Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le forze ucraine entrano a Kherson dopo il ritiro della Russia

ucraino Le truppe sono entrate nel confine occidentale di Kherson, secondo le foto sui social media identificate dalla CNN, dopo il ritiro russo forze.
L’arrivo dell’esercito ucraino nella capitale regionale venerdì arriva dopo che la Russia si è ritirata dall’area a ovest del fiume Dnipro, in una delle più grandi battute d’arresto militari del Cremlino. Dall’inizio della guerra.

Nelle foto, le truppe ucraine possono essere viste circondate da residenti nel distretto di Shuminsky nella città di Kherson. I cittadini hanno anche allagato la piazza centrale della città, sventolando e sventolando bandiere ucraine, in altre foto geolocalizzate della CNN.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha ordinato il ritiro delle truppe da Kherson e dalle aree adiacenti mercoledì dopo che il suo alto generale in Ucraina ha affermato che la perdita delle rotte di rifornimento durante la controffensiva nell’Ucraina meridionale aveva reso la difesa “irrealizzabile”. (AFP)

In una dichiarazione rilasciata dalle agenzie di stampa statali russe, il ministero ha affermato che il ritiro è stato completato alle 5:00 di venerdì (14:00 EST) e non è stata lasciata nessuna unità di equipaggiamento militare.

Il Cremlino è rimasto provocatorio venerdì, insistendo sul fatto che il ritiro non è stato in alcun modo motivo di imbarazzo per il presidente russo Vladimir Putin.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti che Mosca continua a considerare la regione di Kherson come parte della Russia. Ha aggiunto che il Cremlino non si pente di aver tenuto cerimonie poco più di un mese fa per celebrare l’annessione illegale di Kherson e di altre tre regioni ucraine.

Le aree lasciate dall’esercito russo includevano Kherson – l’unica capitale regionale catturata da Mosca durante l’invasione dell’Ucraina durata 8,5 mesi – dopo che Mosca ha ordinato un ritiro parziale dall’area mercoledì.

Un funzionario ucraino locale nella regione ha detto alla Galileus Web venerdì che non poteva “confermare o negare” se le forze russe si fossero ritirate da Kherson.

Manteniamo lo schema del “silenzio informativo”, ha affermato Yuri Sobolevsky, primo vicepresidente del Consiglio regionale di Kherson dell’Ucraina.

“Non commentiamo il movimento militare ucraino o il movimento militare ostile”.

Sobolevsky ha anche rifiutato di confermare l’autenticità delle foto sui social media della bandiera ucraina nel centro di Kherson.

“Non posso confermare che questa sia una foto reale”, ha detto. “Ma posso dire che è piazza Svobodi (Piazza della Libertà), dove si sono svolte tutte le marce contro l’occupazione. Il movimento di resistenza è sempre stato a Kherson, dall’inizio dell’occupazione, e la gente ha dimostrato la propria posizione patriottica attraverso graffiti patriottici, nastri, bandiere, ecc.”

Secondo i video dei social media geolocalizzati dalla CNN, i residenti ucraini in una città alla periferia occidentale di Kherson hanno alzato la bandiera ucraina e abbattuto i pannelli di propaganda russa.

I video provengono dalla città di Belozerka, a circa 10 chilometri (6 miglia) a ovest di Kherson.

Un treno della metropolitana passa sul ponte sul fiume Dnipro a Kiev, in Ucraina, venerdì 11 novembre 2022.
Un treno della metropolitana passa sul ponte sul fiume Dnipro a Kiev, in Ucraina, venerdì 11 novembre 2022. (Foto AP/Andrew Kravchenko)

Uno dei video mostra una bandiera ucraina che sventola su un memoriale della seconda guerra mondiale. Un’altra clip mostra i residenti che strappano uno striscione di propaganda con una ragazza che tiene in mano una bandiera russa che dice: “La Russia è qui per sempre”.

Venerdì, foto e video sui social media hanno mostrato anche la distruzione del ponte Antonevsky, il passaggio principale sul fiume Dnipro nella regione di Kherson.

Alexander Kots, corrispondente del tabloid russo filogovernativo Komsomolskaya Pravda, ha pubblicato un video sul suo canale Telegram in piedi all’incrocio, mostrando l’intera parte centrale del ponte distrutta.

“Dietro di me ci sono i due tratti crollati del ponte (il ponte)”, ha detto Coates. “È probabile che sia stato fatto esplodere durante il ritiro del gruppo di truppe russe dalla sponda destra a sinistra” o dalla sponda occidentale alla sponda orientale.

Prima dell’annuncio russo, l’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha definito “difficile” la situazione nella regione di Kherson.

E ha parlato del bombardamento russo di alcuni villaggi e città di cui le forze ucraine hanno ripreso il controllo nelle ultime settimane durante il loro contrattacco nella regione di Kherson.

I funzionari ucraini erano diffidenti nei confronti del ritiro russo annunciato questa settimana, temendo che i loro soldati sarebbero stati coinvolti in un’imboscata a Kherson, che aveva una popolazione di 280.000 abitanti prima della guerra. Gli analisti militari hanno anche previsto che l’esercito russo avrebbe impiegato almeno una settimana per completare il ritiro delle forze.

Il consigliere presidenziale ucraino Mikhailo Podolyak ha dichiarato giovedì che le forze russe in ritirata avevano piantato mine attraverso Kherson per trasformarla in una “città della morte”. Predisse anche che avrebbero bombardato la città dopo essersi spostati attraverso il fiume Dnepr.

Le condizioni del ponte principale Antonevsky che collega le sponde occidentali e orientali del fiume Dnepr nella regione di Kherson sono rimaste poco chiare venerdì e potrebbero essere fondamentali per determinare se i russi abbiano effettivamente lasciato Kherson.

I soldati dell’esercito russo stanno accanto ai loro camion durante una manifestazione contro l’occupazione russa in piazza Svobody (Libertà) a Kherson, Ucraina, lunedì 7 marzo 2022 (Foto AP, File) (AFP)

I resoconti dei media russi hanno indicato che il ponte è stato fatto saltare in aria dopo il ritiro russo. I giornalisti pro-Cremlino hanno rilasciato filmati del ponte, che ne ha perso gran parte. Ma Sergei Yelisiyev, il funzionario russo nella regione di Kherson, ha detto all’agenzia di stampa Interfax che “il ponte Antonevsky non è stato fatto saltare in aria, è nelle stesse condizioni”.

La riconquista della città potrebbe fornire all’Ucraina un trampolino di lancio per rifornimenti e truppe per cercare di reclamare altri territori perduti nel sud, inclusa la Crimea, che Mosca ha catturato nel 2014.

Ma dalle nuove posizioni delle sue forze sulla sponda orientale, il Cremlino potrebbe tentare di intensificare la guerra, che secondo le stime degli Stati Uniti potrebbe aver ucciso o già ferito decine di migliaia di civili e centinaia di migliaia di soldati.

READ  Con l'inizio delle misure di emergenza per il virus corona emergente, gli indonesiani "gridano" | Notizie sulla pandemia del virus corona