Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le società Internet straniere in Kazakistan hanno pagato quasi 6,3 milioni di dollari in tasse digitali dall’inizio di quest’anno

NUR-SULTAN – Le società Internet straniere che operano in Kazakistan hanno pagato tre miliardi di tenge (6,3 milioni di dollari) in tasse digitali dall’inizio dell’anno, ha detto in diretta l’11 agosto il capo del Digital Asset Management della Commissione delle entrate statali Nursan Kwandikov. Briefing stampa sul canale YouTube ufficiale del Comitato.

32 società internazionali registrate in Kazakistan, che forniscono servizi e vendono articoli ai cittadini. Credito immagine: socialistsanddemocrats.eu

Secondo Kuandykov, solo le società Internet straniere pagano la cosiddetta tassa di Google. Tra questi ci sono Facebook, Coursera e Netflix.

“La cosiddetta tassa di Google è fondamentalmente un’imposta sul valore aggiunto (IVA). L’aliquota fiscale è la stessa per gli altri contribuenti: 12 percento.

Kuandikoff ha spiegato che questo non è nuovo nell’amministrazione fiscale ed è ampiamente utilizzato in molti paesi del mondo. Ad esempio, la Francia fa lo stesso dal 2017, il Regno Unito dal 2020, l’Italia dal 2021, la Turchia dal 2020, la Russia dal 2017, la Bielorussia dal 2018 e l’Uzbekistan dal 2021.

Secondo Kondikov, il Kazakistan ha semplificato la sua amministrazione fiscale a questo proposito per motivi di comodità.

“È anche importante notare che non ci sono multe o altri metodi complicati di amministrazione fiscale. Abbiamo piena fiducia nelle società. Tuttavia, le misure di controllo sono ancora in atto. Ha spiegato che l’amministrazione fiscale riceve regolarmente informazioni sulle merci estere in entrata e le attività delle banche.

Kuandikoff ha anche identificato le circostanze in cui questo tipo di tassa non viene pagata.

“Se si tratta di una transazione business-to-business, le tasse di Google non verranno pagate. Inoltre, ci sono beni che devono essere pagati all’importazione, in altre parole, hanno già pagato l’IVA all’importazione”.

READ  Roma festeggia i 70 anni del regno di Sua Maestà la Regina Elisabetta II