Luglio 31, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Le persone sono troppo attaccate alle loro auto”: dove stanno andando i trasporti ad Auckland? | Nuova Zelanda

Auckland potrebbe essere Ha vinto il titolo di città più vivibile al mondo Grazie in gran parte allo stato di esenzione da Covid della Nuova Zelanda, ma non è sull’orlo di alcun premio per il traffico.

Gli abitanti di Auckland hanno viaggiato in media 1,6 miliardi di chilometri in più all’anno nel 2017 rispetto al 2013. La metà dei viaggi di punta è inferiore a sei chilometri. La Nuova Zelanda ha Quarta proprietà di auto pro capite nel mondo e Gli abitanti di Auckland possiedono più auto pro capite L’ultimo sondaggio sulla salute della Nuova Zelanda lo ha riportato L’83% dei viaggi di lavoro è stato effettuato in auto.

La pianificazione dei trasporti per il futuro è urgente – Statistics New Zealand prevede che la popolazione di Auckland aumenterà da 1,7 milioni a 2,4 milioni entro il 2046.

La congestione non riguarda solo il fastidio e le emissioni di carbonio. di recente Rapporto dell’Università di Auckland Ha scoperto che la guida è associata a disagio psicologico, in particolare all’ansia.

“I viaggi in auto possono avere un impatto negativo sulla salute mentale delle persone, sulle persone che fanno il viaggio e sul vicinato che le persone attraversano”, afferma l’autore principale del rapporto, la dott.ssa Kirsty Wilde dell’Università di Auckland. Dopo soli 15 minuti in macchina, dice, la “soddisfazione per il trasporto” diminuisce e dopo 40 minuti la “soddisfazione per la vita” diminuisce.

Wild è particolarmente interessato al marketing aggressivo dei SUV, che insieme a utes rappresentano ora i due terzi delle vendite di auto nuove in Nuova Zelanda.

“È commercializzato come più sicuro, ma è davvero disastroso in termini di sicurezza dei pedoni”, afferma. Né è più sicuro per chi lo guida. Le immagini di leadership e libertà sono altamente promosse. È il nostro secondo segmento pubblicitario più grande. Ci piace l’idea che guidare ti dia controllo e libertà.”

Sono in corso sforzi per far uscire i neozelandesi dalle loro auto. Nel novembre 2020, è stata presentata una proposta dettagliata da più dipartimenti governativi per la tassa sulla congestione di Auckland che vedrebbe un cordone intorno al centro città nelle ore di punta. Ciò potrebbe ridurre il traffico dall’8% al 12% – all’incirca i livelli delle vacanze scolastiche – e verrebbe quindi applicato alle strade principali della rete stradale più ampia della città.

Un altro schema che allevierà la congestione del traffico è il progetto City Rail Link da 4,4 miliardi di dollari. La prima linea ferroviaria sotterranea di Auckland consentirà alla rete di raddoppiare almeno la capacità ferroviaria. Anche se doveva essere completato entro la fine del 2024 Può essere tardi adesso Con nuovi piani di consulenza sulla metropolitana leggera per collegare il centro con l’aeroporto di Auckland, lo stesso progetto a lungo ritardato.

Alla fine del mese scorso, la bici di Auckland organizzato un raduno Trasporti L’agenzia dei trasporti della Nuova Zelanda (Waka Kutahi) invita quest’estate a una prova di tre mesi per convertire una delle otto corsie per auto sull’Auckland Harbour Bridge in una pista ciclabile e pedonale. Dopo anni di frustrazione per la mancanza di progressi, circa 1.500 ciclisti hanno sfondato le barriere della polizia per attraversare il ponte.

Giorni dopo, il segretario ai trasporti Michael Wood, Annunciare piani Per costruire un nuovo ponte pedonale e ciclabile indipendente vicino all’Harbour Bridge entro il 2026. Wood ha anche chiesto a Waka Kutahi di mettere insieme le opzioni per un percorso ciclabile e pedonale sull’Harbour Bridge ora.

Il gruppo “Liberate the Lane” vuole provare come pista ciclabile una delle otto corsie automobilistiche dell’Oakland Harbour Bridge. Foto: Dean Purcell/New Zealand Herald

Ma Barb Cuthbert, presidente di Bike Auckland, non è rimasto impressionato. “È un rimodellamento del 2019 quando Waka Kutahi ha prodotto una grafica accattivante senza fare alcun lavoro di progettazione”, afferma. “Dopo due anni, hanno annunciato di non poter realizzare il progetto”. Afferma inoltre che la pista di prova dovrebbe essere utilizzata solo la domenica.

“La verità è che non avremo nulla sul ponte per altri cinque anni”, dice Cuthbert. “Quello che fa Auckland Transport è aprire una pista ciclabile in un parco e collegare i 0,5 chilometri della tangenziale. Questo non è un agente di cambiamento. Ciò che conta davvero è una rete ciclabile strategica”.

Problemi di scelta e di attaccamento eccessivo

Fino a quando non saranno fatti progressi reali, Cuthbert afferma che ci sarà un’azione più diretta come a Wellington dove ci sono piste ciclabili pop-up non autorizzate Fare pressione sul comune per accelerare i progetti sulle piste ciclabili.

Ci sono alcune prove che le abitudini di guida degli abitanti di Auckland possono essere difficili da cambiare anche con un sistema di trasporto pubblico migliorato.

Mohsen Mohammadzadeh è direttore del Programma di pianificazione urbana presso l’Università di Auckland. condotto uno studio A Hobsonville Point, il più grande sviluppo urbano pianificato della Nuova Zelanda, ho scoperto che, sebbene fosse stato progettato per essere vicino alle linee di trasporto pubblico, quasi tutti i residenti volevano ancora avere la propria auto. Ogni casa aveva due o tre auto nonostante lo spazio assegnato a un’auto per proprietà.

Mohammadzadeh sostiene che la Nuova Zelanda ha bisogno di cambiare i valori sociali e culturali che si riflettono in decenni di proprietà dell’auto.

“Le persone hanno un attaccamento eccessivo alle loro auto”, dice. Vedono la proprietà delle loro auto come avere un significato personale. I genitori usano intenzionalmente le loro auto a scuola per mostrare le loro auto ad altre persone. È la mentalità su cui dobbiamo lavorare”.

Ma Kirsty Wild non è d’accordo che si tratti di un problema culturale ben consolidato. “Non puoi dedurre una preferenza dal comportamento attuale a meno che le persone non abbiano la scelta giusta”, dice. “Camminare, andare in bicicletta e i trasporti pubblici non sono opzioni appropriate ad Auckland. Con il ciclismo, chiedi alle persone di rischiare la vita per farlo – non sorprende che non lo facciano”.

READ  Video che mostra il crollo di un'emozionante gru a Taiwan