Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le scansioni MRI mostrano un invecchiamento precoce del cervello negli adolescenti

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

dall’inizio dell’epidemia COVID-19Diversi studi mirano a capire meglio come il virus colpisce i nostri corpi a lungo termine. Alcuni in particolare hanno rivelato che anche una lieve infezione da SARS-CoV-2 provoca cambiamenti nella struttura del cervello, inclusa una diminuzione delle dimensioni. Un nuovo studio, incentrato in particolare sull’impatto dello stress correlato alla pandemia, rivela che il cervello degli adolescenti mostra segni di invecchiamento precoce, secondo le scansioni MRI post-pandemia. Sebbene i risultati di questi cambiamenti non siano ancora noti, questi risultati mostrano una delle conseguenze attenuate della pandemia sui giovani e l’entità degli effetti psicologici.

In studi precedenti, le scansioni MRI del cervello di pazienti che hanno contratto il COVID-19 hanno mostrato anomalie strutturali anche a lungo (più di 6 mesi) dopo l’infezione. Questi cambiamenti strutturali possono avere conseguenze che vanno dall’ansia ai disturbi dell’umore e aumenteranno anche l’incidenza di disturbi neurologici come ictus, emorragia cerebrale e demenza (una conseguenza più frequente dei casi gravi).

La maggior parte degli studi sulle conseguenze neurologiche dell’infezione da SARS-CoV-2 si concentra principalmente sugli adulti e alcuni si concentrano sugli effetti su bambini e adolescenti. In quest’ultimo caso, le manifestazioni più frequenti dopo l’infezione sono danni infiammatori al cervello (encefalite ed encefalomielite acuta), al midollo spinale (mielite), ai nervi cranici e spinali (neurite).

:: La maglia che sostiene la bandiera! ::
Sostienici acquistando un poster che:

Questo nuovo studio pubblicato sulla rivista Psichiatria biologica: scienza aperta globale È una delle poche che ha studiato l’impatto psicologico della pandemia sugli adolescenti. È infatti una fase critica della vita, quando il cervello subisce un brutale processo di ristrutturazione, che porta a profondi disturbi fisiologici. È quindi interessante capire come la pandemia di COVID-19 possa causare cambiamenti neurologici negli adolescenti, che stanno già subendo profondi cambiamenti normali a causa della pubertà.

READ  Quali sono gli effetti sulla salute?

È probabile che i cambiamenti siano legati allo stress

Negli adolescenti, il cambiamento sorprendente nella struttura del cervello è che il sistema limbico si sviluppa molto più velocemente della corteccia prefrontale. Questo è uno dei motivi per cui spesso osserviamo comportamenti rischiosi negli adolescenti, perché la ricerca immediata della ricompensa non è adeguatamente controllata dalla corteccia prefrontale.

Secondo il nuovo studio, condotto dai ricercatori della Stanford University, questi cambiamenti tendevano ad essere più significativi che durante la pandemia, con i primi segni di invecchiamento visibili. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno confrontato i risultati della risonanza magnetica di 81 adolescenti tra novembre 2016 e 2019 (prima della pandemia) con quelli di 82 adolescenti tra ottobre 2020 e marzo 2022 (durante la pandemia e dopo la revoca delle restrizioni). .

Dopo aver selezionato 64 volontari di entrambi i gruppi e averli classificati per età e sesso, i ricercatori hanno scoperto che l’assottigliamento corticale e la crescita dell’ippocampo e dell’amigdala erano maggiori nel gruppo post-pandemico analizzato. Questo processo, normale in tutti gli adolescenti, si sarebbe accelerato, come se il cervello invecchiasse più velocemente.

Secondo gli scienziati, la differenza nell’età cerebrale sarebbe di circa tre anni rispetto al gruppo che aveva una risonanza magnetica prima della pandemia. ” Non ci aspettavamo un aumento così grande visto che il lockdown è durato meno di un anno », Sorpreso Ian Gottlieb, professore di psicologia alla Stanford University e autore principale dello studio.

Con il sospetto di effetti precoci dello stress, i ricercatori hanno anche valutato se gli adolescenti (nella coorte post-pandemica) potessero mostrare sintomi di depressione e ansia. I partecipanti hanno quindi auto-riferito maggiori difficoltà di salute mentale, come aumento dell’ansia e problemi di interiorizzazione.

READ  Top 14: Come la bandiera da gioco ai piedi di Dulin e O'Gara, due ex piloti del Racing 92, hanno fatto vincere La Rochelle

Il declino della salute mentale accompagna i cambiamenti fisici nel cervello degli adolescenti, probabilmente a causa dello stress pandemico “dice Gotlib. Secondo l’esperto, questi risultati erano coerenti con i risultati di studi precedenti, che si sono concentrati sugli effetti dell’epidemia sugli adolescenti. Tuttavia, i ricercatori non sanno ancora come questi rapidi cambiamenti possano effettivamente influenzarli. Non è escluso che le conseguenze saranno negative, ma nulla finora indica che non possano essere realizzate positivamente rendendo il cervello più plastico, ad esempio. Inoltre, alcuni dei cambiamenti accelerati riportati dal gruppo di ricerca sono stati associati a prestazioni più elevate su test di intelligenza.

Inoltre, poiché il cervello è un organo così incredibilmente plastico, specialmente in giovane età, le cose potrebbero andare diversamente e i cambiamenti potrebbero svanire nel tempo. Anche l’imaging su larga scala del cervello non può fornire dettagli sui piccoli circuiti neurali. Come passo successivo, i ricercatori hanno in programma di rianalizzare i partecipanti (mostrando i cambiamenti dopo il coronavirus) all’età di 20 anni, per saperne di più.

fonte : Psichiatria biologica: scienza aperta globale