Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le nuove restrizioni imposte dal Covid ai viaggiatori cinesi danneggeranno i viaggi di lavoro

Prendi Skiff

Un elenco sempre crescente di paesi che impongono nuovi requisiti di test ai viaggiatori cinesi sta suscitando proteste, in particolare in tutta Europa, ma è probabile che qualsiasi richiesta di riduzione dei requisiti prima della partenza cada nel vuoto.

Matteo Parsons

Il recente allentamento delle politiche anti-Covid della Cina ha offerto grandi speranze a un settore dei viaggi aziendali che è stato ostacolato da tali regole ed è in attesa di riportare la Cina all’ovile per accelerare la sua ripresa. Ma le associazioni di settore avvertono che i requisiti post-test che i paesi stanno ora imponendo sarebbero una grave battuta d’arresto e eroderebbero la fiducia tanto necessaria.

pensa che Un numero crescente di restrizioni per i viaggiatori cinesi Rappresenta un passo indietro, in vista di un’imminente proposta della Commissione europea che potrebbe imporre test Covid-19 prima della partenza per tutti i 27 Stati membri.

Mercoledì UNHCR Risposta alla crisi politica L’unità si è riunita per completare il coordinamento degli eventuali requisiti per l’ingresso nell’Unione Europea. La stragrande maggioranza dei paesi supporta i test prima della partenza, Sulla base dei rapporti.

“Stiamo tornando ancora una volta a un mosaico di restrizioni di viaggio ingiustificate e non coordinate, che non hanno alcun fondamento scientifico”, ha affermato Olivier Jankovic, direttore generale di ACI Europa.

vincoli coordinati

Il Giappone ha anche recentemente rafforzato i controlli alle frontiere del paese vicino, prima della data chiave dell’8 gennaio e dopo I viaggiatori non dovranno più essere messi in quarantena quando entrano in Cina. Attualmente lì Ora non ci sono restrizioni ufficiali per i cinesi che viaggiano all’estero Ma dopo questo risultato sarà più facile per i cittadini tornare.

READ  L'Italia intensifica il congelamento dei beni legati agli oligarchi russi

Prima delle recenti restrizioni sui viaggiatori cinesi, innescate dall’aumento del numero di infezioni in Cina, la decisione di Pechino di moderare la sua strategia Covid-free era vista come la rimozione di un ultimo ostacolo al tanto atteso ritorno dei viaggi d’affari internazionali. .

Ora c’è una reale preoccupazione che questa ripresa venga ostacolata.

Clive Wharton, amministratore delegato della UK Business Travel Association, ha dichiarato dopo che il governo britannico ha annunciato il 30 dicembre che avrebbe introdotto i test all’arrivo. “I viaggi di lavoro avrebbero dovuto iniziare a gennaio, ma questo è un enorme passo indietro per la fiducia dei clienti e delle imprese”.

L’associazione vuole che il governo britannico implementi invece un programma di sequenziamento migliorato per raccogliere più dati su eventuali nuove varianti.

La World Business Travel Association teme che non vi sia una risposta uniforme al trattamento dei viaggiatori. Se c’è una lezione da imparare dal 2020, è che l’incertezza è stata uno dei maggiori ostacoli per le aziende a riavviare i loro programmi di viaggio.

“Un approccio coerente per testare i requisiti dei viaggiatori d’affari dalla Cina servirà a rafforzare la fiducia dei viaggiatori e ridurre il rischio di influire sul ritorno dei viaggi d’affari da questa importante regione”, ha affermato Catherine Logan, Regional Vice President EMEA. “È fondamentale per la ripresa economica globale che continuiamo a mantenere aperte le rotte dei viaggi d’affari internazionali e questo può essere fatto in un modo che non ostacoli gli affari e non metta a repentaglio la salute e la sicurezza”.

Willie Walsh, direttore generale dell’International Air Transport Association, ha descritto l’ondata di restrizioni come una risposta rapida. Abbiamo gli strumenti per gestire il Covid-19 senza ricorrere a misure inefficaci che interrompono i contatti internazionali, danneggiano le economie e distruggono posti di lavoro. detto mercoledì.

READ  I casi globali di COVID-19 superano i 504,9 milioni, il bilancio delle vittime supera i 6,19 milioni

Anche Airports Council International in Europa ha espresso “rammarico” per come alcuni paesi abbiano imposto controlli prima della partenza o all’arrivo sui viaggiatori cinesi.

Queste misure unilaterali contraddicono tutta l’esperienza e le prove acquisite negli ultimi tre anni. L’inefficacia delle restrizioni ai viaggi internazionali nel prevenire la diffusione del Covid-19 e le sue molteplici varianti di preoccupazione è stata inequivocabilmente riconosciuta sia dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie che dall’Organizzazione mondiale della sanità”. ha detto in un comunicato.

Il consiglio ritiene che l’attenzione dovrebbe essere rivolta all’aumento del sequenziamento genetico per identificare nuove varianti del virus testando le acque reflue degli aeroporti.

L’industria aspetta

L’assenza della Cina si fa ancora sentire.

“La Cina è molto tranquilla”, ha detto a Skift il direttore dei viaggi globali di un’azienda farmaceutica. “Al momento abbiamo solo quattro prenotazioni nazionali. Al momento è praticamente impossibile”.

Alla domanda del presidente e CEO di Best Western Hotels & Resorts Larry Kukolich su quanto siano importanti i viaggi internazionali per la riapertura infrasettimanale delle attività in tutto il suo portafoglio di hotel, ha affermato di essere entusiasta della riapertura della Cina, ma ha esortato alla cautela.

“Riteniamo che l’Asia sia un’enorme opportunità di ripresa e i viaggi cinesi svolgono un ruolo importante in questo”, ha affermato. In una recente intervista ai media. “Comprendiamo che la Cina ha allentato le sue restrizioni, ma devi anche capire che mentre puoi essere ottimista al riguardo, ci sarà una certa pressione associata alla riduzione di tali restrizioni, e puoi vedere che sta già accadendo con Stati Uniti, India, Il Giappone e l’Italia hanno messo in atto requisiti di test.” “.

READ  Apertura della settimana della cucina italiana nella città di HCM | Comunità

Anche American Express Global Business Travel attende con impazienza il ritorno della Cina con il CEO Paul Abbott L’anno scorso, ha rivelato la destinazione che ha generato il 5% delle sue vendite.

Michael Riegel, direttore generale dell’agenzia di viaggi aziendali TripActions, ha dichiarato: ha detto in un’intervista. “Se guardiamo ai viaggi provenienti dall’Europa, ci sono due grandi modelli: uno è in viaggio verso gli Stati Uniti, e l’altro è in viaggio verso l’Asia. Quindi ora ci manca un secchio, e questo cambierà molto i modelli, e stiamo vedendo che ci sono aziende che lo chiedono”.

L’esito della riunione della Commissione europea di mercoledì, in cui deciderà i requisiti di ingresso per 27 paesi, determinerà il ritmo della ripresa per molte compagnie di viaggio quest’anno.

“La Cina è stata storicamente un mercato importante per i nostri clienti aziendali e lo accogliamo come un importante fattore abilitante per consentire la ripresa dei viaggi di lavoro”, ha aggiunto Michael Healy, responsabile delle operazioni in Europa presso l’agenzia di viaggi aziendali CTM. “Tuttavia, rimaniamo cauti in questa fase iniziale data l’incertezza sulle restrizioni e sui rischi di viaggio associati”.