Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le insolvenze crescono del 50% in Francia – EURACTIV.com

Nel 2022, circa 42.500 aziende francesi hanno chiuso i battenti, il che rappresenta un aumento di quasi il 50% dei casi di insolvenza rispetto al 2021, secondo un rapporto della società di consulenza di analisi dei dati Altares.

Leggi l’articolo originale in francese qui.

Ciò rappresenta un aumento del 49,9% rispetto al 2021, un record dovuto alla debole ripresa economica dall’inizio della pandemia di COVID-19.

Il numero di insolvenze è diminuito drasticamente tra marzo 2020 e novembre 2021 poiché le aziende hanno fatto molto affidamento sui programmi di sostegno del governo. Man mano che la liquidità si esaurisce e le imprese sono costrette a iniziare a rimborsare i prestiti garantiti dallo Stato, il numero di insolvenze sta nuovamente aumentando e, sebbene i numeri per il 2022 rimangano inferiori a quelli del 2019, la velocità con cui vengono registrati è significativa .

I sindacati avvertono che i fallimenti di massa per le aziende francesi rappresentano un rischio reale

I sindacati del paese hanno avvertito che il rimborso dei prestiti garantiti dallo stato e dei contributi previdenziali sta diventando sempre più difficile per molte aziende francesi, in particolare quelle piccole, poiché il rischio di bancarotta di massa raggiunge il massimo storico.

Più preoccupante per le piccole e medie imprese

In generale, le insolvenze hanno colpito maggiormente le piccole imprese. In tutta Europa, l’80% dei fallimenti (1,6 milioni) nel 2021 ha coinvolto singole aziende, secondo la Commissione europea, e lo stesso vale per la Francia.

Tuttavia, i dati di Altares mostrano che la situazione sta diventando sempre più preoccupante per le grandi PMI con 10-99 dipendenti.

“Nel 2022 sono stati registrati 3214 fallimenti per le piccole e medie imprese rispetto ai 1804 del 2021, con un incremento del +78% in un anno” Leggi il rapporto. Un terzo di questi fallimenti si è verificato negli ultimi tre mesi del 2022, con un aumento del 93%.

READ  Il Dipartimento di Stato pone le basi per la costruzione di un nuovo Consolato Generale degli Stati Uniti a Milano, in Italia

“Quando le PMI crollano, l’intera rete economica locale ne risente”, ha dichiarato a EURACTIV Francia Thierry Mellon, direttore dello studio.

“Non possono più pagare i loro fornitori e la perdita di posti di lavoro è molto maggiore lungo la catena del valore”, ha affermato. Ciò che lo preoccupa particolarmente è che alcune di queste PMI erano economicamente solide all’inizio prima di essere costrette a rilassarsi.

Le bollette energetiche elevate, la bassa crescita economica ei numerosi vincoli finanziari imposti dall’estinzione dei prestiti garantiti dallo Stato contribuiscono a questa tendenza.

L’era del “qualunque cosa serva” coniata dal presidente Emmanuel Macron per aiutare le imprese con ogni mezzo possibile durante la pandemia è finita.

“Sono presenti tutti i fattori per rendere il primo trimestre del 2023 molto scomodo per molte aziende”, ha affermato Mellon, avvertendo che i numeri di insolenza pre-COID potrebbero essere raggiunti molto più rapidamente del previsto.

Il settore aumenta ea livello di Europa

Il rapporto Altares afferma che i fallimenti interessano tutti i settori, con il settore delle costruzioni responsabile di un quarto di tutti i fallimenti, con 10.000 casi chiusi.

Lo stesso vale per il commercio al dettaglio, dove il numero delle imprese, soprattutto quelle più piccole, sta rapidamente diminuendo. Per quanto riguarda i servizi, ha mostrato un aumento di contenimento del 32,3% rispetto al 2021.

Il numero di insolvenze continuerà ad aumentare nel 2023, con il rapporto che prevede 55.000 fallimenti quell’anno, un numero vicino ai 55.400 fallimenti aziendali registrati nel 2017.

Un aumento dei fallimenti si registra anche in altre parti d’Europa.

Mentre in Italia sono 100.000 le aziende a rischio fallimento, secondo i dati di ottobre 2022 dell’Osservatorio Rischio Imprese pubblicati dalla società di ricerche di mercato Cerv, le domande di sospensione temporanea delle operazioni sono aumentate del 39,4% in Polonia nell’ultimo anno.

READ  Regno Unito, Francia e Spagna accelerano i nuovi controlli Covid per gli arrivi dalla Cina

Nel frattempo, “più di un’azienda britannica su dieci ha segnalato un rischio di fallimento da moderato a grave nell’agosto 2022”, secondo Nota Dall’Ufficio Nazionale di Statistica.

Gli europei stanno chiudendo i battenti mentre incombe la recessione economica

Nell’edizione odierna di Capitals, scopri di più sui parlamentari albanesi che propongono multe più basse e limiti di velocità più elevati nonostante gli alti incidenti automobilistici, Schulz apre un forum economico tedesco-ucraino per promuovere un “futuro membro dell’UE” e molto altro.

[Edited by Alice Taylor]