Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’economia globale deve affrontare più difficoltà nel 2023 dopo un anno cupo

Questo doveva essere l’anno del ritorno dell’economia globale dopo la pandemia di Covid.

Invece, l’anno 2022 è stato segnato da una nuova guerra, inflazione record e disastri legati al clima. È stato un anno “multi-crisi”, un termine reso popolare dallo storico Adam Tose.

Preparati per più oscurità nel 2023.

“Il numero delle crisi è aumentato dall’inizio del secolo”, ha affermato Roel Petsma, professore di macroeconomia all’Università di Amsterdam.

“Non abbiamo visto una situazione così complicata dalla seconda guerra mondiale”, ha detto ad AFP.

Dopo la crisi economica causata dal virus covid del 2020, i prezzi al consumo hanno iniziato a salire nel 2021 quando i paesi sono usciti da blocchi e altre restrizioni.

I banchieri centrali hanno insistito sul fatto che l’inflazione elevata sarebbe stata solo temporanea quando le economie sarebbero tornate alla normalità. Ma l’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio ha fatto impennare i prezzi dell’energia e dei generi alimentari.

Leggi anche: L’invasione dell’Ucraina fa rivivere l’incubo della guerra nucleare

Molti paesi stanno attraversando una crisi del costo della vita perché i salari non tengono il passo con l’inflazione, costringendo le famiglie a fare scelte difficili con la loro spesa.

Le banche centrali hanno recuperato terreno. Hanno iniziato ad aumentare i tassi di interesse quest’anno nel tentativo di domare l’accelerazione dell’inflazione, con il rischio di far precipitare i paesi in una profonda recessione, poiché costi di indebitamento più elevati significano un’attività economica più lenta.

L’inflazione sta finalmente iniziando a rallentare negli Stati Uniti e nell’Eurozona.

Attenzione alla spesa

I prezzi al consumo nel Gruppo dei 20 paesi sviluppati ed emergenti dovrebbero raggiungere l’8% nel quarto trimestre prima di scendere al 5,5% l’anno prossimo, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico incoraggia i governi a fornire assistenza per fornire sollievo alle famiglie.

Nell’Unione europea a 27 paesi, finora sono stati stanziati 674 miliardi di euro (704 miliardi di dollari) per proteggere i consumatori dall’aumento dei prezzi dell’energia, secondo il think tank Bruegel.

Leggi anche: L’economia è in un luogo agrodolce

La Germania, la più grande economia europea e la più dipendente dalle forniture energetiche russe, rappresenta 264 miliardi di euro di questo totale.

Secondo un sondaggio della società di consulenza EY, un tedesco su due afferma di spendere solo per beni di prima necessità.

Gli alti tassi di interesse hanno anche danneggiato i consumatori e le imprese.

Sia la Federal Reserve statunitense che la Banca centrale europea hanno iniziato a rallentare il ritmo dei rialzi dei tassi a dicembre, ma hanno indicato di dover aumentare ancora per tenere sotto controllo l’inflazione.

Gli economisti prevedono che la Germania e un’altra grande economia della zona euro, l’Italia, cadranno in recessione. L’economia britannica è già in contrazione. L’agenzia di rating S&P Global prevede una recessione nell’Eurozona nel 2023.

Ma il Fondo Monetario Internazionale si aspetta ancora che l’economia globale si espanda nel 2023, con una crescita del 2,7%. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico prevede una crescita del 2,2%.

L’allentamento delle restrizioni Covid in Cina alimenta le speranze di rilanciare la seconda economia più grande del mondo e uno dei principali motori della crescita globale.

Leggi anche: Gli Stati Uniti stanno prendendo in considerazione restrizioni all’ingresso di Covid per i viaggiatori provenienti dalla Cina

Le restrizioni hanno silurato l’economia cinese e scatenato proteste in tutto il paese.

La Cina ha segnalato questa settimana che stava riaprendo al mondo in quanto ha annunciato che avrebbe posto fine alla quarantena degli arrivi dall’estero dall’8 gennaio.

costi climatici

Ma per Betsma, la crisi più grande è il cambiamento climatico, che “sta accadendo al rallentatore”.

I disastri naturali e causati dall’uomo hanno causato finora 268 miliardi di dollari di perdite economiche nel 2022, secondo il colosso della riassicurazione Swiss Re. Il solo uragano Ian è costato all’assicurato una perdita stimata tra i 50 ei 65 miliardi di dollari.

Le inondazioni in Pakistan quest’anno hanno causato danni per 30 miliardi di dollari e perdite economiche.

I governi hanno concordato ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite (COP27) in Egitto a novembre di istituire un fondo per coprire le perdite subite dalle nazioni in via di sviluppo vulnerabili devastate da disastri naturali.

Leggi anche: Dopo un anno di disastri climatici, il mondo è fuori strada per limitare il riscaldamento

Ma il vertice COP27 si è concluso senza nuovi impegni per eliminare gradualmente l’uso di combustibili fossili, nonostante la necessità di ridurre le emissioni di gas serra e rallentare il riscaldamento globale.

“Non è una crisi acuta, ma è una crisi prolungata e prolungata”, ha detto Betsma.

“Se non facciamo abbastanza, questo ci colpirà su una scala senza precedenti”.

READ  Euro 2020: Nicolo Barella e Lorenzo Insigne portano l'Italia in semifinale