Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le montagne russe del gas stanno spalancando gli orizzonti dell’inflazione in Europa

(Bloomberg) — Iscriviti alla newsletter New Economy Daily, seguici su @economics e iscriviti al nostro podcast.

I più letti da Bloomberg

I prezzi più bassi del gas naturale, grazie al clima invernale più mite, hanno accresciuto le prospettive che l’inflazione nell’Eurozona diminuirà prima del previsto.

Dopo un anno in cui i prezzi al consumo hanno costantemente superato le aspettative a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, l’Unione inizia il 2023 con il potenziale per questa inversione dinamica e mentre le sue prospettive economiche a breve termine prendono forma.

C’è anche la possibilità che l’inflazione generale raggiunga l’obiettivo del 2% della BCE nel quarto trimestre, piuttosto che nel 2025 come l’istituzione aveva previsto solo un mese fa, secondo George Angeli, capo economista del Panteleon di Zurigo.

Se i prezzi del gas rimangono dove sono, “ci sarà una massiccia pressione al ribasso sull’inflazione”, ha detto. Con le ipotesi della BCE per dicembre ben al di sopra degli attuali livelli di mercato, la sua prossima serie di previsioni potrebbe essere rivista al ribasso.

Angeli ha detto che la Bce è “di nuovo fuori dall’ordinario”. Ma questa volta nella direzione opposta.

Il problema è che l’incertezza sulla traiettoria dei prezzi del gas rimane elevata, anche se cresce l’ottimismo sul fatto che dietro di essa ci sia la peggiore crisi energetica europea.

Temperature miti, forniture diversificate e sforzi per ridurre i consumi hanno alleviato gran parte della pressione rilasciata quando la Russia ha attaccato il suo vicino quasi un anno fa. Le scorte di gas sono ben al di sopra della media degli ultimi cinque anni ei prezzi sono recentemente scesi al di sotto dei livelli prebellici.

READ  Il ministro della Difesa ordina a sei compagnie aeree commerciali di aiutare a trasportare i rifugiati afghani

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha dichiarato questo mese che il rischio di un “completo collasso economico” sembra essere stato scongiurato. Le prospettive più ottimistiche rappresentano un’inversione di tendenza rispetto a pochi mesi fa, quando si temeva che la regione avrebbe faticato a tenere le luci accese durante i mesi più freddi.

Tuttavia, l’inverno si protrae ancora e vi sono rischi di eventuali periodi di maltempo o interruzioni di rifornimenti freschi. Nei prossimi giorni è prevista un’ondata di freddo nella regione.

Ci sono anche timori che l’Europa possa affrontare un anno più difficile a venire poiché fatica a ricostituire le scorte di gas precedentemente fornite dalla Russia, mentre un’improvvisa riapertura del Covid in Cina potrebbe portare a un aumento della domanda di GNL.

“L’impatto dei prezzi del gas più bassi dipende dal fatto che rimangano a questi livelli o se questo allentamento sia temporaneo”, ha affermato Ella Meyer, economista presso la Danske Bank di Copenaghen.

“C’è ancora il rischio che la situazione possa deteriorarsi in caso di un nuovo shock o di un attacco alle infrastrutture energetiche europee”, ha affermato. “Se continua così, significa che il rallentamento dell’inflazione energetica potrebbe arrivare più velocemente di quanto previsto in precedenza”.

Una situazione energetica più favorevole rende gli economisti più ottimisti. Goldman Sachs e Bank of America la scorsa settimana hanno tagliato le aspettative che l’eurozona subirà una recessione invernale, affermando che i prezzi del gas più bassi potrebbero accelerare il calo dell’inflazione.

Tali opinioni sono state rafforzate dai dati pubblicati venerdì, che hanno mostrato che l’economia tedesca potrebbe aver evitato la recessione negli ultimi tre mesi del 2022.

READ  L'economia globale sta entrando nella spirale dei salari e dei prezzi?

Tuttavia, altri avvertono che c’è molto dolore davanti. Sebbene esista un legame abbastanza diretto tra i prezzi all’ingrosso del gas e ciò che i consumatori pagano in paesi come l’Italia e i Paesi Bassi, Angell di Pantelion afferma che molte famiglie, ad esempio gli affittuari in Germania, dovranno ancora affrontare bollette del riscaldamento da capogiro quest’anno.

Nel frattempo, i ministri delle finanze di tutta la regione possono tirare un sospiro di sollievo per il fatto che la miriade di misure di sostegno concordate lo scorso anno sembrino meno costose di quanto temuto. Gli economisti di Berenberg hanno già abbassato le loro previsioni per il deficit fiscale della zona euro per il 2023 al 3,7% dal 4,3%.

È improbabile che tutto ciò faccia molta impressione sui responsabili politici della Banca centrale europea, che hanno recentemente enfatizzato la loro attenzione sull’inflazione core, che rimuove componenti volatili come energia e cibo. La misura ha raggiunto un livello record a dicembre, con il capo economista Philip Lane che ha avvertito che gli aumenti salariali li manterrebbero alti.

“Forse il recente ottimismo sull’inflazione nei mercati era un po’ troppo alto e si sono concentrati troppo sull’inflazione complessiva”, ha detto Meh di Danske. “L’inflazione core è ancora in aumento ed è il principale fattore determinante della BCE nel breve termine. Non credo che un rallentamento dell’inflazione energetica li renderà più pessimisti nel breve termine.”

I più letti da Bloomberg Businessweek

© 2023 Bloomberg LP