Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le piastrelle indiane brillano negli Stati Uniti: conquistano la quota di mercato cinese

mini

L’India si è classificata al primo posto tra i primi cinque paesi da cui gli Stati Uniti esportano piastrelle di ceramica nel primo trimestre del 2021 con una quota del 12,7% delle importazioni totali. Su base annua, le esportazioni indiane di ceramiche negli Stati Uniti nel primo trimestre del 2021 sono aumentate dell’88% su base annua, il più alto tra i cinque maggiori esportatori.

L’India si colloca ora tra i primi cinque paesi dai quali gli Stati Uniti hanno importato il maggior numero di piastrelle in termini di volume e valore. Solo Spagna, Italia, Messico e Turchia esportano più piastrelle negli Stati Uniti.

È probabile che le dimensioni del mercato delle piastrelle di ceramica nordamericane, del valore di 20,4 miliardi di dollari nel 2020, crescano a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 5,3% a 30,67 miliardi di dollari entro il 2028.

la caduta della cina

Il 2019 è stato l’anno in cui l’economia statunitense ha segnato il suo decimo anno consecutivo di espansione economica dopo la crisi finanziaria globale. Questo è stato lo stesso anno in cui il mercato delle piastrelle di ceramica del paese è diminuito per la prima volta in un decennio, anche prima della pandemia. Fino ad allora, la Cina era stata il più grande esportatore di piastrelle di ceramica negli Stati Uniti per volume. Questa tendenza stava per cambiare.

Anche se il paese rimane il più grande esportatore di piastrelle di ceramica negli Stati Uniti, quel numero è diminuito drasticamente. “Ciò era dovuto principalmente agli effetti di un caso di risarcimento commerciale promosso da una coalizione di diversi produttori statunitensi, che richiedeva al governo federale di affrontare le importazioni di piastrelle di ceramica dalla Cina sovvenzionate ingiustamente e limitate”, ha scritto il Tile Council of North America nella sua dichiarazione . .

Entro il primo trimestre del 2020, con l’intensificarsi della guerra commerciale tra i due paesi, non solo la Cina si era ritirata dai primi cinque esportatori di piastrelle di ceramica negli Stati Uniti, ma la sua quota era scesa a livelli quasi trascurabili. La pandemia ha aggravato i problemi poiché le economie si chiudono e la domanda subisce un duro colpo.

READ  Il COVID ha bloccato la produzione tessile italiana. La domanda di lana ultrafine australiana si riprenderà?

La detronizzazione della Cina è stata una manna per il Messico, che si è classificato al primo posto per il maggior numero di piastrelle esportate negli Stati Uniti nel primo trimestre del 2020, seguito da Spagna, Italia, Turchia e Brasile. La Spagna ha conquistato il primo posto nel secondo trimestre e si è mantenuta per i due anni successivi.

Entra in India

L’India è il secondo produttore di piastrelle al mondo. Nonostante questa distinzione, in qualche modo non è mai arrivato nell’elenco dei principali esportatori negli Stati Uniti, anche dopo aver esportato in più di 125 paesi, tra cui Arabia Saudita, Messico e Kuwait, tra gli altri.

L’India ha raggiunto per la prima volta i primi cinque paesi da cui gli Stati Uniti esportano piastrelle di ceramica nel primo trimestre del 2021 con una quota del 12,7% delle importazioni totali. Su base annua, le esportazioni indiane di ceramiche negli Stati Uniti nel primo trimestre del 2021 sono aumentate dell’88% su base annua, il più alto tra i cinque maggiori esportatori.

In effetti, l’India ora esporta la maggior parte dei prodotti ceramici negli Stati Uniti in termini monetari. Le esportazioni di prodotti in ceramica e articoli in vetro hanno raggiunto il record di 3,5 miliardi di dollari nell’esercizio 22.

Per il secondo trimestre del 2022, l’India rimane tra i primi cinque paesi da cui gli Stati Uniti importano prodotti ceramici, mantenendo la sua quota di volume al 12%. La Spagna continua a mantenere la sua leadership con una quota del 20,4%.

Tuttavia, solo l’India ha registrato il tasso di crescita più alto tra i primi cinque paesi rispetto al secondo trimestre del 2021 al 4,4%. Le importazioni dall’Italia sono cresciute in volume del 2,3%, mentre le importazioni da Spagna, Messico e Turchia sono diminuite anno dopo anno.

In termini di dollari USA, le importazioni statunitensi dall’India sono aumentate del 22,3% rispetto allo scorso anno, classificandosi seconde solo alla Spagna. Il valore dei prodotti ceramici importati dall’India ha superato finora i 100 milioni di dollari quest’anno.

Contributo del Morbi

READ  Ex procuratore albanese arrestato in Italia con l'accusa di corruzione

Più del 90 per cento della ceramica prodotta in India proviene da Morbi nel Gujarat. Ospita circa 850 fabbriche di piastrelle e 50-60 nuove fabbriche di piastrelle smaltate che sono state commissionate negli ultimi mesi. La maggior parte degli stabilimenti Morbi ha interrotto la produzione da metà agosto almeno fino al 10 settembre.

Il broker Jefferies ritiene che le esportazioni di Morbi saliranno probabilmente al 50% della produzione totale nei prossimi tre anni dagli attuali livelli del 35%, sostenute dalla crisi energetica in Europa e dalle esportazioni russe. “Morby ha aumentato i prezzi delle piastrelle del 20% nel FY22 e potrebbe essere necessario un altro 5%”, afferma la nota. Anche molte fabbriche sono migrate al propano a causa dell’aumento dei costi del gas.

“Attualmente ci sono circa 150 impianti che funzionano a propano perché c’è una certa differenza di prezzo tra propano e gas. Sfortunatamente, a causa dei problemi tra Ucraina e Russia, i prezzi del gas hanno superato il loro limite. Ecco perché usano il propano”, ha detto Ashok Kajaria , Presidente e Amministratore delegato di Kajaria Ceramics. , ha detto a CNBC-TV18 in un’intervista la scorsa settimana.

“Una maggiore attenzione alle esportazioni da parte dei giocatori di Morbi potrebbe facilitare le operazioni nel mercato interno e mantenere la stabilità dei prezzi”, ha scritto Jefferies nella sua nota. La società prevede che i margini operativi della società aumenteranno di 80 punti base durante l’anno fiscale 22-25, supportati da un migliore mix di prodotti e da una maggiore trazione.