai qui è così diversa da quella che hai vissuto al Nord, non ha prezzo.”

I lavoratori di tutto il mondo hanno approfittato dell’implementazione dei compiti implementati durante le infezioni da virus corona per spostarsi in climi più caldi, richiedendo solo una presa e una buona connessione Internet per il loro laptop.

Ma in Italia da generazioni le persone del Sud relativamente povero cercano lavoro al Nord, e per gente come Patterno Costello questa è un’opportunità per tornare a casa, forse per il meglio.

– “Restituzione gratuita” –

L’Italia ha una vecchia storia di disuguaglianze regionali, che hanno portato alla migrazione interna dalle aree rurali o sottosviluppate, principalmente a nord, ai ricchi centri urbani del nord, come Milano, il centro del commercio, della moda e della finanza.

“Nella mia classe di liceo, quasi tutti hanno abbandonato … almeno 15 su 20”, ha detto Elena Milidello, dottoranda di Palermo.

“Ma ora alcuni sono tornati, e il gruppo di tre è tornato in Sicilia e ha trovato lavoro”.

Il 28enne è tornato a Milano, negli Stati Uniti, in Germania e in Lussemburgo dopo molti anni nel 2020 e ora sta attivamente conducendo una campagna affinché più persone seguano le sue orme.

È uno dei fondatori della South Operating Association e funge da think tank, gruppo di difesa e rete di supporto per chiunque stia pensando di trasferirsi a sud. Ha circa 10.000 follower su Facebook.

READ  'Ladri di Acrobat' usano Instagram per sfrattare le case delle celebrità milanesi | Italia

Sul suo sito l’associazione si definisce “giovani professionisti, manager, imprenditori e studiosi, per lo più nati nel sud Italia” che si sono proposti di perseguire le proprie ambizioni.

“Oggi, il nostro desiderio comune è tornare a casa ed essere liberi”, dicono.

Swims, una società di ricerca, ha dichiarato a dicembre che 100.000 lavoratori erano andati a sud durante le epidemie e che questa era un’opportunità storica per invertire la fuga di cervelli che aveva colpito l’Italia meridionale.

– ‘Enorme potere’ –

Prima dello scoppio, Milano era considerata la città più vivace e di successo d’Italia.

Ma nel sud ci sono molti vantaggi, da costi della vita più bassi a trasporti e inquinamento più bassi – e il tempo. A Catania, la temperatura media non scende sotto i 10 gradi Celsius (50 Fahrenheit) anche in pieno inverno.

Mariano Corso, professore di leadership e innovazione alla School of Management del Politecnico di Milano, ha detto che il cosiddetto Southern working event andrebbe a vantaggio di tutta l’Italia.

Una sana “competizione interregionale” dovrebbe aumentare i servizi pubblici ovunque, e “questa è una grande opportunità per le città del sud per cogliere l’attimo … e rimettersi in gioco”, ha detto.

I trasporti pubblici e Internet possono essere un problema nel sud, compresa la Sicilia, ma l’associazione di Militello si sta battendo per un servizio migliore.

Sta lavorando con investitori privati ​​per creare spazi di co-working per i lavoratori del sud.

Uno è pronto per l’apertura il mese prossimo, un tempo utilizzato come galleria per un video musicale Gold Play nel magnifico Palazzo Palazzo Biscari nella città di Catania del XVIII secolo.

READ  'Zero' Netflix Milestone Italy Original su Antonio Dickel Distepano

“Vedo dozzine di aziende e centinaia di persone che lavorano qui”, ha detto Antonio Berdicci, co-fondatore di Isola Catania, mentre lavoratori e decoratori dell’AFP gli correvano intorno in stanze dai colori vivaci.

“C’è un enorme potenziale nell’avere giovani e meno giovani che hanno lavorato in Italia e in Europa o in altre parti del mondo e stanno tornando a casa dall’epidemia”.

– Un nuovo brusio –

I lavori in Sicilia sono ancora difficili da trovare – la disoccupazione era del 18% nel 2020, più del doppio della media nazionale – ma la popolazione in crescita si fa sentire quando lavora per le aziende del nord online.

Dopo aver studiato e lavorato a Milano, Parigi e Tunisia, l’anno scorso Patterno Costello è tornato a Catania per lavori domestici. Mentre era lì, si è riunito con un compagno di scuola superiore e ha iniziato una dieta biologica chiamata Ponyville.

Pur riconoscendo che la scena culturale e sociale di circa 300.000 città non si adatta all’atmosfera più cosmica di Milano, descrive Catania come “il luogo in cui le cose accadono”.

“Non era così qualche anno fa. Dovevi andare al nord per fare le cose … Ora l’innovazione e la cultura sono qui, ei giovani come noi vogliono portare qualcosa di nuovo.”

aa / ar / lth