Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Egitto conferma la perdita della città d’oro trovata a Luxor durante la missione di Tutankhamon

È stato nominato il più grande ritrovamento archeologico dalla tomba del re Tut un secolo fa.

L’Egitto ha annunciato, giovedì, quella che è stata definita la scoperta della “città d’oro perduta” nel governatorato di Luxor, nel sud del Paese.

La missione di scavo di sette mesi, guidata dall’ex capo delle antichità egizie Zahi Hawass, ha scoperto “diverse regioni o quartieri” risalenti a quasi 3000 anni fa.

Secondo i rapporti, la missione originale era quella di trovare il luogo di riposo del re Tut, ma invece, il team archeologico ha trovato parti di un’intera città.

Il ministero delle Antichità egiziano ha dichiarato in un comunicato: “Gli scavi sono iniziati nel settembre 2020 e nel giro di poche settimane, con sorpresa della squadra, sono iniziate ad apparire formazioni di mattoni di fango in tutte le direzioni”.

“Quello che hanno scoperto è stato un grande sito cittadino ben conservato, con mura quasi complete e stanze piene di strumenti della vita quotidiana”.

Enormi date trovate per il faraone Amenhotep III

per me National GeographicE Il sito risale all’epoca della diciottesima dinastia del faraone Amenhotep III, che governò tra il 1386 e il 1353 a.C. Questa scoperta ha impressionato ricercatori ed esperti di tutto il mondo, i quali affermano che le antichità sono “il più grande insediamento amministrativo e industriale dell’era dell’Impero egiziano sulla Cisgiordania di Luxor”.

Non c’è dubbio su questo; Salima Ikram, l’archeologa che guida l’unità di egittologia presso l’Università americana del Cairo, ha detto che è stata davvero una scoperta eccezionale. National Geographic.

“È un’istantanea molto rapida nel tempo: una versione egiziana di Pompei.”

READ  Celtic football coach 'house' fireball '

Alcune delle parti più visibili della parte meridionale della città includono un panificio, forni e deposito di ceramiche mentre la parte settentrionale, che è per lo più ancora sotto la sabbia, comprende sia quartieri amministrativi che residenziali.

“La scoperta della città perduta non solo ci darà un raro sguardo sulla vita degli antichi egizi in un momento in cui l’impero era al suo massimo splendore, ma ci aiuterà anche a far luce su uno dei più grandi misteri della storia: perché Akhenaton e Nefertiti decisero di trasferirsi ad Amarna “,” Betsy Brian, professore di egittologia alla Johns Hopkins University di Baltimora. ABC News.

Uno sguardo alla vita regolare dell’antico Egitto

L’archeologo Dr. Craig Parker dell’Università di Sydney ha detto che la scoperta era forse “più importante” della tomba di Tutankhamon nel 1922.

“È una visione dell’intero spettro della società egiziana piuttosto che solo delle élite”, ha detto il dottor Parker all’ABC Network Friday.

Questa è una visione della vita residenziale, della vita domestica, presumibilmente in una vasta gamma di società egiziane.È una vera visione di un momento particolare della storia dell’Egitto, molto.

Un momento importante nella storia del Nuovo Regno. È probabile che sia un sito archeologico molto importante che solleva una vasta gamma di domande e ricerche interessanti nella vita amministrativa, politica, religiosa e quotidiana “.

Il Dr. Parker ha detto che crede che una tale scoperta in Egitto dimostri che siamo nell’archeologia “appena scalfito la superficie” e che questa scoperta avrà un “impatto positivo” sull’industria del turismo in Egitto durante l’epidemia.

“L’effetto positivo è notevole”, ha affermato il dottor Parker.

READ  Il magnate dei media di Hong Kong Lai blocca le azioni ai sensi della legge sulla sicurezza | Notizie sulle proteste di Hong Kong

L’Egitto ha bisogno di questo tipo di pubblicità, come parte della ricostruzione della sua industria del turismo, soprattutto dopo il Coronavirus, ma soprattutto dopo un decennio di turbolenze.

“Questo fa parte di tutta una serie di annunci che abbiamo visto e penso che vedremo nei prossimi mesi, per rendere il mondo eccitato e rivitalizzato di nuovo su quanto l’antico Egitto ha da offrirci”.