Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le nuove regole italiane impongono alle navi di soccorso delle ONG viaggi più lunghi e frequenti

Nave di soccorso Ocean Viking (foto d’archivio SOS Mediterraneo)

Pubblicato il 29 dicembre 2022 alle 19:44

amministratore marittimo

L’amministrazione del primo ministro italiano Giorgia Meloni ha concordato una nuova politica di asilo per le navi di salvataggio dei migranti, una spina nel fianco della destra politica italiana.


Secondo l’ordine del gabinetto, le navi devono recarsi in un porto di rifugio “senza indugio” dopo aver cercato un porto di rifugio ed effettuato un’operazione di salvataggio. Questo è un cambiamento rispetto alla pratica attuale: storicamente, questi operatori sarebbero rimasti in stazione per diversi giorni dopo il primo salvataggio del viaggio, radunando i sopravvissuti da altre barche. Il nuovo requisito richiederebbe alle navi di soccorso di rientrare in porto dopo ogni singolo salvataggio, il che avrebbe l’effetto complessivo di ridurre la capacità nella zona di migrazione.


Inoltre, l’equipaggio della nave di soccorso deve informare i sopravvissuti che possono chiedere asilo in qualsiasi Stato membro dell’UE, non solo in Italia. Le violazioni delle nuove politiche comportano multe fino a $ 50.000 e i recidivi rischiano la confisca delle loro navi.


Un rifugio a lunga distanza


L’operatore della ONG SOS Mediterannee ha segnalato un’ulteriore nuova procedura che potrebbe ridurre il tempo della nave di soccorso in stazione. Il 27 dicembre la nave della ONG Vichingo oceanico Chiedendo un porto rifugio per il suo ultimo viaggio, il Centro italiano di coordinamento del soccorso marittimo gli ha dato il via libera per fare scalo a La Spezia, poi al porto di Ravenna, quasi altrettanto lontano. di Ocean Viking stato possibile mentre si è in Italia. Il porto era a 900 miglia nautiche e quattro giorni di distanza dalla sua posizione, dall’altra parte dell’Adriatico.


Un viaggio di andata e ritorno dalla Libyan Rescue Zone a Ravenna dura circa una settimana in più rispetto a un tipico viaggio in Sicilia. Se implementati come pratica di routine, i viaggi lunghi e frequenti aumenterebbero il costo operativo di un salvataggio, limitando l’efficacia delle ONG di soccorso senza le complicazioni legali e politiche di un’evidente barriera.


“Le nuove regole imposte dal governo italiano alle navi delle Ong ci costringono a lasciare incustodite le aree di soccorso nel Mediterraneo, portando a un inevitabile aumento del bilancio delle vittime”, ha affermato MSF (Medici senza frontiere) in un comunicato. “Immagina un incidente d’auto con feriti multipli e le ambulanze sono costrette a portarli negli ospedali di un’altra regione. A volte le ambulanze non sono disponibili”.

READ  Carlana Messalira unisce il vecchio e il nuovo in una biblioteca cittadina a Bendimalli, in Italia