Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le scoperte di Pompei fanno luce sulla vita della classe media

Contenuto dell’articolo

MILANO – Gli archeologi hanno scoperto quattro nuove stanze in una casa di Pompei piena di dipinti, anfore e altri oggetti di uso quotidiano, che offrono uno spaccato della vita borghese nel momento in cui l’eruzione del Vesuvio seppellì la città romana nel 79 d.C.

Contenuto dell’articolo

Sabato, l’Ente Parco Archeologico di Pompei ha reso noto che i resti di ciotole svuotate frettolosamente, un ceppo, un letto e una stufa per profumi in terracotta a forma di letto sono stati trovati su due piani di un edificio precedentemente scavato.

Alcuni erano più preziosi di altri: utensili in bronzo o vetro accanto agli oggetti di uso quotidiano.

“Un ampio segmento della popolazione dell’Impero Romano era costituito da persone che sudavano per il pane quotidiano, ma erano anche ansiose di elevare la propria posizione sociale”, ha affermato Gabriel Zustregel, il direttore del parco.

Gli archeologi hanno prelevato stampi in gesso per riprodurre alcuni degli oggetti dal sito di Pompei, una delle principali attrazioni turistiche italiane vicino alla moderna città di Napoli.

Il resto della struttura, scavata nel 2018, comprende un cortile decorato con affreschi di piante, uccelli e scene di caccia. Uno stato che ospitava le divinità guardiane della famiglia, o Lares, diede alla “casa di Larario” il suo nome comune.

“I proprietari della casa Larario a Pompei hanno potuto decorare il cortile che ospita il sito dei Lares e un pozzo con dipinti meravigliosi, ma chiaramente non avevano abbastanza soldi per tutte le stanze”, ha aggiunto Zustregel.

“Non sappiamo chi abitasse qui, ma le vite piacevoli raffigurate nel cortile erano probabilmente più aspirazioni che la loro realtà quotidiana”. (Segnalazione di Valentina Zaa; Montaggio di Andrew Heavens)

READ  Un film congiunto "Italian Recipe" tra Cina e Italia apre l'Udine Asian Film Festival