Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le donne transgender indonesiane spinte sull’orlo durante la pandemia di COVID

Dopo aver contratto il coronavirus, Jenny Micah ha dovuto affrontare una scelta: scendere in strada in cerca di cibo, infettare più persone o morire di fame.

Come molte delle Wariya Indonesia (donne transgender) emarginate e stigmatizzate, Micah non aveva una rete familiare da sostenere quando era malata il mese scorso.

Con l’aiuto del coordinatore del Wari Crisis Center a Yogyakarta, Ruli Malai o “la mamma di Ruli”, la signora Micah è stata in grado di isolarsi a casa per due settimane finché non si è sentita meglio.

“All’inizio non volevo dire a nessuno che ero malato, pensavo di potermi ancora prendere cura di me stesso”, ha detto Micah alla ABC.

“Ma a causa di questa situazione epidemica, ho chiamato mamma Rulie e mi ha chiesto di autoisolarmi”.

La signora Micah ha affermato di essere grata per il supporto che ha ricevuto mentre si autoisolava e si riprendeva la salute.

“Non c’era assolutamente nulla dal governo”, ha detto.

“Tutto dalle donazioni, dalla solidarietà”.

“La maggior parte di loro è morta di malnutrizione”

Secondo la signora Malay, almeno 18 donne transgender sono morte a Yogyakarta durante la pandemia, ma molte di loro non avevano il COVID-19.

“La maggior parte di loro è morta di malnutrizione”, ha detto.

Rolly malese
Roli Malay ha organizzato una raccolta fondi per aiutare le donne transgender a Yogyakarta.(

fornito

)

Malay, che gestisce anche una ONG transgender chiamata Kebaya, ha affermato che molti soffrono di depressione e comorbidità, come infarti e ictus, causati dalla difficile situazione economica.

La malese ha detto che le donne trans lavorano tipicamente in Indonesia come truccatrici, truccatrici o parrucchiere e guadagnano circa $ 100 al mese.

Ma durante la pandemia, pochi sono stati in grado di sostenersi.

Le persone smistano le merci imballate in scatole.
I volontari di Kebaya distribuiscono cibo e medicine donati alle donne transgender bisognose.(

fornito

)

La malese è andata sui social media per sollecitare donazioni per le donne trans a Yogyakarta e ha raccolto circa 13.000 dollari, alcuni dei quali sono andati a Micah.

“Finora abbiamo speso circa $ 6.000 e stiamo risparmiando i restanti $ 7.000 per cose inaspettate, specialmente se c’è una morte o un funerale e un funerale”, ha detto.

“Stiamo anche progettando di affittare una stanza in modo da avere un posto alternativo dove stare.”

Jenny Micah
Jenny Micah è riuscita a sopravvivere a due settimane di autoisolamento con l’aiuto di un’organizzazione di difesa delle donne trans.(

fornito

)

La signora Micah ha detto che la maggior parte delle donne transgender non è andata ai servizi sanitari del governo perché non erano registrate presso il governo.

Ha aggiunto che senza una carta d’identità, non poteva partecipare alle elezioni e nemmeno aprire un conto in banca.

Zodan Arif Fikrullah, direttore generale del Ministero degli Interni, ha affermato che i servizi sono disponibili per tutti i cittadini indonesiani, comprese le donne transgender.

“Dal momento che alcune di loro erano riluttanti a venire da noi, abbiamo provato un approccio diverso lavorando con alcune comunità di donne trans nella raccolta dei loro dati per registrare il loro CIN [NIK]Il professor Fikrullah ha detto all’ABC.

Ha esortato le donne trans e i gruppi ad andare all’ufficio del registro civile per la registrazione.

Mami Yuli
Julianus Ritblut gestisce un rifugio e un salone per donne transgender nell’area di Jakarta.(

fornito

)

Viviamo sulla fornitura di riso e spaghetti istantanei

Julianus Ritblaut, presidente dell’Indonesia Transgender Communication Forum, ha affermato che la guerra nella regione di Jakarta ha affrontato condizioni difficili simili a quelle di Yogyakarta.

La signora Ritblaut, meglio conosciuta come “Mami Yuli”, gestisce un rifugio per donne transgender a Depok, a circa 45 chilometri da Jakarta, finanziato da un parrucchiere che dà lavoro a otto donne transgender.

“Non ci sono quasi clienti che vengono al salone. Ora non so come pagare l’affitto, sono in ritardo di due mesi”, ha detto.

Ha detto che il rifugio ha fornito alloggi temporanei di emergenza a 831 donne trans per lo più anziane nell’area metropolitana di Jakarta, e che 17 vivevano effettivamente lì in modo permanente.

Questo nonostante il suo capo del quartiere locale avesse avvertito che un massimo di 10 persone alla volta potevano rimanere lì durante la pandemia.

“Ma si chiama casa di accoglienza, non possiamo controllare quante persone vanno avanti e indietro, giusto? E se qualcuno ha bisogno di aiuto, come posso rifiutare?” disse la signora Rettblaut.

Ha detto che le donne del rifugio dipendevano principalmente dalle donazioni.

“Ma anche così, diverse amiche di donne trans sono venute e mi hanno chiesto se potevo dargliene un po’. Il mio cuore era lacerato”.

La signora Ritblot ha anche chiesto alle donne trans che lavoravano nel salone e vivevano nel suo rifugio di fare e vendere torte.

lance sanja
Più di una dozzina di donne transgender, per lo più anziane, vivono nel rifugio gestito da Julianus Ritblot.(

fornito

)

“Finché abbiamo abbastanza soldi per comprare il riso o [instant] Pasta, staremo bene. “Ci limiteremo a resistere”, ha detto.

“Stiamo attraversando tempi difficili, perché solo in questo mese ci sono circa 27 donne trans a Jakarta che sono morte di COVID.

“Fortunatamente, perché sono stati sepolti secondo i protocolli COVID, non è costato nulla.

Nel frattempo, la collaborazione tra attivisti e operatori comunitari a Canberra, Melbourne, Jakarta, Yogyakarta e Bali sta lavorando per colmare le lacune nel sostegno.

La Cross Border Community Initiative ha finora raccolto più di 10.000 dollari attraverso la piattaforma GoFundMe per supportare le donne transgender mentre si autoisolano a casa e si vaccinano.

READ  L'ex presidente del Regno Unito John Bercow si unisce ai laburisti dopo decenni con il partito conservatore. Dice che non c'è niente di personale contro Boris Johnson