Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’economia del Myanmar è in caduta libera, le fabbriche sono vuote, le banche sono chiuse e Internet è interrotto

SINGAPORE – Le filiali bancarie in Myanmar sono chiuse e gli impiegati del governo stanno boicottando il lavoro. Gli operai sono fuggiti nelle loro case rurali e le aziende straniere hanno trasferito i loro dipendenti all’estero. Internet è in gran parte interrotto.

Per più di due mesi da quando i militari hanno preso il potere con un colpo di stato e lanciato una campagna mortale per sedare le proteste, l’economia sta crollando e la Banca Mondiale e altri si aspettano una contrazione a due cifre durante tutto l’anno. Le turbolenze hanno cancellato i massicci guadagni del paese nella riduzione della povertà e intimidiscono le imprese ei turisti stranieri che hanno fatto così tanto per alzare il livello del Myanmar negli ultimi dieci anni.

È davvero uno dei paesi più poveri dell’Asia. Sei milioni di persone vivono con meno di 3,20 dollari al giorno, che è la soglia di povertà nei paesi a reddito medio-basso come il Myanmar. Un quarto dei bambini della nazione è molto più giovane della loro età a causa della malnutrizione.

C’è una ragione per questo: per mezzo secolo i generali militari hanno governato il Myanmar con politiche disastrose. Il quadro ha iniziato a cambiare costantemente negli ultimi dieci anni, poiché l’apertura democratica ha portato al potere un governo civile parziale e a maggiori investimenti internazionali. Secondo una misura, la povertà è scesa al 24,8% nel 2017 dal 42,2% nel 2010, secondo i dati della Banca mondiale.

I progressi compiuti nell’ultimo decennio si stanno ora invertendo. Dopo il colpo di stato che ha rovesciato un governo eletto, la Banca mondiale ha affermato che il numero di persone che vivono con meno di 3,20 dollari dovrebbe aumentare del 30% nel 2021. Cioè, altri 1,8 milioni di poveri in un anno.

READ  RISPOSTA: La nuova ricerca intitolata "Tendenze e-commerce: mobilità e vendita di auto" esamina l'attuale percezione della mobilità e analizza le ultime tendenze tecnologiche