Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le principali economie mondiali approvano un’imposta globale sulle società al vertice del G20

I leader delle principali economie del mondo hanno sostenuto un’imposta sulle società globale minima del 15% quando si sono riuniti in Italia questo fine settimana mentre Roma ospita il primo vertice del G20.

La crisi sanitaria globale, la ripresa economica e il cambiamento climatico sono in cima all’agenda di quest’anno, con i delegati che discutono in particolare su come ridurre le disuguaglianze causate dalla pandemia di COVID-19 e dalla distribuzione non uniforme dei vaccini.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dato il benvenuto ai leader mondiali sabato al Novola Convention Center dell’Eurozona nella capitale italiana.

“Il multilateralismo è chiaramente la migliore risposta ai problemi che affrontiamo oggi. È l’unica soluzione possibile in molti modi. Dalla pandemia al cambiamento climatico, alla tassazione giusta ed equa, andare da soli non è semplicemente un’opzione”, ha detto Draghi in il suo discorso di apertura al G-20.

Ha aggiunto che la differenza nei livelli di vaccinazione contro il virus Corona tra paesi ad alto reddito e a basso reddito è “moralmente inaccettabile e mina la ripresa globale”.

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha salutato l’approvazione di un piano fiscale globale per le società, ampiamente previsto dopo che i ministri delle finanze hanno approvato la mossa a luglio.

“Qui al G20, i leader che rappresentano l’80% del PIL mondiale – alleati e concorrenti allo stesso modo – hanno chiarito il loro sostegno a una forte tassa minima globale. Questo è più di un semplice accordo fiscale: è la diplomazia che sta rimodellando il nostro globale economia e dandoci persone”, ha twittato Biden.

Il vertice arriva alla vigilia della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP26, che inizia lunedì a Glasgow. L’Italia e altri sperano che i leader mondiali fissino una scadenza per il raggiungimento delle emissioni nette di gas serra.

READ  OCSE: il PIL accelera ma resta al di sotto dei livelli pre-pandemia

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato prima del vertice che il mondo “si sta dirigendo verso la catastrofe climatica” e che “abbiamo bisogno di più ambizione e più azione e questo sarà possibile solo con una massiccia mobilitazione di volontà politica e questo richiede fiducia tra i principali attori”.

“L’obiettivo più importante del vertice del G20 dovrebbe essere quello di ripristinare la fiducia”, ha aggiunto Guterres in una conferenza stampa.

Stretta sicurezza mentre i leader si riuniscono a Roma

Organizzare il primo vertice personale delle più grandi economie del mondo dall’inizio dell’emergenza causata dal virus Corona comporta molte responsabilità, comprese rigide misure di sicurezza.

I capi della sicurezza di Roma hanno sigillato un’area di 10 chilometri quadrati nella zona euro della capitale.

Il governo afferma che il vertice si svolgerà in “massime misure di sicurezza”, con una “zona rossa” che si estenderà tra Novola e il vicino Palazzo dei Congressi, costantemente monitorata da elicotteri, cecchini e droni.

Circa 2.000 agenti di polizia e 500 soldati sono stati schierati per partecipare all’evento di due giorni, non solo per proteggere l’area, ma anche per monitorare altri siti sensibili, inclusi importanti edifici governativi e sedi delle ambasciate straniere.

L’intelligence italiana monitora l’attività online sulle piattaforme dei social media per verificare se ci siano proteste non autorizzate.

Solo i rally classificati come “sicuri” hanno avuto il via libera a condizione che si svolgessero lontano dal luogo della vetta.

Per tutta la durata dell’evento, lo spazio aereo di Roma sarà monitorato dai militari, con una no-fly zone reimpostata su gran parte della capitale e controlli alle frontiere.

READ  Più di 1.200 migranti arrivano sull'isola italiana in barca