Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le ripercussioni economiche del crollo del turismo causato dal Corona virus nell’eurozona

Con il crollo dei viaggi causato da COVID-19, la dipendenza dal turismo è stato un fattore importante nello spiegare perché alcuni paesi sono stati colpiti più nella crescita economica di altri durante il 2020. L’Europa non ha fatto eccezione: il calo del turismo è stato uno dei principali motivi la diffusione dell’epidemia ha colpito gravemente le economie di Grecia, Italia, Portogallo e Spagna in particolare.

Nel gennaio 2020, il Fondo monetario internazionale prevedeva che la zona euro crescesse dell’1,3% quell’anno. Con l’inizio della pandemia di COVID-19, i risultati sono stati molto peggiori: l’economia della zona euro si è contratta del 6,4%. Mentre ogni paese della zona euro è stato duramente colpito, ci sono state notevoli differenze nella profondità della recessione: ad esempio, l’economia della Lituania si è ridotta di meno dell’1 percento e la Germania del 4,6 percento, ma l’Italia dell’8,9 percento e la Spagna del 10,8 percento. .

È chiaro che la gravità dell’epidemia in diversi paesi ha avuto un ruolo: i decessi legati al COVID in Italia e Spagna sono stati molto più alti che in Germania o Lituania in termini di dimensioni della popolazione e i blocchi associati durante l’anno sono stati più rigorosi. Ma anche altri fattori hanno giocato un ruolo decisivo. Si è trattato di una recessione senza eguali, che ha duramente colpito i settori particolarmente connessi. Come spiegato in un recente blog, il turismo internazionale ha subito una battuta d’arresto, con gravi conseguenze per i settori colpiti e per i Paesi che più fanno affidamento su quei settori.

Il grafico sopra illustra l’importanza della dimensione del settore turistico rispetto al PIL nella comprensione delle conseguenze economiche della pandemia nell’eurozona. Rappresenta la quota media del turismo sul PIL dal 2015 al 2019 – prima dell’inizio dell’epidemia – sull’asse orizzontale, la profondità della contrazione causata dal coronavirus nel 2020 (rispetto alla previsione pre-COVID) sull’asse verticale, e la relazione statistica tra di essi.[1] [2]

READ  La Dubai Financial Services Authority e la Banca d'Italia firmano un accordo preliminare per la cooperazione in materia di vigilanza finanziaria

In sintesi, la sola dipendenza dal turismo potrebbe spiegare più della metà della variazione tra i paesi nella performance di crescita tra i paesi della zona euro lo scorso anno. Ad esempio, il rapporto statistico tra la quota di turismo e la gravità della successiva recessione suggerisce che un paese con una quota turistica di Italia o Spagna (più del 5 per cento del PIL) si ridurrà di oltre 2 punti percentuali in più di un paese come la Lituania oi Paesi Bassi (dove la quota di turismo è inferiore al 2%).

Il prossimo passo logico è aggiungere variabili a questo modello che misurino la gravità della pandemia e i vincoli di produzione associati, come i decessi correlati al COVID in proporzione alla popolazione e l’inasprimento dei blocchi per tutto il 2020 (misurati dall’Università di Oxford). Quando lo facciamo, spieghiamo l’80 percento della varianza tra paesi nella crescita tra i paesi della zona euro.

Le economie dell’Eurozona stanno registrando una ripresa quest’anno, ma continua la pressione sui settori più colpiti. Fino a quando il turismo e le attività del tempo libero non si riprenderanno completamente, è probabile che vedremo differenze nella velocità di ripresa verso le tendenze pre-pandemia.


[1] La quota di turismo qui indicata è una stima del valore aggiunto rappresentato direttamente dalle attività turistiche. I risultati che utilizzano una metrica turistica più completa che include anche la spesa per investimenti rilevanti e gli input locali acquistati dal settore turistico sono quasi identici.

[2] Per l’Irlanda, usiamo una misura corretta dell’attività economica (il cosiddetto “reddito nazionale lordo aggiustato”—RNL*) invece del PIL. L’RNL* cattura meglio l’attività economica interna escludendo i riflessi sui conti economici delle operazioni finanziarie delle società multinazionali, in particolare quelle che comportano trasferimenti di proprietà intellettuale.


La Brookings Institution è finanziata attraverso il supporto di una varietà di fondazioni, società, governi e individui, nonché sovvenzioni. L’elenco dei donatori è disponibile nei nostri rapporti annuali pubblicati online qui. I risultati, le interpretazioni e le conclusioni di questo rapporto sono esclusivamente quelli degli autori e non sono influenzati da alcuna donazione.