Agosto 7, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le Nazioni Unite avvertono di “un incombente disastro della fame” dovuto al blocco russo | Nazioni Unite

Il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha avvertito che l’incombente catastrofe della fame esploderà entro i prossimi due anni, creando il rischio di una pressione politica globale senza precedenti.

Patrick Beasley ha chiesto riforme a breve e lungo termine, inclusa la revoca urgente del blocco dei 25 milioni di tonnellate di grano ucraino intrappolati dal blocco russo. L’attuale crisi della tolleranza alimentare È probabile che l’anno prossimo si trasformi in una crisi più grave della disponibilità di cibo, a meno che non vengano trovate soluzioni.

Il numero di persone classificate dalle Nazioni Unite come “gravemente insicure alimentari” prima della crisi del Covid era di 130 milioni, ma dopo il Covid questo numero è salito a 276 milioni.

“Quel numero è salito a 345 milioni a causa del Ucraina crisi. E 50 milioni di persone in 45 paesi sono a un passo dalla carestia.

La comunità internazionale deve agire per fermare l’incombente catastrofe della fame, altrimenti i numeri esploderanno.

I mercati alimentari globali sono precipitati in subbuglio, con aumenti dei prezzi, divieti all’esportazione e carenza di generi alimentari di base che si stanno diffondendo ben oltre i confini dell’Ucraina. I paesi dell’Africa, del Medio Oriente, dell’Asia e persino dell’America Latina stanno risentendo del calore di questo conflitto”.

Beasley afferma che le minacce alla sicurezza alimentare globale sono state esacerbate dalle interruzioni dei combustibili in tutto il mondo e Mercati dei fertilizzanti.

“Senza un’azione urgente, la produzione alimentare e i raccolti diminuiranno. Ciò solleva la spaventosa possibilità che oltre all’odierna crisi dei prezzi alimentari, il mondo dovrà affrontare anche una vera crisi di disponibilità di cibo nei prossimi 12-24 mesi – e con essa, il spettro di molteplici carestie”.

I prezzi dei generi alimentari hanno raggiunto il livello più alto degli ultimi 10 anni nel 2022, anche se negli ultimi due mesi si è registrato un leggero calo. La crisi è stata innescata dall’invasione russa dell’Ucraina e dei suoi paesi Assedio del Mar Nero Divieto di esportazioni di cereali critici.

lancio dell’opuscolo sulla crisi globale, Tony Blair Ha detto a The Guardian che la crisi alimentare che ora colpisce i paesi poveri dell’Africa, del Medio Oriente e dell’Asia “è molto probabile che causi gravi disagi allo stesso modo in cui avveniva prima della Primavera Araba”.

“C’è il pericolo reale che questo non sia un problema solo per quest’anno, ma possa essere esacerbato l’anno prossimo dagli enormi problemi del prossimo anno per ottenere fertilizzanti alimentari per far sì che le colture abbiano successo”, ha affermato.

“Questo interesserà milioni di persone e dovrebbe essere al centro della scena G20 In un modo che non è al momento. È comprensibile che i leader si stiano concentrando sulla propria crisi del costo della vita, ma posso dirvi dai miei contatti che questo problema è di grande preoccupazione per i leader africani”.

Una preoccupazione crescente è la carenza di fertilizzanti e il suo prezzo elevato. Nel 2021 Russia Ha fornito il 23% delle importazioni di fertilizzanti africani, raddoppiando la sua quota nel 2020, lasciando l’Africa vulnerabile proprio come è stata esposta la dipendenza dell’Europa dal gas russo.

Ciò significa, afferma l’opuscolo, che “non sarà solo l’Ucraina in termini di raccolto del prossimo anno – e molto altro a venire – a risentire dell’invasione russa. L’aumento dei prezzi dei fertilizzanti limita la capacità dei paesi di aumentare la propria produttività agricola solo quando è fondamentale per compensare il calo delle esportazioni globali di grano”.

È probabile che la crisi del grano sia una delle principali fonti di conflitto alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Bali, la prima volta che Sergei Lavrov, il ministro degli Esteri russo, ha affrontato collettivamente i suoi oppositori occidentali. Dall’inizio della crisi. Gli Stati Uniti sperano di sviare finalmente le false scuse della Russia sul blocco.

Ma molti paesi dell’Europa orientale sono profondamente sospettosi che Vladimir Putin sia seriamente intenzionato a trovare una soluzione al blocco del grano nel Mar Nero. Il ministro degli Esteri centroeuropeo ha dichiarato: “Putin vuole appiccare un incendio in Africa e in Medio Oriente e non si preoccupa delle conseguenze. È una strategia ben congegnata”.

Il ministro ha messo in dubbio la sincerità di Putin nel risolvere il blocco, rilevando che gli sforzi di mediazione dell’Onu e della Turchia su un convoglio navale erano già durati un mese e non erano ancora riusciti.

Più di una settimana fa, il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha detto ai leader del G7 che il momento della verità nella mediazione è arrivato, ma non c’è stata alcuna svolta successiva. Boris Johnson ha indicato questa settimana che Putin sembra disposto a revocare il blocco dei porti esportatori di grano dell’Ucraina solo se le sanzioni russe più ampie verranno revocate.

La Polonia e altri paesi stanno esortando l’UE a riconoscere che il blocco non può essere revocato con la negoziazione o con la forza, e dovrebbe invece concentrarsi sull’esportazione di grano in treno attraverso la Polonia. Ciò richiederà un contratto a lungo termine da assegnare ai porti polacchi e baltici per effettuare gli investimenti necessari.

Le cifre ufficiali differiscono sull’esatto impatto aggiuntivo del blocco portuale ucraino, ma mercoledì funzionari delle Nazioni Unite hanno affermato che il conflitto significherebbe altri 13 milioni di persone gravemente malnutrite quest’anno e 17 milioni nel 2023. Ha suggerito che se il blocco non verrà revocato entro ottobre, il prossimo raccolto, fino a 70 milioni di cereali in Ucraina potrebbero essere intrappolati.

Il team di Blair concorda sul fatto che revocare il blocco da solo non rimuoverà il danno già fatto alla sicurezza alimentare globale, dicendo: “Questa è una crisi che durerà per anni, non mesi”.

READ  Un milione di residenti di Wuhan sotto blocco COVID-19 dopo quattro casi